15 agosto 11:05 Crollo ponte Genova, il Procuratore: “Non è stata fatalità, ma un errore umano”

"Non è stata una fatalità, ma un errore umano" a provocare il crollo del ponte a Genova. Lo ha detto il procuratore capo di Genova, Francesco Cozzi, al termine di un sopralluogo nella zona del crollo. La procura ha aperto anche un fascicolo per disastro colposo e omicidio plurimo. "Noi dobbiamo rispondere a una sola domanda: perché è successo?", ha spiegato il magistrato. "Questo è il nostro compito e per trovare una risposta faremo tutto quello che è necessario". Intanto, anche il sottosegretario alle infrastrutture, Edoardo Rixi, ha annunciato che "verrà istituita una commissione d'inchiesta all'interno del ministero. Verificheremo tutto fino in fondo e non lasceremo nulla al caso".

15 agosto 10:21 Crollo ponte Morandi Genova, Di Maio: “Revoca concessione Autostrade e multa da 150 milioni”

"I responsabili hanno un nome e un cognome e sono Autostrade per l'Italia. Dopo anni che si è detto che le cose dai privati sarebbero state gestite molto meglio, ci troviamo con uno dei più grandi concessionari europei che ci dice che quel ponte era in sicurezza. Queste sono scuse. Autostrade deve fare la manutenzione e non l'ha fatta. Prima di tutto si dimettano i vertici". E' questo quanto dichiarato dal vice-premier e ministro dello Sviluppo economico, Luigi Di Maio, sui fatti legati al crollo del ponte Morandi di Genova verificatosi nella giornata di martedì 14 agosto.

"E' possibile in caso di inadempienze – ha aggiunto in una intervista a Radio Radicale – ritirare la concessione e far pagare multe fino a 150 milioni di euro. Autostrade non ha fatto la manutenzione sul ponte Morandi e Toninelli ha avviato le procedure" per il ritiro della concessione. "Può gestire lo Stato. Ad Autostrade paghiamo i pedaggi più alti d'Europa e loro pagano tasse bassissime perché sono posseduti da una finanziaria Benetton in Lussemburgo", sottolinea il ministro.

15 agosto 10:13 Crollo ponte Morandi Genova, diffusi i nomi delle prime vittime: tra loro un bimbo di 7 anni

Mentre continuano le operazioni di soccorso nel luogo del crollo del ponte Morandi di Genova, le autorità hanno diffuso i nomi delle prime vittime tra le 37 finora accertate. Si tratta di Vincenzo Licata, 58 anni, nato ad Agrigento; Andrea Cerulli, 48 anni, di Genova; Gianluca Arpini, 29 anni, di Genova; Alberto Fanfani, 32 anni, nato a Firenze; Elisa Bozzo, 34 anni di Busalla (Genova); Bruno Casagrande, 35 anni, di Genova; il calciatore Marius Djerry, di 22 anni; il campione di moto trial Giorgio Donaggio, 57 anni e i quattro amici di Torre del Greco. C'è poi un'intera famiglia di Campomorone (Genova): Roberto Robiano, 44 anni, Ersilia Piccinino, 41, e il figlio Samuele, di sette anni e mezzo, che si stavano dirigendo con la loro utilitaria in Sardegna per una vacanza al mare.