Tra le vittime del crollo del ponte Morandi di Genova c'è anche una giovane promessa del calcio. Marius Djerri aveva solo 22 anni ed era il più giovane della rosa del Campi Corniglianese di Augusto Pintus. Di origine albanese, era nato in Italia il 21 aprile del 1996. "Ieri purtroppo nel crollo del ponte Morandi un nostro giocatore si è trovato coinvolto nella tragedia. E ci ha lasciati insieme al cugino… Il più giovane della squadra, il più dolce, il più simpatico, il più…. insomma", è stato il ricordo del presidente della squadra, che come tutti i conoscenti di Marius è sotto choc. "Per noi tutti dirigenti e giocatori sarà sempre dentro il nostro cuore – ha continuato -. In ogni partita che giocheremo in qualsiasi campo di calcio. Sicuramente lui le sue partite da ora in avanti le giocherà in Paradiso con gli angioletti".

"Mio nipote stava per andare a lavorare, aveva 22 anni – è il commento rilasciato ai microfoni di Fanpage.it dallo zio della vittima, Edmond Tabaku -. Era nato in Italia, faceva il giardiniere, tifava per il Milan e prendeva quel ponte tutti i giorni. Una struttura così non può crollare così uccidendo tutte queste persone: chi è il responsabile di un disastro del genere? Al Premier Conte chiediamo più sicurezza, vivo qui in Italia da 35 anni e la sicurezza deve essere garantita".