17 Febbraio 2022
14:04

Milleproroghe, il governo va sotto quattro volte: dal tetto al contante alla sperimentazione animale

Nella notte il governo è andato sotto quattro volte su degli emendamenti al decreto Milleproroghe, esaminato in commissione alla Camera. La maggioranza si è spaccata diverse volte, e sono state approvate modifiche al testo contro il parere dell’esecutivo.
A cura di Tommaso Coluzzi

È stata una notte difficile a Montecitorio, dove nelle commissioni riunite Bilancio e Affari costituzionali è andato in scena l'esame delle modifiche al decreto Milleproroghe. Il governo è andato sotto quattro volte, ovvero sono stati approvati degli emendamenti a maggioranza su cui l'esecutivo guidato da Mario Draghi aveva dato parere negativo. La maggioranza stessa, che sostiene il governo, si è spaccata ripetutamente. Nel Milleproroghe, come ogni anno, c'è di tutto. Tra le altre cose ha visto la luce il bonus psicologo di cui tanto si è discusso nelle ultime settimane: sono stati stanziati 20 milioni di euro ed è stato identificato un tetto Isee per accedere alla misura.

Passiamo, però, alle modifiche su cui il governo è andato sotto. Come dicevamo, è successo quattro volte: contro il parere dell'esecutivo sono passati gli emendamenti che prevedono il dietrofront sull'Ilva e sul tetto al contante, mentre sono state approvate norme sulle graduatorie della scuola e sui test sugli animali. Secondo quanto viene riportato i lavori delle commissioni sono durati tutta la notte e sono stati piuttosto turbolenti. Non sono mancati gli scontri nella maggioranza, mentre le relatrici – una in quota Movimento 5 Stelle e l'altra Lega – hanno dato talvolta pareri contrastanti sugli emendamenti.

Il governo ha dato parere negativo sull'emendamento che cancella l'articolo sull'ex Ilva di Taranto, ma è stato approvato comunque: viene perciò cancellata la norma che sostanzialmente spostava una parte dei fondi diretti alle bonifiche della zona. La maggioranza, intanto, si è spaccata su un emendamento votato da Lega e Forza Italia con Fratelli d'Italia (la coalizione di centrodestra al completo): viene eliminato il tetto al contante da mille euro, entrato in vigore il primo gennaio di quest'anno, che torna a duemila per tutto il 2022.

Un altro emendamento approvato in commissione consente di effettuare, fino al primo luglio 2025, le sperimentazioni animali negli studi sugli xenotrapianti d'organo e sulle sostanze d'abuso, tra cui rientrano i farmaci. Sono passati una serie di emendamenti identici, tra cui alcuni presentati da parlamentari del Pd e altri da Riccardo Magi. Il governo aveva dato parere contrario, contenendo la proroga esclusivamente nei prossimi sei mesi. L'esecutivo è andato sotto ed è stato battuto: si tratta – spiegano coloro che hanno proposto la modifica – di sperimentazioni necessarie per la produzione dei vaccini contro il Covid e di farmaci utilizzati per le chemioterapie, ma anche per chi da anni aspetta un donatore per un trapianto.

Il governo ha presentato un emendamento per sopprimere la deroga al tetto degli stipendi pubblici
Il governo ha presentato un emendamento per sopprimere la deroga al tetto degli stipendi pubblici
Tetto al prezzo del gas, in Ue manca ancora l'accordo: i partiti chiedono un intervento del governo
Tetto al prezzo del gas, in Ue manca ancora l'accordo: i partiti chiedono un intervento del governo
Vaccini, Gimbe:
Vaccini, Gimbe: "Il governo non ha un piano per l'inverno, quarta dose va a rilento"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni