5.145 CONDIVISIONI
Coalizione Centrodestra
44%
56 Seggi
Coalizione Centrosinistra
26%
5 Seggi
Movimento Cinque Stelle
15.6%
5 Seggi
Azione - Italia Viva - Calenda
7.7%
Per L'Italia con Paragone
1.9%
Unione Popolare con De Magistris
1.4%
60394 sezioni su 60399
Ultimo aggiornamento: 4 minuti fa
Coalizione Centrodestra
43.8%
121 Seggi
Coalizione Centrosinistra
26.1%
12 Seggi
Movimento Cinque Stelle
15.4%
10 Seggi
Azione - Italia Viva - Calenda
7.8%
Per L'Italia con Paragone
1.9%
Unione Popolare con De Magistris
1.4%
61412 sezioni su 61417
Ultimo aggiornamento: 11 minuti fa
Elezioni politiche del 25 settembre 2022 in Italia
21 Agosto 2022
22:08

Giorgia Meloni dice che vuole combattere “le devianze tra i giovani” e crescere “italiani sani”

In un video pubblicato su Facebook la leader di Fratelli D’Italia ha detto che vuole “combattere le droghe e le devianze, crescere generazioni di nuovi italiani sani e determinati”.
A cura di Davide Falcioni
5.145 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Elezioni politiche del 25 settembre 2022 in Italia

L'ultima crociata di Giorgia Meloni è quella contro le cosiddette "devianze".

In un video pubblicato sulla sua pagina Facebook la leader di Fratelli D'Italia ha spiegato quale sarà la strategia del centrodestra per combattere l'abuso di alcol e droga tra i giovani, e l'ha fatto portando l'esempio dell'Islanda: "In pochi sanno che negli anni ’90 era la nazione europea che aveva il più alto tasso di consumo di droghe, alcol e tabacco fra i giovani e i giovanissimi. Nel giro di pochi anni in pochi sanno che quella nazione è stata capace di ribaltare completamente la classifica, diventando la nazione in assoluta più virtuosa. Come hanno fatto? Semplicemente hanno deciso di investire sui giovani, istituendo una specie di ‘diritto allo sport'".

Secondo Meloni molti ragazzi e ragazze sarebbero "vittime delle devianze come droga, alcol, spirale di violenza" perché sarebbero stati "lasciati soli". La ricetta contro tutto ciò "è lo sport. Investire sul ‘diritto allo sport’ significa investire sul futuro, coltivare i talenti, combattere le droghe, crescere le nuove generazioni di italiani cariche di quei valori che solo lo sport può offrire e trasmettere".

Per questo le leader del centrodestra italiano ha spiegato che – in caso di vittoria alle elezioni del 25 settembre – "lo sport sarà  per noi un centro di investimento strategico. Istituendo il ‘diritto allo sport’ garantiremo la possibilità a tutti i ragazzi di mettere a frutto il loro talento sportivo. Istituiremo borse di studio per meriti sportivi. Perché quanti nuovi Francesco Totti, quanti piccoli Yuri Chechi, quanti fratelli Abbagnale ci siamo persi in questi anni semplicemente perché non abbiamo dato loro la possibilità di fare sport? E quanti di loro magari sono finiti per essere inghiottiti dalle devianze che affliggono i nostri ragazzi quando vengono lasciati soli? Investire sui giovani significa investire sul futuro, coltivare il talento, combattere le droghe e le devianze, crescere generazioni di nuovi italiani sani e determinati, carichi di quei valori che solo lo sport può dare".

Le polemiche per le parole di Giorgia Meloni: "Siamo oltre il fascismo"

Le dichiarazioni di Giorgia Meloni non sono passate inosservate. In molti si sono chiesti a quali presunte "devianze" si fosse riferita la leader di Fratelli D'Italia nella sua dichiarazione, altri hanno denunciato un "culto della forza" tipico semmai degli anni più bui dell'Europa, quelli del nazifascismo.

Gianmarco Capogna – portavoce di Possibile LGBTI+ – ha commentato: "Sono gay, queer, attivista per i diritti, antifascista, transfemminista. Per Meloni e la destra sono sicuramente uno di quei giovani che rientra nel loro concetto di devianze. È pericolosa una destra che si esprime in questi termini ed è qualcosa da contrastare in maniera netta".

Duro anche Elio Vito, ex deputato di Forza Italia diventato alfiere dei diritti omosessuali: "Meloni vuole ‘Combattere le devianze…crescere nuove generazioni di italiani sani e determinati…'. E poi chi sarebbero i deviati, i malati… ormai siamo oltre il fascismo".

5.145 CONDIVISIONI
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni