1.268 CONDIVISIONI
Manovra economica 2022
1 Dicembre 2022
13:25

Renzi pronto a dialogare con Meloni: “Non è un inciucio, portiamo le nostre proposte sulla manovra”

Il leader di Italia Viva promuove il dialogo con il governo Meloni su alcune proposte: “Voteremo no alla manovra, ma possiamo sostenere su singoli emendamenti l’esecutivo”. E si difende: “Non è un inciucio, è civiltà”.
A cura di Tommaso Coluzzi
1.268 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Manovra economica 2022

Dialogare con il governo, dall'opposizione. Matteo Renzi ha le idee chiare sul ruolo del Terzo polo in questa fase: bisogna parlare con Meloni per migliorare la legge di Bilancio. L'incontro tra la presidente del Consiglio e Carlo Calenda va ovviamente in questa direzione. "Noi voteremo contro la manovra – dice subito il leader di Italia Viva intervistato da Quotidiano Nazionale – tuttavia possiamo sostenere su singoli emendamenti il governo". Poi Renzi parla di questioni specifiche, come Industria 4.0 e il reddito di cittadinanza, su cui, secondo il senatore, l'esecutivo è stato poco coraggioso: "Bisogna cancellarlo e tornare al reddito di inclusione".

Renzi chiede anche di prendere il Mes, e sul rapporto con la destra assicura: "Un incontro serio tra maggioranza e opposizione non è un inciucio, è civiltà". Su Meloni e Salvini poi attacca: "Saremo seri con loro, anche se non lo sono stati con noi". Ma "abbiamo uno stile diverso, e ne vado orgoglioso".

Il leader di Italia Viva torna anche ad attaccare Conte: "Su Ischia c'è una responsabilità grande come una casa del governo Conte uno – dice in Senato – L'abusivismo uccide, urlavamo quattro anni fa e ci dicevate che era un ambientalismo da salotto. L'abusivismo uccide, replichiamo oggi, e se avete sbagliato quattro anni fa non arrampicatevi sugli specchi, chiedete scusa e ripartite, anziché continuare a fare quello che avete fatto in queste ore, cari amici dei 5 Stelle".

Sul Pd evita le domande, invece, parlando di strumentalizzazione, ma rilancia: "Tanto il futuro siamo noi del Terzo polo". E a proposito di futuro, conferma la direzione presa da Italia Viva e Azione: in una prima fase ci sarà la federazione, poi si andrà verso il partito unico. "Nel frattempo, lavoriamo per il nostro obiettivo che è quello di diventare il primo partito alle europee del 2024".

1.268 CONDIVISIONI
131 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni