A Napoli il tram torna a collegare l'area est a piazza Municipio e piazza Nazionale dopo 5 anni di stop. L'Anm oggi ha riattivato le Linee 2 e 4 della linea tranviaria, dopo aver già ripristinato la Linea 1 l'anno scorso. Il servizio di trasporto su tram era stato sospeso dopo l'avvio del restyling di via Marina, tra il 2015 e il 2016, perché il deposito dei tram di Corso San Giovanni a Teduccio era diventato inaccessibile a causa dei lavori. Presenti al taglio del nastro il sindaco Luigi De Magistris, il vicesindaco Enrico Panini, l'assessore ai Trasporti, Alessandra Clemente, l'amministratore di Anm, Nicola Pascale, di NapoliHolding, Amedeo Manzo, l'ex assessore alla mobilità Mario Calabrese, e l'ingegner Pierpaolo Martino di Anm.

Riparte il tram, corse ogni 15 minuti

Con la riattivazione delle due linee da oggi, l'esercizio prevede su Linea 4 (S.Giovanni-Piazza Municipio) 4 tram Sirio con frequenza ogni 15 minuti, su Linea 2 (San Giovanni-piazza Nazionale) 2 tram CTK con frequenza ogni 25 minuti, mentre sulla Linea 1 (Piazza Municipio-Poggioreale) attivata l'anno scorso 6 tram Sirio con frequenza ogni 12 minuti. “Oggi – spiega l'amministratore unico dell'Anm, Nicola Pascale – riparte l'intera rete tranviaria della città. Abbiamo una flotta di 35 tram e di questi la metà entrerà in circolazione entro un mese e mezzo per offrire un servizio sempre migliore, avremo tempi di 10 minuti sulla tratta costiera e di 20 minuti per piazza Nazionale”. Mentre il sindaco Luigi De Magistris ha sottolineato il "risultato complicato, non facile, ma importante che dà il segno di quanto sia viva questa azienda a cui non abbiamo mai fatto mancare nostro supporto. Soprattutto il servizio ai cittadini. A questo seguirà quello del filobus".

Critico il presidente della commissione Trasporti, Nino Simeone: "Ennesima sceneggiata. Qualcuno mi dicesse qual è questo grande risultato raggiunto da questa Amministrazione. La vera scommessa sarà riattivare la vecchia Linea mare San Giovanni-Bagnoli, che ovviamente mi aspetto dalla nuova Amministrazione comunale e non certamente da quella attuale".

Sui tram climatizzatori e contapersone per il Covid

Le linee di tram sono servite dai Sirio, climatizzati, dotati di contapersone molto importanti nell'era covid: il Sirio ha una capienza di 155 persone a pieno carico, al 50% sono 77 passeggeri. L'utilizzo dei vecchi tram Ctk è stato reso possibile grazie al lavoro di ristrutturazione portato avanti dal team guidato da Pierpaolo Martino, direttore di esercizio filotranviario: i vecchi mezzi sono stati del tutto recuperati, forniti di un nuovo sistema frenante e sono perfettamente in grado di circolare, sebbene a una velocità minore rispetto ai Sirio, riportando per le strade di Napoli il fascino dei mezzi di una volta.

Il tram dei desideri dipinto dalle artiste americane

Tra i mezzi Ctk spicca il "Tram dei desideri", dipinto dalle due artiste americane Nicolina Tyler e Jade Fusco nel 2013 e ora pronto a tornare in esercizio con i suoi colori che decorano gli schienali dei sediolini. I tram sono la linea 2 (San Giovanni-Piazza Nazionale) e la linea 4 (Corso San Giovanni-via Cristoforo Colombo) e completano la rete delle linee tranviarie partenopee insieme alla Linea 1, già funzionante da inizio 2020. In totale per le tre linee al momento, considerando il servizio ridotto per il Covid19, saranno impiegati 10 SIRIO e 2 CTK su una flotta complessiva di 35 tram a disposizione di Anm. I programmi di esercizio verranno poi aggiornati seguendo le direttive del Governo e della Regione Campania. Al momento è ancora in vigore la riduzione prevista fino al 10 gennaio. Riattivata la rete tram della città, nell'area del Colli Aminei si stanno concludendo i collaudi per la nuova linea di filobus che collega Piazza Museo Nazionale al Cardarelli che si conta di attivare a fine gennaio.