219 CONDIVISIONI
25 Ottobre 2021
13:15

Perché i giovani italiani avranno pensioni da fame

Un’analisi pubblicata da Repubblica fa luce sul destino di tanti giovani lavoratori. Mentre il governo torna a parlare di pensioni e di Quote, per gli under 40 la previsione è la pensione oltre i 70 anni e con alta probabilità di avere un assegno molto basso per via delle condizioni di precariato in cui versano intere generazioni.
A cura di Tommaso Coluzzi
219 CONDIVISIONI

Nel governo si discute di Quota 102, Quota 104, dell'addio a Quota 100. E poi del ritorno alla Fornero, che terrorizza un po' tutti. I sindacati battono il pugno sul tavolo, la Lega chiede uno scivolo per tutti per evitare lo scalone, il Partito Democratico chiede che invece sia fatta una distinzione tra i lavori gravosi e non, con un'attenzione particolare alle donne. Insomma, il tema pensioni è ancora al centro del dibattito politico e non, ma la prospettiva è ancora una volta a breve termine. Intanto c'è una generazione di giovani che oggi si trova in condizione di precariato e che – con l'aumento dell'aspettativa di vita e visti i salari – rischia di andare in pensione (forse) oltre i settant'anni con assegni dimezzati rispetto all'ultimo stipendio.

Un'analisi di Repubblica fa luce sul futuro di quella che viene chiamata generazione della Quota Zero. Insomma, parliamo di chi ha cominciato a lavorare almeno alla fine degli anni '90 e perciò si trova in un sistema contributivo puro, che si incrocia con il progressivo aumento della flessibilità del mercato del lavoro e – di conseguenza – del precariato.

Secondo il calcolo pubblicato sul quotidiano romano, la prospettiva per quattro lavoratori di 25, 30, 35 e 40 anni è spaventosa in ogni caso. Considerando un reddito netto tra i 1.000 e i 1.500 euro al mese, se cominciano a versare i contributi a 25 anni – con lo stipendio che cresce dell'1,5% l'anno e il Pil dello 0,3% – si troveranno ad andare in pensione tra i 68 e i 72 anni. Sempre che non verranno rigettati dal mercato del lavoro a una certa età.

Per quanto riguarda il calcolo dell'assegno, infatti, molto dipende dalla stabilità del rapporto di lavoro, che come sappiamo bene oggi non è più una garanzia come in passato. Una carriera continua porterebbe gli under 40 lavoratori dipendenti di oggi ad andare in pensione con un assegno tra il 62% e il 64% rispetto all'ultimo stipendio, che però crollerebbe tra il 43% e il 45% in caso di una carriera precaria. Per gli autonomi le previsioni sono ancora più fosche: 55-56% per chi avrà una carriera continua, 38-40% per i precari.

219 CONDIVISIONI
Manovra, nel 2022 con Quota 102 andranno in pensione 16800 persone, con un assegno di 26mila euro
Manovra, nel 2022 con Quota 102 andranno in pensione 16800 persone, con un assegno di 26mila euro
Manovra, il governo incontra i sindacati: è tregua su pensioni, su fisco vertice settimana prossima
Manovra, il governo incontra i sindacati: è tregua su pensioni, su fisco vertice settimana prossima
La disperazione dell'Afghanistan in preda alla fame: bimbi venduti in cambio di cibo
La disperazione dell'Afghanistan in preda alla fame: bimbi venduti in cambio di cibo
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni