Liliana Segre
in foto: Liliana Segre

La senatrice a vita Liliana Segre sarà cittadina onoraria di Torino. La presidenza del consiglio comunale ha deciso di firmare la delibera con cui dare la cittadinanza alla donna sopravvissuta alla Shoah. Torino, inoltre, avrà la sua commissione Segre, contro i fenomeni d'odio. Lunedì arriverà anche il via libera ufficiale dell’aula per far partire la commissione di contrasto ai fenomeni di intolleranza, razzismo e antisemitismo, oltre che l’istigazione all’odio e alla violenza. La proposta era stata avanzata dal segretario del Pd di Torino, Mimmo Carretta, presente anche lui in consiglio comunale.

La commissione Segre anche a Torino

Carretta ritiene che una commissione Segre dovrebbe essere “istituita in ogni città per combattere certe derive e per ricucire il tessuto sociale lacerato dall'imbarbarimento quotidiano: c'è bisogno di promuovere azioni forti e coordinate anche nelle istituzioni”. Dopo la richiesta è arrivata la sottoscrizione da parte dell’ufficio di presidenza, necessaria per portare in consiglio il provvedimento. La commissione verrà guidata dall’esponente del Movimento 5 Stelle, Daniela Albano. Il vice sarà Carretta.

I 5 Stelle hanno accolto positivamente la proposta, come spiega la capogruppo Valentina Sganga: “Abbiamo da poco sottoscritto il manifesto per la comunicazione non ostile e siamo ben contenti di sostenere la declinazione locale della commissione contro l'odio e l'intolleranza lanciata in parlamento dalla senatrice Segre. Per lo stesso motivo, sempre lunedì, voteremo la cittadinanza onoraria a una donna che oltre al fondamentale lavoro di memoria della Shoah si sta impegnando per contrastare le nuove forme di razzismo”.

La cittadinanza di Torino a Liliana Segre

Non c’è solo la commissione: Torino infatti darà anche la cittadinanza onoraria a Liliana Segre. Lunedì si voterà la proposta, proveniente sempre dal Pd e, in particolare, da Chiara Foglietta, di dare la cittadinanza alla senatrice a vita. Anche gli altri partiti di opposizione, comunque, voteranno a favore a Torino, al contrario di quanto successo in altri comuni in cui ci sono state forti opposizioni. Anche la Lega voterà a favore della proposta.