81 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito

Cosa sappiamo della scomparsa di Gianfranco Bonzi, il custode di Brera sparito 9 giorni fa

Gianfranco Bonzi, 59enne custode di un palazzo a Brera, nel centro di Milano, è scomparso dal 23 marzo. Con sé ha solo un trolley chiaro. Ha lasciato a casa cellulare, carte di credito e carta d’identità. A denunciare la scomparsa è stato il figlio.
A cura di Matilde Peretto
81 CONDIVISIONI
Immagine

È stato visto uscire dal portone della sua abitazione e poi più nulla. Gianfranco Bonzi, 59enne custode di un palazzo a Brera, nel centro di Milano, è scomparso dal 23 marzo. Con sé, secondo quanto emerso, ha solo un trolley chiaro di cui non si conosce il contenuto. Ha lasciato a casa cellulare, carte di credito e carta d'identità. A denunciare la scomparsa è stato il figlio, ormai 9 giorni fa.

Le videocamere sono già state visionate: l'uomo è stato visto uscire di casa e poi di lui si sono perse le tracce. La sua abitazione, in via Borgonuovo, coincide con il luogo di lavoro: Bonzi, infatti, è il custode del palazzo.

Per gli investigatori potrebbe trattarsi di un allontanamento volontario

Le indagini propendono per un allontanamento volontario. A quanto pare il 59enne, residente a Milano, stava attraversando un periodo emotivamente difficile. Il figlio non ha rilasciato dichiarazioni e così nemmeno il fratello dell'uomo che è in contatto con l'associazione Penelope.

A fianco delle famiglie e degli amici di persone scomparse, Penelope ha pubblicato sui suoi canali social questo avviso: "La famiglia del signor Gianfranco ha chiesto il nostro aiuto. Si è allontanato da casa sabato 23, pomeriggio. Il figlio è molto preoccupato". Post accompagnato anche da volantini in cui si chiede di contattare le forze dell'ordine in caso di avvistamento.

L'unico ad aver notato qualcosa di strano in Gianfranco Bonzi è il cugino Enrico di Taglio di Po. Al quotidiano online La voce di Rovigo ha dichiarato di averlo sentito circa 20 giorni fa e di aver notato un cambiamento nel suo umore: gli sembrava depresso.

L'ultima volta che è stato visto indossata una giacca militare verde, jeans scuri, scarpe da tennis blu scuro con suola bianca e quel trolley misterioso.

L'ultimo post su Facebook

Intorno alle 7 e mezza di mattina del 23 marzo, Bonzi ha pubblicato un post su Facebook in cui augurava buon compleanno a Chaka Khan, nome d'arte di Yvette Marie Stevens. Si legge: "è una cantante statunitense. Nella sua carriera ha ricevuto numerosi Grammy Award, ed è conosciuta soprattutto per successi internazionali come I'm Every Woman, I Feel For You, vecchia canzone del 1978 cantata da Prince Rogers Nelson, e Through the Fire".

Un dettaglio che rende l'uomo attivo sui social fino a poche ore prima della sua sparizione.

81 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views