3.385 CONDIVISIONI
13 Giugno 2022
18:02

Il discorso di Giorgia Meloni in Spagna: “No alla lobby Lgbt, sì alla famiglia naturale”

Giorgia Meloni è tornata in Spagna e ha pronunciato un discorso fatto di sì e no. Allora sì alla “famiglia naturale”, alle “frontiere sicure” e alla “cultura della vita”, no alla “lobby Lgbt”, alla “ideologia di genere” e alla “immigrazione massiva”. E ancora altri no alla “finanza internazionale”, ai “burocrati di Bruxelles” e alla “violenza islamista”.
A cura di Tommaso Coluzzi
3.385 CONDIVISIONI
Foto dal profilo Facebook di Giorgia Meloni
Foto dal profilo Facebook di Giorgia Meloni

Giorgia Meloni torna in Spagna e torna sul palco di Vox, partito di estrema destra – alleato in Europa – con cui Fratelli d'Italia ha storicamente ottimi rapporti. La deputata romana, in visita in Andalusia durante il silenzio elettorale italiano per il voto di ieri, si esalta – come già successo in più famosi precedenti – nei suoi discorsi in spagnolo. In questo caso è volata a Marbella "per sostenere la candidatura dell’amica Macarena Olona alla presidenza dell’Andalusia insieme ai patrioti spagnoli guidati da Santiago Abascal", come spiegato da Meloni stessa sui social.

E proprio dal palco di Marbella, Meloni è tornata a parlare spagnolo, con un discorso colmo di sì e no, di distinguo sui quali la deputata romana ha costruito l'identità del proprio partito: "Non ci sono mediazioni possibili, o si dice sì o si dice no – ha cominciato lei stessa – Sì alla famiglia naturale, no alla lobby Lgbt, sì alla identità sessuale, no alla ideologia di genere, sì alla cultura della vita, no a quella della morte". Poi è passata a temi più religiosi: "Sì ai valori universali cristiani, no alla violenza islamista".

Poi ha continuato con altri grandi classici della sua narrazione: "Sì alle frontiere sicure, no alla immigrazione massiva". E ancora, senza che ci sia un apparente legame tra le due cose: "Sì al lavoro per i nostri cittadini, no alla finanza internazionale". Poi ha concluso: "Sì alla sovranità del popolo, no ai burocrati di Bruxelles, sì alla nostra civiltà e no a chi vuole distruggerla". Il pubblico è andato in visibilio nel crescendo emotivo con cui la leader di Fratelli d'Italia ha alternato sì e no, soprattutto nella parte finale in cui Meloni ha gridato "viva la Spagna" e "viva l'Italia", con la platea che ha accompagnato con dei sonori "olè". Per poi concludere con un ultimo "viva l'Europa dei patrioti". E olè.

3.385 CONDIVISIONI
Cosa ne sarà di donne e minoranze nell'Italia di Giorgia Meloni
Cosa ne sarà di donne e minoranze nell'Italia di Giorgia Meloni
Giorgia Meloni sta ottenendo tutto quel che vuole senza fare nulla
Giorgia Meloni sta ottenendo tutto quel che vuole senza fare nulla
Crisi di governo, perché ha già vinto Giorgia Meloni comunque vada a finire
Crisi di governo, perché ha già vinto Giorgia Meloni comunque vada a finire
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni