9.635 CONDIVISIONI

Natale in casa Cupiello: la lettera di Tommasino, pezzo memorabile, capolavoro di comicità e teatro

Uno dei pezzi memorabili di “Natale in casa Cupiello” è sicuramente la “lettera di Tommasino” alla mamma, anticipata a Lucariello e a zio Pasqualino. Tutti noi ricordiamo soprattutto la meravigliosa interpretazione (datata 1977) di Luca De Filippo, figlio di Eduardo che si contrappone a zio Pasquale interpretato da Gino Maringola.
A cura di Ciro Pellegrino
9.635 CONDIVISIONI
Tommasino interpretato da Luca De Filippo
Tommasino interpretato da Luca De Filippo

La lettera di Tommasino nel "Natale in casa Cupiello" di Eduardo De Filippo è probabilmente uno dei pezzi più divertenti di quella che tutto sommato non è affatto una "commedia natalizia" ma un dramma familiare, seppur ambientato in un contesto di festa e tradizione.

Prima di parlarne è praticamente impossibile dimenticare, almeno nelle edizioni televisive (del 1962 e quella in "tele teatro" del 1977) i due Tommaso Cupiello che la interpretarono: negli anni Sessanta fu Pietro De Vico, attore apprezzatissimo da Eduardo e poi, nella celebre edizione a colori del 77, quella che abbiamo imparato ad amare tutti, "Tummasino" è Luca De Filippo, che purtroppo ha lasciato questo mondo troppo in fretta. In teatro sono stati tanti gli interpreti del figlio dispettoso e sfaccendato di Lucariello, fra gli altri Massimiliano Gallo indossò quei panni nel Cupiello di Carlo Giuffrè, altro mostro sacro del teatro in lingua napoletana.

Al centro Tommasino interpretato da Pietro De Vico
Al centro Tommasino interpretato da Pietro De Vico

La lettera di Tommasino è un pezzo che arriva nel secondo atto, quando il figlio di Luca anticipa al padre e allo zio Pasqualino a letterina di Natale a mamma Concetta. Mentre Luca è entusiasta, Pasquale detesta il nipote (ne ha ben donde: gli ruba soldi e vestiti) quindi ascolta di malavoglia. Il testo è cambiato nel corso degli anni.

In calce c'è il copione originale, ma nell'edizione del 1977 ad esempio  il finale è differente sopratutto nell'epigrafica battuta «questa è la proposta!» riferita agli auguri di cent'anni di vita a zio Pasqualino «però con qualche malattia…». Il testo originale invece dice : «…e sessantacinque anni a zi’ Pasqualino». Impossibile dimenticare non solo Luca De Filippo ma anche Gino Maringola che nel tele teatro del 77 interpreta il sarcastico e tagliente zio Pasquale.

NENNILLO (la mette fuori) Sì, ma non si deve dire niente perché è una sorpresa. (Legge) «Cara madre, tanti auguri per il Santo Natale. Ti prometto che sarò sempre buono e rispettoso. Questo ti dissi l’anno passato e questo ti dico anche adesso. Cara madre, ho deciso, mi voglio cambiare; preparami…»
PASQUALINO (ironico) … ‘a maglia, ‘a mutanda e ‘e cazettielle… Nennillo, alzandosi, tenta di scagliargli la sedia.
LUCA (trattenendolo) Pasca’, lass’ ‘o leggere…
NENNILLO E chillo fa ‘o spiritoso. Chi ce ‘o fa fa’?… Mo’ vedimmo! (Riprende a leggere) …«Preparami un bel regalo. Cara madre, che Iddio ti possa far campare cento anni assieme a papà, a mia sorella, a Nicolino e a me ».
PASQUALINO (piccato) Io non esisto, è vero?
NENNILLO E tu che ce trase?
PASQUALINO Ma perché, non sono io pure della famiglia? (Incrociando le braccia)
Mietteme pure a me dint’ ‘a nota d’ ‘a salute. Andiamo. Fa ambressa.
NENNILLO Ma perché, t’aggi’ ‘a mettere pe’ forza? Nun te voglio mettere. PASQUALINO (minaccioso brandendo una forchetta dal tavolo) Mietteme dint’ ‘a nota, ca si no te dongo na furchetta nganno. Mo’ vedimmo.
LUCA (seccato) Uh! Pasca’!… Tu comme t’appiccie ambressa! Aveva ragione nostro padre ca te chiammava ‘o fiammifero.
PASQUALINO (fermo nella sua idea) Embe’… ‘o fiammifero. Pecché mme fido ‘e m’appiccia’! (A Nennillo) Mietteme dint’ ‘a nota, he’ capito?
NENNILLO No. Nun te voglio mettere! (Deciso, agli altri) Quando lo volete sapere, io mi sono seccato ‘e zi’ Pascalino!
PASQUALINO (agitandosi per la stanza) Vedite! Vedite che galiota! A nu zio. (Luca ha un sorrisetto divertito). E ‘o paté ca ride… Cheste so’ cos’ ‘e pazze!
LUCA (a Nennillo, conciliante) Va buo’, miette pure a isso, si no chisto nun ‘a fernesce cchiu. Iammo, meh.
NENNILLO (a malincuore, riprende a leggere) «Che Iddio ti possa far campare cento anni assieme a papà, a mia sorella, a Nicolino e a me… (esita) …e sessantacinque anni a zi’ Pasqualino».
PASQUALINO Insomma, io aggi’ ‘a perdere trentacinc’anne a mano a mano?
NENNILLO Ma pecché, non t’abbàstano?
PASQUALINO Nun m’abbàstano, embe’. Voglio campa’ cient’anne! Mo’ vedimmo. LUCA Pasca’, ma insomma?… Tu campasse overamente quanto dice chisto? Ma
fossene sentenze ca Ile ièscene ‘a vocca?
PASQUALINO Nun me mporta. ‘O tengo pe’ buon augurio! Ha da mettere cient’anne. LUCA (a Nennillo) Va buo’… che vuo’ fa’? Miette cient’anne… Ca chillo po’ ‘o
Pateterno sape chello che fa.
PASQUALINO (protestando) Ih, che bella cosa, teh… Ih, che pariente! Mamma mia!

9.635 CONDIVISIONI
Prende fuoco l'albero di Natale in casa, arrivano i pompieri
Prende fuoco l'albero di Natale in casa, arrivano i pompieri
Poliziotti soccorrono anziano in pericolo rimasto solo in casa: gli fanno compagnia a Natale
Poliziotti soccorrono anziano in pericolo rimasto solo in casa: gli fanno compagnia a Natale
23 di Viral News
'O cippo 'e Sant'Antuono il 17 gennaio: origine del rito ed eventi in Campania
'O cippo 'e Sant'Antuono il 17 gennaio: origine del rito ed eventi in Campania
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni