2.516 CONDIVISIONI
Coalizione Centrodestra
44%
56 Seggi
Coalizione Centrosinistra
26%
5 Seggi
Movimento Cinque Stelle
15.6%
5 Seggi
Azione - Italia Viva - Calenda
7.7%
Per L'Italia con Paragone
1.9%
Unione Popolare con De Magistris
1.4%
60375 sezioni su 60399
Ultimo aggiornamento: 4 minuti fa
Coalizione Centrodestra
43.8%
121 Seggi
Coalizione Centrosinistra
26.1%
12 Seggi
Movimento Cinque Stelle
15.4%
10 Seggi
Azione - Italia Viva - Calenda
7.8%
Per L'Italia con Paragone
1.9%
Unione Popolare con De Magistris
1.4%
61396 sezioni su 61417
Ultimo aggiornamento: 10 minuti fa
Opinioni
Elezioni politiche del 25 settembre 2022 in Italia
31 Agosto 2022
18:35

Perché non c’è niente di anti-democratico in chi strappa i manifesti elettorali

È giusto strappare un manifesto le cui idee si ritengono lesive della propria dignità?
A cura di Saverio Tommasi
2.516 CONDIVISIONI
Il manifesto strappato durante il Pride a Cagliari
Il manifesto strappato durante il Pride a Cagliari
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Elezioni politiche del 25 settembre 2022 in Italia

Beato quel mondo che sa condannare la violenza ma comprende la necessità dell'impegno politico, che può passare anche da un blocco stradale, da un volantinaggio non annunciato o da un cartellone con un volto photoshoppato fatto a pezzettini.

I signori non gradiscono? Siamo allora sulla strada giusta: perché quando un leader politico che ha le possibilità economiche sufficienti a posizionare un milione di cartelloni pubblicitari in tutta Italia, si lamenta e chiede solidarietà per un singolo cartello strappato, significa che si sono rotte le proporzioni democratiche.

Tutela delle minoranze, dovrebbe saperlo bene l'onorevole Giorgia Meloni, è anche permettere a un gruppo di giovani donne di esercitare la disobbedienza in una delle poche forme che permette loro di avere una cassa di risonanza.

Lo spiego con un esempio facile: se Giorgia Meloni fissa una conferenza stampa andranno in cento giornalisti ad ascoltarla, ma se a Cagliari sfila il Pride forse non andrà nessuno, e siccome le manifestazioni sono politica, e anche un manifesto è un atto politico, si può decidere di ribellarsi a quell'atto politico anche cercando una visibilità altrimenti impossibile, cioè strappando quello che quel pezzo di cartone rappresenta (o pensano che rappresenti).

È bene essere chiari con un concetto: quel manifesto accanto al corpo di giovani manifestanti che si sono sentite – loro sì – sfigurate dalle dichiarazioni di Giorgia Meloni, era in quel momento e in quel contesto un atto politico. E strapparlo lo è stato altrettanto.

Si può essere d'accordo oppure no, ognuno di noi avrebbe potuto farlo oppure no, ma in questo caso non conta il nostro sentire, ma riconoscere la possibilità di quel tipo di atto politico in quel particolare contesto.

Nessuno è stato censurato, stiano tranquilli i meloniani: il messaggio del primo partito italiano risuona ovunque forte e chiaro, e sarà così per molto tempo ancora.
Niente è stato fatto al buio, o di nascosto: anzi, le ragazze hanno svolto la loro azione di fronte a delle riprese video di cui erano consapevoli e partecipi, perché appunto la loro è stata un'azione politica, rivendicata.

E non c'è minaccia in un manifesto strappato durante un'azione politica, non è un danno personale alla cassetta della posta di un personaggio mediaticamente esposto, o un pizzino, o un calcio durante una manifestazione. E' stato un pezzo di cartone con un messaggio ritenuto lesivo della dignità umana che è stato tolto dallo spazio della discussione. Stop. Solo questo.

Eppure oggi è un susseguirsi di richieste di distinguo di fronte a quel gesto, di reati di lesa maestà spesso richiesti alzando il braccio destro per farsi notare meglio.
Eppure io me le ricordo tutte, le dichiarazioni di tanti commentatori del mercoledì mattina:
"La sede devastata della CGIL, cosa vuoi che sia, lo avevano anche annunciato".
"Il motto fascista ‘Dio, Patria, Famiglia' in realtà non era fascista, lo aveva inventato Mazzini".
"La croce celtica si ritrova anche nei cimiteri irlandesi, portarla al collo è soltanto una tradizione".
"Fatemi vedere le 100 ore di girato".

E invece, per un manifesto politico strappato, il diluvio. La richiesta di condanna senza se e senza ma.

Ma la solidarietà alla persona esageratamente più forte, per potere ed economia, puzza sempre un po'. In questo caso, poi, quello delle manifestanti è stato un atto di affermazione. Per farla semplice è come se le giovani donne avessero gridato: "Le tue idee sfigurano il diritto all'esistenza dei nostri corpi", e hanno tolto quelle idee dalla strada.

E se ve lo state chiedendo, sì, anche a me è capitato di strappare manifesti elettorali per strada, quando ero molto più giovane. Oggi lo rifarei? No. Me ne sono pentito? Neanche. Ogni tempo ha i propri modi di espressione e scandalizzarsi non rende giusti, ma spesso ridicoli.

Io la vorrei, una figlia in piazza che protesta per i suoi diritti e – nel frattempo – strappa il cartellone del volto photoshoppato che promette di negarglieli.

La democrazia è nata strappando i manifesti dei re, e i cortigiani si indignarono allo stesso modo di oggi.

E sono ancora troppo mal frequentati i partiti della destra italiana per non ricordare l'olio di ricino riservato a chi aggiungeva un paio di baffi al leader il cui nome inizia con "MU" e finisce con "SSOLINI".

2.516 CONDIVISIONI
Sono giornalista e video reporter. Realizzo reportage e documentari in forma breve, in Italia e all'estero. Scrivo libri, quando capita. Il più recente è "Siate ribelli. Praticate gentilezza". Ho sposato Fanpage.it, ed è un matrimonio felice. Racconto storie di umanità varia, mi piace incrociare le fragilità umane, senza pietismo e ribaltando il tavolo degli stereotipi. Per farlo uso le parole e le immagini. Mi nutro di video e respiro. Tutti i miei video li trovate sul canale Youmedia personale.
Le quattro bombe economiche che agitano il sonno di Giorgia Meloni e del suo governo
Le quattro bombe economiche che agitano il sonno di Giorgia Meloni e del suo governo
Al governo Meloni non gliene frega nulla del cambiamento climatico, e questo sarà un grosso problema
Al governo Meloni non gliene frega nulla del cambiamento climatico, e questo sarà un grosso problema
Se la sinistra facesse la sinistra, non si stupirebbe della destra che fa la destra
Se la sinistra facesse la sinistra, non si stupirebbe della destra che fa la destra
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni