8.439 CONDIVISIONI
Coalizione Centrodestra
44%
56 Seggi
Coalizione Centrosinistra
26%
5 Seggi
Movimento Cinque Stelle
15.6%
5 Seggi
Azione - Italia Viva - Calenda
7.7%
Per L'Italia con Paragone
1.9%
Unione Popolare con De Magistris
1.4%
60394 sezioni su 60399
Ultimo aggiornamento: 12 minuti fa
Coalizione Centrodestra
43.8%
121 Seggi
Coalizione Centrosinistra
26.1%
12 Seggi
Movimento Cinque Stelle
15.4%
10 Seggi
Azione - Italia Viva - Calenda
7.8%
Per L'Italia con Paragone
1.9%
Unione Popolare con De Magistris
1.4%
61412 sezioni su 61417
Ultimo aggiornamento: 4 minuti fa
Opinioni
Elezioni politiche del 25 settembre 2022 in Italia
22 Agosto 2022
16:02

Perché il progetto di Meloni per eliminare le “devianze” tra i giovani deve fare paura a tutti

Oggi per Meloni i problemi dei giovani “deviati” sono alcol, tabacco e droghe. Domani chissà. I progetti della principale candidata alla presidenza del Consiglio – che vuole eliminare le “devianze” e crescere italiani “sani e determinati” con lo sport – devono fare paura a tutti, soprattutto ai giovani.
A cura di Tommaso Coluzzi
8.439 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Elezioni politiche del 25 settembre 2022 in Italia

I progetti della destra italiana per i giovani fanno paura. La narrazione è sempre più distorta, di giorno in giorno, di ora in ora. Man mano che ci si avvicina alle elezioni del 25 settembre i protagonisti rilanciano, dal servizio militare di Salvini – che è tornato alla carica col suo cavallo di battaglia per insegnare l'educazione ai giovani – alle ultime dichiarazioni di Giorgia Meloni, che vuole "combattere le devianze e crescere nuove generazioni di italiani sani e determinati" con lo sport. È quella parola – devianza – che fa paura.

Chi sono adesso i giovani deviati? Chi lo stabilisce? Cosa significa per Meloni? La leader di Fratelli d'Italia nel video integrale diffuso sui suoi social parla di alcol, tabacco e droghe. E di una sana educazione sportiva. Ricorda qualcosa, sì. Ma ciò che fa più paura è che il concetto di devianza si presta a moltissime interpretazioni, soprattutto da parte di chi continua a parlare di ideologia gender e di lobby Lgbt – con quel comizio furioso davanti all'estrema destra spagnola che è ancora negli occhi di tutti – e sa bene come scegliere le parole che pronuncia. In una card diffusa sui social del partito, poi, spuntano persino patologie come l'obesità e l'anoressia nella lista delle devianze giovanili.

Combattere le devianze dei giovani, rieducarli, costringerli a lavorare – così come prevedono gli appunti di programma pubblicati lo scorso maggio al termine della convention di Fratelli d'Italia – sono concetti che richiamano un immaginario più che noto. Meloni sta portando avanti due campagne parallele: mentre cerca di istituzionalizzarsi nutre la sua base richiamando i valori degli italiani "sani e determinati".

Basta collegare i puntini per comporre il disegno: i giovani sono pigri, svogliati, delinquono nelle baby gang – qui c'è pure il gancio per attaccare i migranti, anche se non è vero neanche questo – perciò devono essere costretti a lavorare, a fare sport, vanno corrette le loro devianze. Il progetto di Fratelli d'Italia per le nuove generazioni è questo. Si intuiva già con l'accanimento contro i giovani che preferiscono il reddito di cittadinanza a un lavoro sottopagato e ultra precario, è vero. Ma ora è evidente che Meloni vuole mettere in atto una vera e propria rieducazione.

Resta sempre incomprensibile come tutto questo si concili con il concetto di libertà di cui Meloni si vanta di essere rappresentante. Ascoltando le sue parole per i giovani si prospetta più che altro un'era di proibizionismo, vista la lista di devianze da combattere che rischia pure di allungarsi. Durante la pandemia ha fatto un opposizione durissima alle misure per tutelare la sanità pubblica, definendole orwelliane. Ora vuole costringere i giovani a lavorare per legge. C'è poco da girarci intorno: finora essere giovane in Italia è stato deprimente, con queste premesse comincia a fare paura. Soprattutto nell'Italia che sarà dopo il 25 settembre.

8.439 CONDIVISIONI
Giornalista, mi occupo di politica su Fanpage.it. Appassionato di temi noiosi, come le storie e i diritti degli ultimi: dai migranti ai giovani lavoratori sfruttati. Ho scritto "Il sound della frontiera", un libro sull'immaginario americano e la musica folk.
Francesco Borrelli diventa deputato: in Regione Campania entra Roberta Gaeta al suo posto
Francesco Borrelli diventa deputato: in Regione Campania entra Roberta Gaeta al suo posto
Le quattro bombe economiche che agitano il sonno di Giorgia Meloni e del suo governo
Le quattro bombe economiche che agitano il sonno di Giorgia Meloni e del suo governo
Al governo Meloni non gliene frega nulla del cambiamento climatico, e questo sarà un grosso problema
Al governo Meloni non gliene frega nulla del cambiamento climatico, e questo sarà un grosso problema
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni