385 CONDIVISIONI
Elezione del Presidente della Repubblica 2022
16 Gennaio 2022
20:36

Elezione del Presidente della Repubblica, Letta: “Candidatura di Berlusconi è un vicolo cieco”

Il segretario del Partito Democratico chiude alla candidatura di Silvio Berlusconi, bollandola come “un vicolo cieco” e chiede al centrodestra di “cercare un nome insieme” per la Presidenza della Repubblica.
A cura di Tommaso Coluzzi
385 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Elezione del Presidente della Repubblica 2022

Il centrodestra ha il suo candidato al Quirinale, ma dal centrosinistra il Partito Democratico non ci sta. La strategia di Enrico Letta, che ieri ha riunito la direzione dem, e del suo partito è chiara: niente voto anticipato, patto con il centrodestra ma no a Berlusconi. Dal canto suo il leader di Forza Italia vuole andare fino in fondo, con l'appoggio – almeno secondo quanto dice pubblicamente – di Matteo Salvini. Il segretario del Pd, intanto, ha ribadito il concetto al Tg3: "In questo Parlamento nessuno ha la maggioranza, dobbiamo trovare un'intesa su un presidente istituzionale, super partes e sulla prosecuzione della legislatura per affrontare Covid, Pnrr e il drammatico caro energetico che impatta sulle bollette". E ha puntato il dito contro la coalizione avversaria: "Sbaglia il centrodestra, perché è evidente che la candidatura di Berlusconi è un vicolo cieco". Poi ha ribadito: "Cerchiamo questo nome, cerchiamolo insieme".

Secondo Letta non è ancora il momento di fare nomi: "Dovremo deciderlo con i nostri alleati e il centrodestra – ha spiegato – Oggi diciamo che Draghi gioca un ruolo fondamentale per il Paese e va tutelato". Stesso discorso vale per un eventuale Mattarella bis, invocato da una parte della politica: "Serve prima un accordo tra le forze politiche per un patto di legislatura, poi daremo i nomi", ha insistito Letta.

Poi ha ricordato il presidente del Parlamento europeo, scomparso pochi giorni fa: "L'esempio di David Sassoli è fondamentale per questo momento e anche per il futuro – ha spiegato – noi porteremo avanti le sue battaglie e il suo stile mite, ma assolutamente determinato. Quel sorriso e quella fermezza, ma soprattutto i suoi valori". Insomma, Letta non si sbottona su possibili candidati che possano andare a contrapporsi a Silvio Berlusconi – nome fatto unitariamente dal centrodestra – ma preferisce insistere sulla sua strategia: chiedere a tutte le forze politiche di sedersi a un tavolo a trattare. Il nome di Berlusconi, però, per Letta è da escludere in partenza.

385 CONDIVISIONI
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni