Vincenzo De Luca vuole acquistare un nuovo palazzo da sessantamila metri quadrati per gli uffici della Regione Campania. La ricerca di mercato è ufficiale, pubblicata sul bollettino ufficiale dell'ente ieri.  Non è la prima volta che un presidente di Regione cerca nuovi spazi da acquistare per dislocare gli uffici e ridurre le strutture in affitto, è tuttavia singolare che ciò accada in tempo di pandemia con gran parte dei dipendenti dell'ente in smart working.

È tutto nero su bianco: l'avviso pubblico firmato dalla Direzione generale per le risorse strumentali parla di un immobile di almeno «60mila metri quadrati» a Napoli, in centro, o di più immobili che non siano inferiori ognuno a 10mila metri quadrati di superficie.

È stimata necessaria l’acquisizione di una superficie ad uso uffici complessivamente non inferiore a 60.000 mq (si intende la superficie dei soli locali destinati ad ufficio). Detto fabbisogno può essere utilmente soddisfatto anche attraverso l’acquisizione di singole offerte di immobili, ciascuno in ogni caso di superficie non inferiore a mq 10.000. La procedura, pertanto, potrà avere anche più aggiudicatari.

«La ricerca – si legge – è ristretta al territorio comunale di Napoli, in zona servita da mezzi pubblici, non distante dalle principali arterie e linee di collegamento e con disponibilità, nelle immediate vicinanze, di parcheggi». Dunque non tutte le zone potranno essere candidabili: le periferie, ad esempio, scontano la grave carenza di mezzi pubblici e in alcuni casi assenza della metropolitana (si pensi a Ponticelli e Barra, ad esempio).

E ancora: le unità immobiliari autonome, in fabbricato cielo terra o, se porzione di unità complessa, devono essere dotate di ingressi ed impianti autonomi e con limitatezza di spazi condominiali, preferibilmente già cablate o facilmente cablabili.

L'operazione è "benedetta" dal Partito Democratico in Consiglio, vista la dichiarazione di plauso del capogruppo, Mario Casillo:

Facciamo un importante passo avanti verso l'accorpamento in una sola struttura dei tanti uffici di competenza della Regione Campania dislocati sull'intera città di Napoli. Voglio esprimere il mio plauso e ringraziamento al presidente Vincenzo De Luca e al vicepresidente Fulvio Bonavitacola per aver accolto positivamente la mia sollecitazione. Allocare in una sola area gli uffici regionali dislocati in varie parti della città rappresenterebbe un evidente beneficio sia per l'istituzione, ma soprattutto per i cittadini che non sarebbero più costretti a dover attraversare la città da un capo all'altro per poter ricevere i servizi richiesti.