318 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito
Il caso Pozzolo

Emanuele Pozzolo è stato sospeso dal gruppo di Fratelli d’Italia alla Camera

Il deputato Emanuele Pozzolo è stato sospeso dal gruppo di Fratelli d’Italia alla Camera dopo il caso della festa di Capodanno in cui è partito un colpo dalla sua pistola, la decisione è stata presa dall’ufficio di presidenza del gruppo.
A cura di Tommaso Coluzzi
318 CONDIVISIONI
Il deputato di Fdi Emanuele Pozzolo
Il deputato di Fdi Emanuele Pozzolo
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Emanuele Pozzolo è stato sospeso dal gruppo di Fratelli d'Italia alla Camera. Il provvedimento nei confronti del deputato – coinvolto nel caso della festa di Capodanno, durante cui è partito un colpo di pistola dalla sua arma personale – è stato deciso dall'ufficio di presidenza del gruppo. Durante la conferenza stampa di fine anno, Giorgia Meloni – rispondendo a una domanda di Fanpage.it – aveva annunciato di aver chiesto personalmente di sospendere il parlamentare. Oggi, alla prima occasione utile, dato che nei giorni scorsi la Camera dei deputati non si è riunita, è arrivato il provvedimento da parte del gruppo.

Pozzolo, nonostante le parole durissime di Meloni, ha deciso di non autosospendersi. Nei giorni scorsi sono stati rivelati diversi dettagli della notte di Capodanno, con ricostruzioni abbastanza accurate pubblicate sui giornali sulla base delle testimonianze dei presenti. Non c'è ancora una versione unica – e a questo punto, difficilmente ci sarà – visto che il deputato sostiene di non aver esploso lui il colpo che ha ferito Luca Campana, genero del caposcorta del sottosegretario Delmastro, presente alla festa, che alla fine ha deciso di querelare il parlamentare.

Le indagini della Procura di Biella sono in corso, da ieri i pm hanno cominciato ad ascoltare i testimoni. Ci sono almeno due persone – il caposcorta di Delmastro, Pablito Morello, e l'assessore di Biella ai Lavori pubblici, Davide Zappalà – che avrebbero detto agli inquirenti di aver visto Pozzolo sparare. Un altro testimone, invece, avrebbe detto in Procura di aver visto l'arma puntata contro di lui e Campana e di essersi allontanato, ma anche in questo caso sarebbe arrivata la conferma: la pistola era nelle mani di Pozzolo. Lui continua a negare e non nasconde la delusione rispetto alla reazione dei compagni di partito, accusati dal deputato di averlo lasciato solo. Il sottosegretario Delmastro, molto vicino al parlamentare, avrebbe troncato completamente i rapporti dalla notte di Capodanno.

318 CONDIVISIONI
47 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views