1.282 CONDIVISIONI
Opinioni
L'arte del pizzaiuolo napoletano patrimonio UNESCO
27 Giugno 2022
22:30

Sulla pizza Briatore è stato sconfitto da fatti e ironia. Ma continua ad attaccare (grazie alla tv)

Flavio Briatore sulla pizza ha perso in ogni modo: davanti all’opinione pubblica e davanti agli addetti ai lavori. Ma la tv gli regala spazio a non finire.
1.282 CONDIVISIONI
Ironia partenopea per Briatore /foto CuofanoD. – Instagram
Ironia partenopea per Briatore /foto CuofanoD. – Instagram
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
L'arte del pizzaiuolo napoletano patrimonio UNESCO

Flavio Briatore insiste. Nel giro di una settimana ha trovato l'ironia e l'arte dei pizzaiuoli che gli hanno sbarrato la strada ad ogni tentativo di declassare la pizza realizzata a Napoli.

Tuttavia l'ex geometra cuneese, imprenditore di una catena di pizzerie di lusso, ha dalla sua la grande capacità nelle pubbliche relazioni: approda  in tv con una facilità negata ad altri imprenditori del settore. Questo perché spazia dal gossip alla battaglia contro il reddito di cittadinanza alla recente crociata anti-pizza partenopea, argomenti ghiottissimi per i programmi del pomeriggio e per i talk serali in affanno di audience in piena estate.

E così una volta è un monologo su Rete 4, un'altra è nel salotto di Rai3 condotto da Bianca Berlinguer, il boss del Billionaire ha vita facile. Con la pizza riesce a farsi pubblicità senza problemi in ogni dove. Ma siccome è stato bocciato da addetti ai lavori e dai consumatori, è evidentemente costretto ad alzare il tiro e mette in mezzo pure i santi: «Forse San Gennaro vi aiuta a pagare le tasse e l'affitto visto che vendete pizza a 4 euro?».

Ma tant'è. Tocca sopportare, entro fine estate potrebbe scocciarsi. Nel frattempo, c'è di che divertirsi: nei dibattiti del Pizza Village di recente conclusosi le battute erano tutte per la Crazy Pizza, alla Festa del Panuozzo di Gragnano mister Billionaire è stato preso in giro col tariffario ad hoc: «un panuozzo per Briatore 65 euro» (come il costo della sua pizza col prosciutto spagnolo Patanegra), sui social è tutto un fiorire di sfottò di comici, influencer, tiktoker, esperte ed esperti di cucina e perfino politici.

Se un merito ha avuto, Flavio Briatore, è stato quello di ricordare alle persone che vivono e operano all'ombra del Vesuvio che non si deve mai dar nulla per scontato. Nemmeno, incredibile a dirsi, il più plateale simbolo della napoletanità.

1.282 CONDIVISIONI
Giornalista professionista, capo servizio di Napoli a Fanpage.it. Insegna Etica e deontologia del giornalismo alla LUMSA. Ha un podcast che si chiama "Saluti da Napoli". È co-autore dei libri Il Casalese (Edizioni Cento Autori, 2011); Novantadue (Castelvecchi, 2012), Le mani nella città e L'Invisibile (Round Robin, 2013-2014). Ha vinto il Premio giornalistico Giancarlo Siani nel 2007 e i premi Paolo Giuntella e Marcello Torre nel 2012.
Quando Domino's (che ha chiuso in Italia) diceva di voler vendere le sue pizze a Napoli
Quando Domino's (che ha chiuso in Italia) diceva di voler vendere le sue pizze a Napoli
L'ossessione di rendere la pizza un piatto di lusso: ce n'è una ricoperta d'oro, costa 99 euro ed è veneta
L'ossessione di rendere la pizza un piatto di lusso: ce n'è una ricoperta d'oro, costa 99 euro ed è veneta
Le vie della pizza sono infinite: ma quella con le fragole fa storcere il naso a molti
Le vie della pizza sono infinite: ma quella con le fragole fa storcere il naso a molti
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni