74 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito
Campi Flegrei

Dopo le scosse ai Campi Flegrei, le opposizioni chiedono più bonus edilizi per le zone sismiche

Il decreto Superbonus è arrivato all’Aula a Montecitorio: bocciati in commissione tutti gli emendamenti delle opposizioni. Pd, M5s e Avs, dopo le scosse di questa notte nei Campi Flegrei, chiedono che il governo intervenga aumentando le agevolazioni per chi vuole mettere in sicurezza la propria casa in zone sismiche e colpite dal bradisismo.
A cura di Luca Pons
74 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Sono ore concitate nella zona di Pozzuoli e Napoli, colpita tra ieri e oggi da oltre 150 scosse. Il tema è arrivato anche in Parlamento, dato che questa mattina la commissione Finanze della Camera ha approvato il decreto Superbonus e passato il testo all'Aula, che ha iniziato il dibattito. Con tutta probabilità, il governo Meloni metterà la fiducia sul provvedimento, e il voto arriverà già domani.

Alcuni degli emendamenti proposti dalle opposizioni, e respinti dalla maggioranza, riguardavano proprio la situazione delle zone sismiche e bradisismiche. Altri partiti si sono impegnati a risollevare il tema nel confronto in Aula, o almeno impegnare il governo a intervenire in futuro con un ordine del giorno. Le proposte avanzate sono sostanzialmente tre: creare incentivi appositamente per la zona dei Campi Flegrei; allargare il Sismabonus includendo anche queste aree; o permettere che chi vive in zone colpite dal bradisismo possa accedere al Superbonus 110%.

Questa mattina, il deputato del Pd (e responsabile Sud nella segreteria dem) Marco Sarracino ha offerto al governo "la totale disponibilità ad ogni tipo di collaborazione" per affrontare la situazione nei Campi Flegrei, chiedendo un'informativa in Parlamento. E, in tema di prevenzione, ha ricordato: "Avevo proposto, con un emendamento al decreto Campi Flegrei, di immaginare uno strumento di intervento e di incentivi per la messa in sicurezza degli edifici privati. Proprio oggi alla Camera inizia la discussione sul decreto Superbonus. C'è dunque la possibilità di intervenire. Il governo ci ascolti".

Anche il Movimento 5 stelle è intervenuto sul tema, con il capogruppo alla Camera Francesco Silvestri: "Provammo a inserire nel decreto ad hoc la possibilità di accedere al super Sismabonus 110%, che avrebbe permesso a molti cittadini di fare interventi a tutela della propria casa. Il governo ci disse no". Oggi poi, è arrivata una nuova bocciatura agli stessi emendamenti presentati sul nuovo decreto Superbonus. Antonio Caso, deputato M5s che di queste proposte è stato firmatario, ha commentato: "Non si può andare avanti così. Presenterò un ordine del giorno per chiedere un intervento urgente e chiaro al governo".

Infine, Alleanza Verdi-Sinistra ha chiesto che il Superbonus edilizio si applichi anche alle zone colpite dal bradisismo: "Mi sono recato personalmente sul lungomare di Pozzuoli durante la notte", ha raccontato il deputato Francesco Emilio Borrelli: "Ciò che ci preoccupa maggiormente è la stabilità degli edifici nelle zone maggiormente interessate dal fenomeno" Proprio per questo, l'emendamento e l'ordine del giorno presentati da Borrelli chiedono di "modificare la legge sul Superbonus 110%, attualmente non estesa a chi intende mettere in sicurezza gli edifici ubicati nelle aree colpite dal bradisismo. Queste strutture devono avere la priorità".

Angelo Bonelli, co-portavoce di Europa Verde, ha insistito: "Sul rischio sismico i governi di ieri e quello di oggi rinunciano a mettere al primo posto la sicurezza del territorio e delle abitazioni. Il governo Meloni spieghi perché ha praticamente azzerato il fondo per le ristrutturazioni antisismiche, mentre ha trovato 14 miliardi di euro per il ponte sullo Stretto di Messina. La norma Giorgetti nel dl superbonus assegna solo 400 milioni di euro alla prevenzione sismica per le aree colpite da terremoti".

74 CONDIVISIONI
264 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views