116 CONDIVISIONI
Il caso Pozzolo

Caso Pozzolo, Luca Campana presenta querela contro il deputato di Fdi, sospeso dal partito

Ha presentato una querela in procura, a Biella, Luca Campana, il 31enne che la notte di Capodanno è rimasto ferito da un proiettile esploso dalla pistola del parlamentare Pozzolo. La querela è contro il deputato di Fdi.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it
A cura di Annalisa Cangemi
116 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Il caso Pozzolo

AGGIORNAMENTO: Alla fine è arrivata la querela dell'elettricista 31enne, Luca Campana, genero di un agente della scorta del sottosegretario Delmastro, ferito a Capodanno, a Rosazza, da un proiettile partito per sbaglio dalla calibro 22 di un deputato di Fdi Emanuele Pozzolo.

La querela presentata stamattina in procura a Biella è rivolta proprio contro il parlamentare di Fratelli d'Italia, per il quale Giorgia Meloni, rispondendo a una domanda di Fanpage.it, ha annunciato la sospensione dal partito.

Ambienti vicini all'indagine hanno riferito all'Ansa Campana è stato ascoltato questa mattina come persona offesa, e ha ribadito di non avere maneggiato l'arma al momento dello sparo. Fino a ieri il suo legale non si era sbilanciato in merito a una eventuale querela: "Abbiamo sessanta giorni di tempo – aveva detto Marco Romanello, che assiste Luca Campana – Prenderemo una decisione insieme cosa fare quando si sarà ripreso". Il giovane "è ancora sotto shock per quanto successo – aveva detto il legale -. Sta meglio, ma il dolore alla gamba si fa ancora sentire".

"Questa mattina il mio assistito è stato sentito dal pubblico ministero – ha confermato all'Adnkronos il legale di Campana, Marco Romanello – e al termine delle sommarie informazioni ha sposto querela contro il deputato".

Il Messaggero ha riportato la risposta di Campana sulla versione di Pozzolo: "Assolutamente no. Non è andata come dice Pozzolo. Io non ho mai toccato quella pistola, figuriamoci se l'ho raccolta dal pavimento".

Il parlamentare di Fdi da sempre ha detto agli investigatori che di non "essere stato lui a sparare". Aggiungendo: "Forse si è ferito da solo, mentre prendeva l'arma che era caduta a terra". L'inchiesta, in attesa dello Stub analizzato dai Ris di Parma, ruota attorno alle testimonianze dei partecipanti alla festa, che sembrano convergere: era il deputato di FdI a tenere sul palmo la mini pistola, una calibro 22 di dieci centimetri di lunghezza e 130 grammi di peso.

"Non l'ha puntata contro nessuno, l'aveva in mano e probabilmente è partito il colpo. Involontariamente di sicuro sì, ma questo colpo è partito", ha riferito uno dei presenti. Non è ancora chiaro però perché Pozzolo abbia tirato fuori l'arma.

"Non riusciamo a capire, non c'era nessun motivo – ha detto un testimone -. Era l'una e mezza e fino a quel momento nessuno di noi aveva esploso nemmeno un botto. Siamo contrari, c'erano dei bambini e anche degli animali domestici. Questa persona peraltro non era nemmeno invitata alla festa, è passata di lì giusto per fare gli auguri". Un'altra testimonianza raccolta dalla Stampa riporta le parole che Pozzolo avrebbe pronunciato quella sera: "Sono rovinato". 

Perché Campana ha aspettato prima di denunciare Pozzolo

"Io sono un semplice operaio e lui è un politico". Luca Campana ha spiegato così a Corriere Tv il motivo per cui ha atteso quattro giorno prima di presentare la querela in procura a Biella contro Emanuele Pozzolo. "Poteva andare molto peggio", ha detto, sottolineando che "alla festa c'erano dei bambini". 

Cosa ha detto Meloni sul caso Pozzolo in conferenza stampa

"Sicuramente non sono disposta a fare questa vita, con la responsabilità che ho sulle spalle, se le persone che sono intorno a me non capiscono quella responsabilità", ha dichiarato la presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, durante la conferenza stampa di fine anno, rispondendo alla domanda di Fanpage.it caso Pozzolo e sulla classe dirigente di Fratelli d'Italia. "Questo è un elemento. Non accade spesso per la verità, ma per la responsabilità che noi abbiamo, per come io sto cercando di affrontarla e per come le persone che mi capita di frequentare di più la affrontano, penso che sia bene ricordare a tutti che abbiamo quella responsabilità, e non c'è uno che se la assume tutta e altri che ritengono di non doverlo fare. Per questo ritengo di dover essere rigida su questo", ha aggiunto.

"Il parlamentare Pozzolo dispone di un porto d'armi per difesa personale. La questione è che chiunque detenga un'arma ha il dovere legale e morale di custodirla con responsabilità e serietà, per questo c'è un problema con quello che è successo" che "racconta in ogni caso qualcuno non è stato responsabile: questo per me non va bene per un italiano, figuriamoci per un parlamentare e un parlamentare di Fratelli d'Italia. Per questo ho deferito Pozzolo alla commissione di garanzia dei probiviri di Fratelli d'Italia e ho chiesto che nelle more del giudizio venga sospeso da Fdi, che è quello che posso fare sul piano statutario", ha detto la premier.

116 CONDIVISIONI
42 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views