Ha ucciso un cagnolino dandogli un calcio e per questo è stato denunciato dai carabinieri. Protagonista della vicenda un cinquantenne che a Spino D'Adda, in provincia di Cremona, avrebbe causato la morte dell'animale dopo che questi si sarebbe azzuffato con il suo cane. L'uomo, scappato prima dell'arrivo delle forze dell'ordine, è stato rintracciato e denunciato a piede libero.

Spino D'Adda, il calcio mortale dell'uomo

Intorno alle 15 di domenica 3 gennaio l'uomo era a passeggio con il suo cane di media taglia quando ha incrociato lungo la strada sterrata che porta al canale Vacchelli e arriva alla frazione di Pandino una conoscente anche lei con il suo cane. I due animali, entrambi al guinzaglio, si sarebbero messi ad abbaiare per poi iniziare ad azzuffarsi. I due padroni a quel punto non sarebbero più riusciti riusciti a trattenerli e il 50enne, probabilmente nel tentativo di dividerli, ha avuto una reazione violenta: avrebbe infatti dato un calcio al cagnolino all'altezza del collo. Il colpo è stato talmente violento da ucciderlo.

Le ricerche dei carabinieri e la denuncia

La donna, in lacrime, ha quindi cercato di soccorrere il proprio cagnolino e poi, non riuscendo a rianimarlo, ha chiamato i soccorsi. Prima dell'arrivo delle forze dell'ordine, l'uomo si sarebbe però allontanato. Ai carabinieri di Pandino, giunti sul posto pochi minuti dopo, la donna ha spiegato quanto era accaduto e ha fornito le generalità del presunto responsabile. Una volta raccolta la testimonianza, i militari si sono subito mobilitati e hanno rintracciato l'uomo, che adesso è stato denunciato e che rischierebbe anche una multa.