5.552 CONDIVISIONI
Opinioni
È morto Luciano De Crescenzo
18 Luglio 2021
10:43

Due anni fa l’addio a Luciano De Crescenzo. Oggi più vivo che mai

Due anni dopo la sua scomparsa, possiamo dire che Luciano De Crescenzo è vivo più che mai. Ma attenzione: occorre preservarne la memoria pubblica, raccontarlo ai giovani. E per questo è necessario che le istituzioni napoletane si adoperino e non lo facciano troppo tardi: la memoria è qualcosa che tende a svanire.
A cura di Ciro Pellegrino
5.552 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
È morto Luciano De Crescenzo

Il 18 luglio 2019 dicevamo addio a Luciano De Crescenzo, morto a novant'anni.. Non avrebbe visto due successivi anni terribili del nostro mondo fatti di pandemie globali e paure, intorno alle quali, probabilmente, avrebbe saputo ironizzare e recuperare dal passato dei nostri avi Greci e Romani, saggi consigli e prospettive laterali per affrontare un presente inquietante.

Luciano non c'è più, c'è la sua eredità culturale, vastissima. Ci sono i suoi tanti progetti che ancor oggi, piano piano, nelle mani della figlia Paola e del suo storico agente Enzo D'Elia continuano a dar frutti. Uno di questi ad esempio è stata "La grande filosofia per «menti curiose" con testi illustrati da Paolo D'Altan.

A Napoli, nel quartiere Chiaia, c'è oggi un vicoletto che porta il nome di Luciano, vicino vico Belledonne. E c'è anche un grosso murale ai Quartieri Spagnoli che lo ritrae sornione e sorridente sulla salita di vicoli intrecciati come un cesto di vimini. Ci sono le sue fotografie esposte permanentemente in un locale di piazzetta Nilo, nel cuore dei Decumani.

C'è tanto di Luciano De Crescenzo a Napoli: le librerie hanno pareti intere dedicate al poliedrico filosofo-ingegnere-scrittore-regista, le fotografie, ci sono i film che le tivvù locali mandano a rullo ogni domenica: Così parlò Bellavista; Il Mistero di Bellavista; 32 Dicembre e così via.

Luciano De Crescenzo è dunque vivo più che mai. Ma attenzione: occorre preservarne la memoria pubblica, raccontarlo ai giovani. È un vantaggio per tanti motivi: egli fu popolare divulgatore di filosofia e portabandiera della napoletanità (e della napolitudine) nel mondo. Consentirgli di divulgare ancora (anche usando modi nuovi) è una opportunità eccezionale per i ragazzi.

Tempus fugit: per donare memoria di ciò ai giovani occorre non lasciarla scivolare veloce sul piano inclinato dell'oblìo. Peccato che le istituzioni napoletane, impegnate nella propaganda di loro stesse, non abbiano mai pensato a ricordarlo come merita (daranno la colpa al Covid?). Ma c'è, fortunatamente, ancora un po' tempo.

5.552 CONDIVISIONI
Giornalista professionista, capo servizio di Napoli a Fanpage.it. Insegna Etica e deontologia del giornalismo alla LUMSA. Ha un podcast che si chiama "Saluti da Napoli". È co-autore dei libri Il Casalese (Edizioni Cento Autori, 2011); Novantadue (Castelvecchi, 2012), Le mani nella città e L'Invisibile (Round Robin, 2013-2014). Ha vinto il Premio giornalistico Giancarlo Siani nel 2007 e i premi Paolo Giuntella e Marcello Torre nel 2012.
49 contenuti su questa storia
De Crescenzo e quel monologo del professor Bellavista al camorrista: "Ma vi conviene?..."
De Crescenzo e quel monologo del professor Bellavista al camorrista: "Ma vi conviene?..."
Le frasi e gli aforismi di Luciano De Crescenzo
Le frasi e gli aforismi di Luciano De Crescenzo
Napoli, vico Belledonne a Chiaia da oggi avrà una targa per Luciano De Crescenzo
Napoli, vico Belledonne a Chiaia da oggi avrà una targa per Luciano De Crescenzo
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni