14 Dicembre 2022
22:28

Napoli, Comune e ambientalisti contro la ruota panoramica: “Impatta su viabilità e decoro”

Il Comune: “Scelta non condivisa. L’amministrazione Manfredi ha sempre bocciato questi progetti”. Raccolta firme su Change.org per bloccarla.
A cura di Pierluigi Frattasi
La ruota panoramica alla Stazione Marittima già in costruzione
La ruota panoramica alla Stazione Marittima già in costruzione

Il Comune di Napoli contro la ruota panoramica alla Stazione Marittima, autorizzata dall'Autorità Portuale, e già in costruzione. “Una scelta non condivisa, impattante per il decoro e la viabilità e agibilità della zona – spiegano a Fanpage.it fonti di Palazzo San Giacomo – In passato progetti di questo tipo sono stati sottoposti all'amministrazione Manfredi e sono stati sempre rifiutati e bocciati. Non sappiamo se sia stato acquisito il parere della Soprintendenza”. Il Comune, insomma, non c'entra niente nella decisione di portare a Napoli la ruota panoramica di 55 metri. Mentre su Change.org è partita la raccolta firme per bloccarla.

Il Comune: “Impatta su decoro e viabilità”

Anche se la giurisdizione è dell'Autorità Portuale di Napoli, insomma, questo il succo del discorso del Comune di Napoli, il Municipio, competente per la viabilità e la sicurezza della zona, non è stato informato. In passato si era parlato della possibilità di montare una ruota panoramica sul Lungomare, sul lato della Rotonda Diaz, su suolo comunale, ma il progetto non si era realizzato.

Per il Comune, la ruota, messa davanti alla Stazione Marittima, sarebbe “impattante per la viabilità”. Anche se c'è da dire che fino a poco tempo fa e per diversi mesi, proprio in quell'area sostavano le più grandi navi da crociera del mondo, molto più grandi della ruota panoramica, e che ruote panoramiche sono state installate in città d'arte come Firenze, e anche sul Lungomare di Salerno.

Raccolta firme su Change.org per bloccarla

La ruota panoramica divide anche la città e su Change.org è partita la raccolta firme per bloccarne l'installazione. “A Napoli, al molo Angioino – si legge nel testo – a due passi dalla Stazione Marittima, dalla Piazza Municipio e dallo straordinario Palazzo Reale, sarà costruita per il periodo natalizio una ruota panoramica di cui si magnifica l'impatto sul turismo”.

“Già in passato – prosegue l'appello – la Città ha dovuto assistere al deturpamento delle sue zone di maggior pregio storico e paesaggistico con discutibili allestimenti di gran pacchianeria e che si sono rivelati fallimentari dal punto di vista economico oltre che motore di degrado ambientale”.

E conclude:

Chiediamo ad horas al Sindaco di Napoli e al Dirigente della locale Soprintendenza di riconsiderare la realizzazione di tale progetto, ancorchè temporanea, per l'insopportabile vulnus che ne verrebbe alla magnificenza di una zona che dal punto di vista storico, culturale e paesaggistico, non ha eguali; danni dovuti a un impatto antropico di cui non sono state nè considerate nè pubblicizzate, nei riguardi della cittadinanza, le conseguenze.

Perché la Ruota panoramica proprio alla Stazione Marittima? Si tratta di un'area di proprietà dell'Autorità Portuale, quindi non comunale. La ruota panoramica, poi, resterà solo fino a febbraio, periodo nel quale solitamente non ci sono navi da crociera, quindi non intralcerà il flusso dei croceristi. Inoltre, dopo la frana che ha colpito Ischia il 26 novembre scorso, anche il traffico marittimo al Molo Beverello si è notevolmente ridotto, rendendo più gestibile la circolazione nell'area della Stazione Marittima.

Negli uffici del Reddito di Cittadinanza del Comune di Napoli manca pure la carta igienica
Negli uffici del Reddito di Cittadinanza del Comune di Napoli manca pure la carta igienica
A Napoli nuovo hotel di lusso a Fuorigrotta: è LHP Palace, con piscina panoramica e ristorante
A Napoli nuovo hotel di lusso a Fuorigrotta: è LHP Palace, con piscina panoramica e ristorante
Galleria Vittoria a Napoli chiusa dal 31 gennaio per lavori, le strade alternative
Galleria Vittoria a Napoli chiusa dal 31 gennaio per lavori, le strade alternative
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni