434 CONDIVISIONI
Elezione del Presidente della Repubblica 2022
22 Dicembre 2021
12:14

Cosa ha detto Draghi sul suo futuro da Presidente della Repubblica o del Consiglio

Il presidente del Consiglio non risponde sul suo futuro e sulla possibilità della sua elezione al Quirinale, ma lancia diversi messaggi durante la conferenza di fine anno. E si descrive così: “Sono un nonno a servizio delle Istituzioni”.
A cura di Tommaso Coluzzi
434 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Elezione del Presidente della Repubblica 2022

Sul suo futuro Mario Draghi non risponde. Lo fa capire chiaramente – ridacchiando – già alla prima domanda della conferenza stampa di fine anno. Ma tra una battuta e una mezza risposta, il presidente del Consiglio ha dato qualche indicazione sulle sue aspettativa per la prossima elezione del capo dello Stato e sulle eventuali ripercussioni che potrebbero avere i diversi scenari. "Abbiamo conseguito 3 grandi risultati – ha cominciato Draghi – siamo uno dei Paesi più vaccinati, abbiamo consegnato in tempo il Pnrr e abbiamo raggiunto i 51 obiettivi". E poi il primo messaggio: "Abbiamo fatto un lavoro perché l'operato del governo continui indipendentemente da chi ci sarà".

Poi, nelle risposte successive, il presidente del Consiglio si è nascosto: "Il mio destino personale non conta assolutamente niente, non ho particolari aspirazioni di un tipo o di un altro, sono un uomo e un nonno al servizio delle istituzioni – ha continuato – È il Parlamento a decidere la vita del governo, le forze politiche sono quelle che hanno permesso a questo governo di agire, non è nelle mani di individui, l'Italia è molto di più di persone individuali, è determinata da un complesso di forze, di persone e di sostegno politico che permettono di andare nella direzione giusta".

E quando i giornalisti hanno incalzato ancora, Draghi ha citato un episodio di qualche tempo fa: "Io non immagino il mio futuro all'interno o all'esterno delle Istituzioni, e l'ho detto una volta rispondendo a una domanda fatta da alcuni ragazzini al punto luce di Torre Maura – ha raccontato – l'importante è vivere il presente e farlo al meglio possibile. Forse sbaglio, ma i motivi del successo del governo, per me sicuramente ma credo anche per altri ministri, è che ha lavorato sul presente senza chiedersi cosa c'è nel futuro, cosa c'è per me nel futuro".

Non ci sarà nessun semipresidenzialismo di fatto, però, ha chiarito Draghi: "Il Presidente della Repubblica è un garante, l'esempio di Mattarella è la migliore guida all'interpretazione di questo ruolo – ha sottolineato – Ha attraversato momenti difficilissimi nel settennato e ha scelto con lucidità e saggezza, è l'esempio, il modello". Alla fine, però, Draghi si è detto preoccupato per un'eventuale divisione della maggioranza che lo sostiene: "È uno scenario da temere, ci vuole una maggioranza ampia perché l'azione di questo governo continui – ha spiegato – È immaginabile una maggioranza che si spacca sull'elezione del Presidente della Repubblica e si ricompone quando c'è da sostenere il governo?".

434 CONDIVISIONI
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni