Durante la presentazione della biografia non autorizzata scritta dal cronista Paolo Picone, l'onorevole Luigi Di Maio spiega per quale motivo non abbia proceduto a finire i suoi studi in giurisprudenza: "Quando il presidente della Regione Campania offende per il mestiere che ho fatto, e mi chiama Gigino webmaster, offende migliaia di persone che stanno sudando nel fare questo lavoro", sottolinea il vicepresidente della Camera, aggiungendo di non aver ancora conseguito ancora la laurea "perché sono diventato vicepresidente alla Camera a 26 anni, e mai avrei approfittato del mio ruolo per andare a fare gli esami". Insomma, per rispetto del suo ruolo ed evitare eventuali scorciatoie che gli verrebbero concesse in virtù dell'importante posizione politica, l'esponente pentastellato avrebbe deciso scientemente di accantonare i propri studi.

Nel corso della presentazione, l'onorevole Di Maio ha affermato che molti episodi descritti nel libro da Paolo Picone non li nemmeno ricordava più e ha inoltre dichiarato di essersi sentito "onorato" dal fatto che un giornalista "ha perso un anno per scrivere una biografia" su di lui. Il vicepresidente alla Camera ha inoltre ripercorso la sua adolescenze, raccontando le prime lotte da studente, le prime battaglie per la "terra dei fuochi" e dello "stordimento" che lo ha pervaso quando é stato eletto deputato della Repubblica Italiana con il Movimento 5 Stelle: "All'improvviso mi sono ritrovato su uno scranno più alto di tutti quei politici che avevo visto in tv per 20 anni".