Sono stati trovati senza vita i quattro ragazzi di Torre del Greco dati per dispersi in seguito al crollo del ponte Morandi di Genova. "Le notizie non sono buone", ha annunciato questa mattina, mercoledì 15 agosto, il sindaco del Comune in provincia di Napoli, Giovanni Palomba, che ha gettato nello sconforto tutta la comunità locale. Matteo Bentornati, Giovanni Battiloro, Gerardo Esposito e Antonio Stanzione non ce l'hanno fatta: sono precipitati nel vuoto dopo che la struttura è collassata.

Erano a bordo della loro auto con direzione Francia, dove avrebbero dovuto trascorrere le vacanze facendo la spola tra Nizza e Barcellona. Avevano deciso di prendere l'aereo, poi avevano cambiato idea, trovando però la morte. Uno di loro, Giovanni Battiloro, era particolarmente noto per la sua professione: era un cameraman che era tornato da poco dal ritiro del Napoli Calcio a Dimaro dove aveva lavorato. "Su quel maldetto ponte c'era anche un amico, un ragazzo meraviglioso, collega e professionista con il quale abbiamo condiviso sogni e lavoro si legge sulla pagina Facebook di Videoinfarmazioni -. Un dolore immenso per la famiglia di Videoinformazioni apprendere della scomparsa di Giovanni. Ci stringiamo ai suoi cari, al papà Roberto per l'immane tragedia che lo ha colpito. Che gli angeli lo accolgano in cielo, nel regno dei giusti e delle anime pure".

"Uniamoci in un'unica grande preghiera", ha scritto sulla sua pagina Facebook il primo cittadino torrese. Le famiglie dei giovani avevano lanciato l’allarme ieri, poco dopo il crollo del ponte, ed anche il sindaco aveva riferito: "Attendo da Genova notizie dei nostri compaesani. Sono in continuo contatto con l’Unità di Crisi". Ma purtroppo è arrivato l'epilogo che nessuno avrebbe mai sperato.

"Questa mattina all’alba ci è stato confermato il ritrovamento dell’auto con i corpi dei quattro giovani – ha proseguito il sindaco –. Due ragazzi sono stati riconosciuti grazie ai documenti che avevano con se mentre gli altri due sono stati riconosciuti da parenti che vivono a Ventimiglia e che si sono portati sul luogo della tragedia. In questo momento sto incontrando le loro famiglie qui a Torre del Greco, in compagnia di uno psicologo che possa supportare i familiari in questo momento di grande dolore. Nei prossimi giorni darò le disposizioni per dichiarare il lutto cittadino".