Alberto Genovese arrestato per stupro
18 Novembre 2022
9:24

“Alberto Genovese voleva comprare il mio silenzio”: una vittima denuncia il tentativo di corruzione

La testimonianza della vittima al tempo diciottenne: “L’amico di Alberto Genovese mi ha chiesto di addolcire la denuncia dicendo alla polizia che alcune cose io le avevo volute, e che ero consenziente a certe pratiche”.
A cura di Francesca Del Boca
Alberto Genovese (Facebook)
Alberto Genovese (Facebook)
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Alberto Genovese arrestato per stupro

"Daniele Leali mi ha chiesto di addolcire la denuncia, non di ritirarla, dicendo alla polizia che alcune cose io le avevo volute e che ero consenziente a certe pratiche. Ho preferito che le mie due amiche fossero presenti, perché Alberto Genovese stava tentando di comprarmi. Non volevo essere da sola".

Daniele Leali è il braccio destro di Alberto Genovese, l'ex imprenditore del web condannato a 8 anni e 4 mesi per due casi di violenza sessuale. La testimone che riporta queste parole, invece, è Aurelia.

Una ragazza diciottenne che la sera del 10 ottobre 2020 arriva al party a Terrazza Sentimento, nell'appartamento del ricchissimo mago delle start up in cui si tengono feste leggendarie. Riuscirà a lasciare l'attico solo alle 16.30 del giorno dopo, raccolta in strada da una volante della questura in stato di shock, seminuda e con uno stivale solo.

Il fedelissimo di Alberto Genovese che tenta di depistare le indagini

La ragazza presenta denuncia, e il fedelissimo di Alberto Genovese si mette così all'azione. La cerca sui social, attraverso amicizie comuni, chiede in giro. Contatta le amiche, e finalmente riesce a fissare un incontro con lei. Le chiede di "addolcire la denuncia", di riferire alla polizia "di essere stata consenziente" a "certe pratiche" sessuali violente. Le offre ottomila euro, viaggi all'estero. 

Una vera e propria missione, quella di proteggere l'imprenditore. "Era talmente dipendente dalle sorti dell'amico e aggrappato alla sua prodigalità che, dopo i fatti denunciati dalla diciottenne, si è dedicato anima e corpo a ricomporre bonariamente la questione intervenendo a gamba tesa sulla linearità delle indagini", scrivono infatti gli inquirenti. L'accusa, adesso, è di intralcio alla giustizia. 

Chi è Daniele Leali, il braccio destro di Alberto Genovese

Perché Leali è più che un amico. È un vero e proprio braccio destro: organizza i party di Terrazza Sentimento e gestisce le risorse messe a disposizione da Genovese soprattutto per l'acquisto di grandi quantità di droga, che durante le serate distribuisce personalmente sui vassoi (occupandosi personalmente di rifornirli a getto continuo). "Una sorta di piccolo broker che soddisfaceva le esigenze del ricchissimo amico dalla Spagna a Mykonos, passando da Milano fino in Sicilia", secondo la polizia.

 

La testimonianza della vittima di Genovese

"Mi avevano legato con le manette sia le caviglie sia i polsi", raccontò poi la ragazza. "Avevo le braccia legate al corpo. Ero completamente nuda. A un certo punto ho perso i sensi. Mi sono risvegliata il giorno dopo. Ero nel letto sempre nuda, accanto a me c'era Alberto, anche lui nudo".

Testimonianza poi verificata dalle telecamere dell'abitazione. "Ricordo il dolore. E il sangue sulle lenzuola".

130 contenuti su questa storia
Perché Alberto Genovese avrà una riduzione della pena che deve scontare di 8 anni e 4 mesi
Perché Alberto Genovese avrà una riduzione della pena che deve scontare di 8 anni e 4 mesi
Una vittima di Genovese:
Una vittima di Genovese: "Ho incontrato Corona e il mio audio è finito in tv senza il mio consenso"
Il giudice che ha condannato Alberto Genovese:
Il giudice che ha condannato Alberto Genovese: "Il suo unico scopo è la ricerca del massimo piacere personale"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni