900 CONDIVISIONI
24 Maggio 2022
17:59

Salvini: “No all’invio di nuove armi in Ucraina. Difesa sempre legittima? In questo caso è diverso”

Matteo Salvini spiega di essere d’accordo con il segretario del PD Letta sulla necessità di un incontro urgente Putin-Zelensky, quindi chiede al governo di non inviare più armi in Ucraina.
A cura di Giacomo Andreoli
900 CONDIVISIONI

"Per una volta dopo tanto tempo sono d'accordo con Enrico Letta: serve un incontro tra Zelensky e Putin per parlare di pace in Ucraina. Finalmente si riconosce che la fine del conflitto è urgente, io lo dico da tempo: facciamo tutto il possibile per creare questo tavolo". A dirlo è Matteo Salvini, intervenendo sulla situazione in Ucraina, dopo le parole del segretario del Partito democratico, che ha aperto ad un incontro tra i leader russo e ucraino per far terminare la guerra.

A Porta a Porta, poi, la cui intervista andrà in onda stasera, il numero uno della Lega spiega di avere "la certezza che se continuiamo a mandare armi, tra sei mesi siamo qui a contare i morti: è un un errore madornale che allarga il conflitto". Al contrario, per il leader del Carroccio, bisogna insistere per un incontro di pace e un cessate il fuoco, da domandare direttamente a Putin. "Andiamoglielo a chiedere – dice- Vediamo che carte ha. Glielo stiamo chiedendo mandando armi e con un ministro degli Esteri che lo chiama animale". Quindi auspica che non ci sia un altro voto in Parlamento sull'invio di armi a Kiev.

Quanto al fatto che queste posizioni per alcuni aspetti siano simili a quelle dei 5 stelle, Salvini si dice "non imbarazzato, perché la pace non mi imbarazza mai e per averela sono disposto a votare con chiunque e a vedere chiunque". Infine spiega che la legittima difesa in casa (con la legge approvata proprio per volontà della Lega nel 2019) e quella di un popolo sono su due piani diversi. "Se voi siete rassegnati a una guerra a oltranza ok, io no" chiosa.

È stato Letta, ospite a "Oggi è un altro giorno" su Rai1, a definire invece la differenza, secondo lui, tra Lega e M5s nel modo di stare al governo. "I Cinque stelle – ha detto- non fanno la stessa cosa di Salvini, che fa di tutto per far cadere il governo. Conte no".

900 CONDIVISIONI
I partiti continuano a litigare sull'invio di armi all'Ucraina
I partiti continuano a litigare sull'invio di armi all'Ucraina
Guerra, Draghi:
Guerra, Draghi: "L’Ucraina si deve difendere, sanzioni e invio di armi servono a questo"
Draghi dice che Kiev non ha chiesto l'invio di nuove armi, ma Zelensky ne vuole di più potenti
Draghi dice che Kiev non ha chiesto l'invio di nuove armi, ma Zelensky ne vuole di più potenti
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni