Mirko Mellacca, ex anziano dei testimoni di Geova (Mirko Mellacca)
in foto: Mirko Mellacca, ex anziano dei testimoni di Geova (Mirko Mellacca)

In 9 casi su 10, gli abusi sessuali ai minori dentro i testimoni di Geova non vengono denunciati. Il desiderio dei singoli fedeli che i bambini siano protetti non è in discussione. Il problema sta nei ʽpiani alti’ che si sono sempre pregiati del fatto che certe cose nella loro organizzazione non accadono perché sono ʽil popolo di Dio’”.

Mirko Mellacca è un programmatore informatico di 37 anni e per molto tempo ha ricoperto un ruolo di primo piano all'interno dei testimoni di Geova. “Mi è capitato almeno in 4 occasioni di dover affrontare violenze sessuali a minori. Quelle che ricordo in modo più nitido sono tre. Per nessuna di queste vicende è mai stata presentata alcuna denuncia alle autorità”.

Figlio di genitori convertiti al culto a Geova, Mirko, è un adolescente quando il padre gli chiede di battezzarsi. E lui accetta senza riserve. A 27 anni viene nominato al ruolo di anziano. Una “carriera” che lo porterà in pochi anni a diventare “coordinatore del corpo degli anziani”. “Questo mi consentiva di viaggiare parecchio e conoscere più da vicino il modo di operare di questa organizzazione. Ero un punto di riferimento per centinaia di persone – spiega – e sentivo forte la responsabilità ʽspirituale’ che la mia figura richiedeva. Ad ascoltare l’ultimo mio discorso c’era una folla di circa 8000 persone”.

Tre anni fa viene disassociato, ovvero espulso dalla congregazione di cui faceva parte. “Dopo 8 ore di comitato giudiziario hanno deciso di espellermi. Non tanto per quello che avevo fatto, quanto per il ruolo che ricoprivo. Se potessi tornare indietro, prenderei il coraggio a due mani e deciderei di dissociarmi volontariamente”.

Abbandonato il culto geovista, Mellacca ha scritto un libro in cui racconta la sua esperienza. “Mi rendevo conto di essere a conoscenza di informazioni che il 90% dei testimoni non conosce. Alcune informazioni non le conosce neanche la maggioranza degli anziani delle congregazioni. Non è mio obiettivo gettar fango o screditare nessuna persona specifica, semplicemente – puntualizza – desidero trasmettere informazioni reali, poi ognuno trarrà le conclusioni che ritiene più opportune”.

Premesso che la posizione ufficiale dei testimoni di Geova, contenuta nel libro “Pascete il gregge di Dio”, è piuttosto chiara in merito ai casi di pedofilia (“Gli abusi su minori costituiscono un reato. Non suggerite mai di non denunciare un caso di abusi su minori alla polizia o ad altre autorità), Mellacca ha un’opinione diversa su come vengono trattati gli abusi all'interno delle congregazioni.

Ha mai affrontato casi di abusi su minori?

"Sì, mi è capitato almeno in 4 occasioni. Quelli che ricordo in modo più nitido sono tre. Il primo caso è quello di una donna di circa 35 anni. Il marito, che era a sua volta un anziano, mi disse che la moglie da piccola era stata molestata dal padre, il quale, all'epoca dei fatti, era già un testimone di Geova battezzato. Seguendo le direttive che la congregazione centrale aveva fornito agli anziani, io e un altro anziano, in questo caso proprio il marito, chiamammo la Betel (la sede centrale dei testimoni in Italia) per informare sui fatti e attendere istruzioni. La risposta, che in realtà mi aspettavo, fu: ʽLa sorella (i seguaci di Geova si chiamano l’un l’altro fratello e sorella, ndr) deve affrontare il padre per chiedere conto di quanto successo. Se il padre conferma, allora si può procedere nei suoi confronti con un comitato giudiziario’. Io e il marito riferimmo alla donna quello che avrebbe dovuto fare. Scoppiò in lacrime. Per lei significava aprire una ferita vecchia di oltre 20 anni. Era chiaro: non lo avrebbe mai fatto se non fosse che a chiederlo era ʽun rappresentante di Geova’. Così affrontò il padre, il quale, ovviamente, negò tutto. La questione si chiuse così. Scrivemmo una nota che sarebbe stata conservata in un archivio confidenziale con indicato il nome delle due persone coinvolte, l'accusa rivolta e la reazione della persona accusata. Nulla di più. Ovviamente le autorità non furono contattate. Mi sentii piuttosto male".

"Nel secondo caso, una ragazzina di 14 anni mi confidò un abuso subito. Le chiesi se i genitori sapessero dell'accaduto e mi disse di no. Stando alle direttive ricevute, io avrei dovuto chiamare ʽimmediatamente’ (è scritto proprio così in quella lettera) la Betel per attendere istruzioni. Questo avrebbe voluto dire far sapere a dei perfetti sconosciuti che si trovavano a Roma ciò che era accaduto a questa ragazzina ancora prima che lo sapessero i suoi genitori. Ci riflettei un po'. E decisi di non fare quella telefonata. Piuttosto chiamai il padre e gli dissi che avrebbe fatto bene a fare una chiacchierata con sua figlia. Due giorni dopo il padre, in lacrime, mi ringraziò per averlo coinvolto subito. Lui chiaramente non sapeva che io avrei dovuto telefonare alla Betel: quelle direttive infatti sono confidenziali e ad uso esclusivo degli anziani. Nonostante questo, mi chiese di fare in modo che la faccenda rimanesse privata, non desiderava che lo sapessero neanche gli altri anziani. Anche questo episodio mi lasciò con l'amaro in bocca".

"Il terzo caso è forse quello più indicativo. Fui chiamato da una congregazione vicina per partecipare ad un comitato giudiziario a carico di un anziano. Era stato accusato dalla cognata di aver abusato di lei quando era solo una bambina. Quest'uomo, nel corso degli anni, aveva più volte indotto la ragazzina a non confessare la cosa: doveva essere il loro segreto. Quando poi lui fu nominato anziano, la indusse a credere che di averne parlato con gli altri anziani e questi lo avevano rassicurato che ʽera tutto a posto, certi errori si possono commettere’. Nel periodo in cui affrontammo la questione, ricordo che non dormii per alcuni giorni. La decisione fu quella di disassociare quell'anziano, il quale continuava a minimizzare quanto aveva fatto. Ma l'assurdo fu che al termine del comitato chiesi agli altri due anziani: ʽMa secondo voi questa persona dovrebbe essere denunciata alle autorità?’. Ne parlammo un po'. Alla fine decidemmo di scrivere una lettera alla Betel per chiedere come comportarci. La risposta arrivò in pochissimo tempo: avevamo fatto bene a disassociare quella persona. Punto. La lettera non rispondeva assolutamente alla nostra domanda sulla denuncia. E la cosa morì lì. Ancora oggi, nessuno sa cosa quest'uomo abbia fatto, né gli altri testimoni, né la comunità locale. A proposito: oggi quell'uomo è tornato ad essere un testimone di Geova".

Quali sono le direttive dei TdG sui casi di pedofilia?

"La prima è la regola dei due testimoni. Per procedere internamente, formare cioè un comitato giudiziario, è necessario che ci siano due testimoni del peccato. Questo vale per qualsiasi peccato, dall'ubriachezza al fumo, dall'adulterio agli abusi sui minori. Nel caso degli abusi, però, mi pare piuttosto evidentemente che un pedofilo non chiami una terza persona prima di agire. E' un'assurdità. E in questo le autorità devono intervenire. Un bambino che frequenta quell'ambiente è chiaramente in pericolo. Non è un'esagerazione. E' la realtà. I genitori si fidano dell'organizzazione, si fidano degli anziani. E se l'organizzazione dice che ci vogliono due testimoni, non ci sono discussioni, questa è la cosa migliore perché ʽè una disposizione divina’".

"E poi c’è una seconda contraddizione che riguarda i rapporti con le autorità. Fino a 30 anni fa, l'idea comune tra i testimoni era non denunciare. ʽChe figura ci facciamo se uno di noi denuncia un altro testimone di Geova? Sarebbe una cattiva pubblicità’. Poi hanno deviato leggermente, lasciando la decisione ai genitori: non ti incoraggio a denunciare e non ti scoraggio, decidi tu. Ora, da qualche mese, gli anziani sono tenuti a ricordare ai genitori che, se lo desiderano, possono denunciare. Un'organizzazione che ha bisogno di mettere per iscritto un'istruzione come questa ha chiaramente un potere fortissimo sulla vita delle persone. Perché un'istituzione religiosa dovrebbe ricordarti una cosa simile? Forse perché fino a questo momento in 99 casi su 100 questi reati non sono mai stati denunciati?".

Perché i casi di pedofilia non vengono alla luce?

"Chi è dentro si fida a tal punto dell'organizzazione che ritiene di essere in una botte di ferro. Chi ne esce non sempre ha la forza e la volontà di raccontare ciò che ha vissuto. Alcuni preferiscono dimenticare, altri si ritrovano soli e per loro anche solo sopravvivere diventa una battaglia. Alcuni invece raccontano. E ritengo che farlo sia un passo assolutamente necessario per evitare che altri si facciano male come è successo già troppe volte".

Perché i genitori dei minori abusati non denunciano?

"Perché l'organizzazione è l'autorità suprema. Gesù è il capo della congregazione. Per questo, se hai un problema la prima cosa che fai è chiamare gli anziani, che sono ʽstelle nelle mani di Cristo’. Poi, soprattutto nell'ultimo periodo, puoi anche decidere di denunciare, ma è un passo successivo. L'organizzazione ti insegna che le autorità secolari ʽsono state poste nelle loro rispettive posizioni da Dio’. In sostanza è Dio che permette alle autorità di agire. Questo significa che l'autorità suprema è quella di Dio, il quale ovviamente agisce attraverso la sua organizzazione. In passato il controllo sui fedeli era molto serrato. Un tempo, era molto difficile che un testimone di Geova venisse a contatto con queste informazioni. Oggi non è così e anche i testimoni si rendono conto che qualcosa non va. E non sempre ubbidiscono ciecamente".