975 CONDIVISIONI
Elezione del Presidente della Repubblica 2022
24 Dicembre 2021
17:23

Il Popolo Viola torna in piazza contro la candidatura di Berlusconi al Quirinale

Gianfranco Mascia, tra i fondatori del movimento antiberlusconiano, ha annunciato il ritorno in piazza del Popolo Viola il 4 gennaio, per manifestare contro la candidatura di Berlusconi al Colle.
A cura di Tommaso Coluzzi
975 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Elezione del Presidente della Repubblica 2022

Ve lo ricordate il Popolo Viola? I No-B day e il resto? Stanno tornando. Il protagonista è sempre lo stesso: Silvio Berlusconi. Il leader di Forza Italia è praticamente l'unico candidato in corsa – a carte scoperte – per il Quirinale, ma l'ipotesi che sia lui il prossimo Presidente della Repubblica è bastata per organizzare una nuova manifestazione. L'iniziativa è stata lanciata da Gianfranco Mascia, storico attivista antiberlusconiano tra i fondatori del Popolo Viola, e ripresa sulla pagina ufficiale del movimento: "A me sembra incredibile già solo il fatto che si pronunci la parola ‘Berlusconi’ assieme alla parola ‘Quirinale' – ha spiegato in un'intervista a Day Italia News – Si aprirebbe una questione morale enorme nel Paese, anche solo se il nome di Berlusconi spuntasse nei ‘cartellini’ delle Camere riunite per l’elezione del presidente della Repubblica. Poi se venisse eletto…".

L'attivista ha ricordato in quanti, dieci anni fa, scendevano in piazza con il Popolo Violo: "C'erano giganti come Stefano Rodotà, Mario Monicelli, Dario Fo, Gino Strada, Andrea Camilleri, Margherita Hack e ne dimentico tanti – ha continuato – Personalità che ci hanno sostenuto nelle nostre battaglie, partecipando alle nostre manifestazioni per la democrazia, contro i bavagli, per la Costituzione. Oggi, tra gli intellettuali, c’è un silenzio assordante".

Poi l'appuntamento, in una giornata non casuale: "Il 4 gennaio, alle 17, a Piazza Santi Apostoli, faremo un presidio – ha spiegato Mascia – Ho già fatto comunicazione alla Questura. Quel giorno, il presidente della Camera Fico calendarizzerà il percorso per le elezioni del Presidente della Repubblica. Non ci importa quanti saremo. Io ci sarò e spero vengano in tanti. Approfitto per augurare a tutti un meraviglioso 2022. Deberlusconizzato".

975 CONDIVISIONI
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni