Covid 19
25 Settembre 2021
12:26

Quando potrebbe cambiare la quarantena in caso di contagi a scuola: le novità per gli studenti

In caso di contagio tra gli studenti il protocollo da seguire a scuola potrebbe presto cambiare: l’ipotesi più probabile è quella di ridurre la quarantena, sia dal punto di vista dei giorni di isolamento sia per la sua applicazione, che riguarderebbe solamente i vicini di banco. Secondo il sottosegretario alla Salute, Pierpaolo Sileri, una decisione potrebbe arrivare a ottobre, dopo aver valutato l’impatto del ritorno in classe.
A cura di Stefano Rizzuti
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Le scuole hanno riaperto da pochi giorni in tutta Italia e l’impatto del ritorno in classe per tutti per ora sembra non preoccupare. Finora non si è registrato un aumento dei casi di Covid in seguito al ritorno a scuola, ma la situazione epidemiologica dovrà essere controllata anche nelle prossime settimane. Per poi arrivare a nuove decisioni riguardanti le regole da rispettare in caso di positivo in classe. In particolare si ipotizza di ridurre la quarantena per i contatti dei casi di contagio registrati a scuola: potrebbe durare meno giorni (passando da sette a cinque) e riguardare solamente chi si trova più vicino al contagiato, quindi il suo compagno di banco o chi è in un banco vicino. A confermare che si stanno valutando queste ipotesi è il sottosegretario alla Salute, Pierpaolo Sileri, intervenuto a Timeline, su Sky Tg24.

Scuola, come e quando potrebbe cambiare la quarantena

La prima valutazione da fare è quella sulla quarantena ridotta, quindi: “Ci si sta lavorando – assicura Sileri – Vanno acquisiti ulteriori dati: tutto dipenderà da quella che sarà la circolazione del virus nelle prossime settimane, ma è inevitabile che questo accadrà”. Quindi servirà qualche giorno prima di arrivare a una decisione, anche se è difficile ad oggi stabilire quali possano essere le tempistiche. E anche Sileri non si sbilancia con una data precisa, pur dando qualche primo riferimento: “Direi che, sulla scuola, già tra due/tre settimane potremo fare un punto, intorno al 10 di ottobre”.

Verso aumento capienza per cinema, teatri e stadi

L’altra questione che verrà affrontata nei prossimi giorni è quella della capienza di cinema, teatri e stadi. Secondo Sileri “i tempi sono maturi per un aumento della capienza agli eventi. Ma dovrà essere fatto in modo graduale e specifico”. La prossima settimana, probabilmente lunedì, ci sarà una riunione del Comitato tecnico scientifico per stabilire quali potranno essere le nuove regole sulla capienza: l’ipotesi più probabile è quella di un allargamento all’80%. Sileri illustra la sua posizione: “Non è prematuro aumentare i posti nei cinema, riaprire gli stadi, fare dei concerti. È chiaro che deve essere fatto con gradualità perché il cinema è una cosa, il teatro è un’altra cosa e il concerto è un’altra cosa ancora. E sul concerto, dove maggiore può essere il rischio, servono ovviamente delle garanzie maggiori”.

27586 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni