935 CONDIVISIONI
Covid 19
4 Novembre 2020
07:09
AGGIORNATO04 Novembre

Le notizie del 4 novembre sul Coronavirus, Conte: “Ecco come sono suddivise le regioni in base alla zona (gialla, arancione e rossa)”

935 CONDIVISIONI

Le ultime notizie sul Coronavirus in Italia, i dati e le news dal mondo di oggi mercoledì 4 novembre. Nell'ultimo bollettino registrati ulteriori 30.550 contagi e 352 morti covid. Oggi in Lombardia oltre 7mila casi, in Campania oltre 4mila casi, in Piemonte oltre 3mila. Il nuovo Dpcm entrerà in vigore venerdì 6 novembre e durerà fino al 3 dicembre. Come spiegato dal premier Conte, le misure prevedono il coprifuoco dalle 22 alle 5 in tutto il Paese e una suddivisione delle regioni italiane in zone rosse (Lombardia, Piemonte, Calabria Val d'Aosta), arancioni (Puglia e Sicilia) e gialle (tutte le restanti). Per le aree più a rischio è previsto lockdown con chiusura di molte attività e divieto di spostamenti, oltre al ritorno dell'autocertificazione. La pandemia accelera nel mondo, soprattutto in Europa e Nord America. Secondo l'Oms registrati 3,3 milioni di casi in 7 giorni, la metà in Europa. Regno Unito: oltre 25mila nuovi positivi e quasi 500 morti in un giorno.

Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19
04 Novembre
22:45

Roma, sindaca Raggi positiva al Covid

"Sono positiva al Covid-19. Sto bene e al momento non ho alcun sintomo. Continuerò a lavorare da casa. Con la stessa determinazione di sempre". Lo ha dichiarato la sindaca Virginia Raggi nella serata di oggi.

A cura di Biagio Chiariello
04 Novembre
22:18

Salvini attacca Conte: "Ci ha chiusi in casa senza preavviso e senza dare aiuti"

 “Chiudono in casa milioni di italiani, in diretta tivù, senza preavviso, sulla base di dati vecchi di 10 giorni, senza garantire rimborsi adeguati. E intanto lasciano sbarcare più di 2.000 clandestini in poche ore. Conte incapace”. Lo dice il leader della Lega Matteo Salvini.

A cura di Biagio Chiariello
04 Novembre
22:12

Conte: "No al veglione di Natale, ma solo un po' di serenità: rispettiamo regole"

"Non sto pensando a un Natale con veglioni e abbracci, dobbiamo sempre rispettare le regole" ,se ci arriviamo "con un po' di serenità" anche la ripresa dei consumi ne gioverà. Lo ha detto il premier Giuseppe Conte.

A cura di Biagio Chiariello
04 Novembre
22:03

In Puglia tutte le scuole rimangono chiuse, anche le elementari

In Puglia rimane in vigore l'ordinanza regionale del governatore Emiliano con cui già da una settimana circa sono sospese le lezioni in presenza nelle scuole di ogni ordine e grado, a eccezione della scuola per l'infanzia. Lo comunicano il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano e l'epidemiologo l'assessore alla Sanità Pier Luigi Lopalco, precisando che se il governo nazionale riterrà assolutamente necessaria la riapertura della didattica in presenza, potrà richiedere la revoca dell'ordinanza del presidente della Regione Puglia che la valuterà di intesa col Ministro della Salute.

A cura di Annalisa Cangemi
04 Novembre
22:02

Il governatore Fontana: "Da Conte schiaffo in faccia alla Lombardia"

"Comunicare ai lombardi e alla Lombardia, all'ora di cena, che la nostra regione è relegata in fascia rossa senza una motivazione valida e credibile non solo è grave, ma inaccettabile. A rendere ancor più incomprensibile questa decisione del governo sono i dati attraverso i quali viene adottata: informazioni vecchie di dieci giorni che non tengono conto dell'attuale situazione epidemiologica". Lo dice il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, commentando le parole del presidente del Consiglio, Giuseppe Conte. "Le richieste formulate dalla Regione Lombardia, ieri e oggi, dunque – conclude Fontana – non sono state neppure prese in considerazione. Uno schiaffo in faccia alla Lombardia e a tutti i lombardi. Un modo di comportarsi che la mia gente non merita".

A cura di Biagio Chiariello
04 Novembre
21:56

Campania, le scuole restano chiuse nonostante la zona gialla

Le scuole in Campania resteranno chiuse. La Regione è stata inserita nella lista delle aree ‘gialle' che prevedono didattica in presenza tranne che per le secondarie di secondo grado. La Campania, si apprende da fonti della Regione, resterà invece ferma sulla chiusura di ogni grado delle scuole che proseguiranno con didattica a distanza, quindi dopo la pubblicazione del provvedimento del governo in Gazzetta Ufficiale verrà emessa un’ordinanza per confermare la chiusura.

A cura di Biagio Chiariello
04 Novembre
21:40

Il ministro Speranza: "Abbiamo firmato nuova ordinanza con misure restrittive per regioni"

"In queste settimane i contagi sono aumentati in modo imponente. Dobbiamo fare ogni sforzo per rallentarne la corsa. Per questo stasera ho firmato una nuova ordinanza con misure restrittive per le regioni che i nostri tecnici hanno individuato come quelle più a rischio. Il Covid-19 ci ha insegnato che dobbiamo agire in fretta e in modo deciso. Non c’è spazio per incertezze e polemiche. So che queste scelte comportano sacrifici e difficoltà, ma sono l’unica strada per piegare la curva.
Uniti ce la faremo". Queste le parole del ministro della Salute, Roberto Speranza, su Facebook.

A cura di Biagio Chiariello
04 Novembre
21:31

Il governatore Musumeci: "Sicilia in zona arancione? Irragionevole e assurdo"

"La scelta del governo nazionale di relegare la Sicilia a "zona arancione" appare assurda e irragionevole. L'ho detto e ripetuto stasera al ministro della Salute Speranza, che ha voluto adottare la grave decisione senza alcuna preventiva intesa con la Regione e al di fuori di ogni legittima spiegazione scientifica". Lo dice il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci, commentando l'inserimento dell'Isola nella "zona arancione". "Un dato per tutti – prosegue – oggi la Campania ha avuto oltre quattromila nuovi positivi; la Sicilia poco piu' di mille. La Campania ha quasi 55 mila positivi, la Sicilia 18 mila. Vogliamo parlare del Lazio? Ricovera oggi 2.317 positivi a fronte dei 1.100 siciliani, con 217 in terapia intensiva a fronte dei nostri 148. Eppure, Campania e Lazio sono assegnate a ‘zona gialla'. Perche' questa spasmodica voglia di colpire anzitempo centinaia di migliaia di imprese siciliane? Al governo Conte chiediamo di modificare il provvedimento, perche' ingiusto e ingiustificato. Le furbizie non pagano".

A cura di Biagio Chiariello
04 Novembre
21:21

Veneto, il governatore Zaia: "Siamo in zona gialla, la sanità ha tenuto bene"

La classificazione delle Regioni in diverse aree non deve scatenare una guerra tra poveri. Non è il caso di pensare adesso che ci siano primi della classe e sfortunati. Per quanto riguarda il Veneto, la nostra classificazione in area gialla dimostra che ‘fino ad ora, ripeto fino ad ora,' il sistema di gestione e il modello sanitario hanno tenuto". Inizia così il primo commento del Presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, sulle comunicazioni del premier Conte. "Per tutti noi – ammonisce Zaia – non è un punto di arrivo, ma di partenza, perché il rischio che la situazione possa peggiorare è dietro l'angolo", "Per evitare un cambio di area – aggiunge il Governatore – è necessario che ci impegniamo tutti con l'uso ossessivo della mascherina, con il distanziamento evitando ogni possibile forma di assembramento, con l'igienizzazione costante delle mani. Sono sfide semplici da affrontare per ognuno di noi, ma che ci permetteranno di fare un grande lavoro di squadra". "Ora la partita è nelle nostre mani – prosegue Zaia. La sanità ha bisogno di tutti noi, perché non possiamo correre il rischio di mandare in crisi gli ospedali". "La sfida e il futuro della nostra comunità – conclude – sono in mano a ognuno di noi. Forza veneti, pancia a terra e facciamo squadra"

A cura di Biagio Chiariello
04 Novembre
20:59

Il premier Conte: "Nelle zone rosse serve autocertificazione"

"Se c'è un divieto per quanto riguarda gli spostamenti va motivato con l'autocertificazione, quando c'è la raccomandazione non va offerta nessuna autocertificazione ma ci auguriamo che anche le raccomandazioni vengano rispettate". Lo ha detto il premier, Giuseppe Conte, nella conferenza stampa di stasera per spiegare le nuove misure dell'ultimo Dpcm.

A cura di Biagio Chiariello
04 Novembre
20:56

Conte parla del nuovo dpcm: “Con misure uniche nazionali effetto negativo”

Il presidente del Consiglio Conte è intervenuto in conferenza stampa da Palazzo Chigi per spiegare il contenuto del nuovo dpcm anti Covid, che prevede ulteriori misure restrittive per contenere l’emergenza sanitaria. Le nuove norme saranno in vigore da venerdì 6 novembre, compresa la divisione dell’Italia in tre fasce, zona rossa, arancione e gialla: "Il virus sta circolando in tutta Europa, in modo forte anche violento. L’indice Rt è aumentato fino a 1,7, si tratta di una media nazionale in alcune regioni è più alto. E’ vero, sale il numero degli asintomatici, diminuisce il numero” dei pazienti “in terapia intensiva, ma è vero che il numeri complessivi sono in costante aumento e comportano un’alta probabilità che molte regioni superino le soglie critiche delle terapie intensive già nelle prossime settimane” e vadano “in difficoltà. Dobbiamo necessariamente intervenire per rallentare la corsa del virus"

A cura di Biagio Chiariello
04 Novembre
20:42

Nuovo Dpcm, le regioni in zona rossa: c'è anche la Lombardia

La divisone effettuata nel nuovo Dpcm esposto dal presidente Giuseppe Conte.
Regioni area rossa: Calabria, Lombardia,Piemonte e Valle D’Aosta.
Regioni area arancione: Puglia e Sicilia.
Le rimanente sono ovviamente in area gialla.

A cura di Biagio Chiariello
04 Novembre
20:31

Conte: "Ecco come sono suddivise le regioni in base alla zona (gialla, arancione e rossa"

Giuseppe Conte in conferenza stampa spiega le aree rossa, arancione e gialla che entreranno in vigore da venerdì. Sono gialle: Abruzzo, Basilicata, Campania, Friuli, Lazio, Liguria, Marche Molise, Sardegna, Toscana, Umbria, Veneto, Trento, Bolzano, Emilia Romagna; dell’area arancione fanno parte Puglia e Sicilia e in quella rossa, per le quali è previsto lockdown rientrano Lombardia, Piemonte, Calabria, Valle d’Aosta e Calabria.

A cura di Biagio Chiariello
04 Novembre
20:19

Nuovo Dpcm, Andreoni: "Tardivo, potrebbe non bastare"

"Il mio parere è che questo nuovo Dpcm arrivi un po' troppo tardi. Le misure andavano prese quando i casi giornalieri erano a quota 10mila. Temo che ora potrebbero non essere sufficienti a rallentare una epidemia ormai fuori controllo". Così all'Adnkronos Salute Massimo Andreoni, direttore scientifico della Simit (Società italiana di malattie infettive e tropicali) e primario di Infettivologia al Policlinico Tor Vergata di Roma, commenta le nuove misure varate dal Governo.

A cura di Biagio Chiariello
04 Novembre
20:09

Svolta in Piemonte: “Tamponi rapidi per tutti e freno ai ricoveri”

Il Piemonte cambia linea sulla gestione della pandemia. Dopo un lungo vertice, sono state prese tre decisioni: la prima riguarda i tamponi rapidi che sostituiranno quelli molecolari che andranno comunque fatto se il primo esito sarà positivo. Il secondo punto è quello dei ricoveri. Il triage sarà più stringente al fine di evitare che tutti i pazienti vengano portati in pronto soccorso. Infine – come riportato da La Stampa – i cittadini che si presentano direttamente in pronto soccorso, senza passare dal 118, non saranno automaticamente ricoverati.

A cura di Biagio Chiariello
04 Novembre
19:41

Romania, record di casi giornaliero: 8.651 casi e 146 morti nelle 24 ore

Nuovo record giornaliero di contagi in Romania, dove nelle ultime 24 ore i nuovi casi di coronavirus sono stati 8.651, con 146 decessi. I totali sono saliti a 267.088 contagi e 7.419 morti. Con 36.558 test effettuati da ieri, l'indice di positività è risultato del 23,6%. Su 11.867 pazienti in ospedale, le presenze in terapia intensiva sono 1.001. La Romania, che ha effettuato in totale oltre 3,3 milioni di test, è il Paese dei Balcani maggiormente colpito dalla pandemia.

A cura di Biagio Chiariello
04 Novembre
19:12

Nuovo Dpcm, il premier Conte stasera illustrerà le misure in diretta

"Questa sera conferenza stampa in diretta da Palazzo Chigi per illustrare le misure del nuovo DPCM". Questo il messaggio pubblicato sui social dal premier Giuseppe Conte. Sarà possibile seguire lo streaming anche sulla pagina Facebook di Fanpage

A cura di Biagio Chiariello
04 Novembre
19:01

L'entrata in vigore del nuovo dpcm (e del coprifuoco alle 22) slitta a venerdì 6 novembre

"Tutte le nuove misure previste dall’ultimo dpcm – aree gialle, arancioni e rosse – saranno in vigore a partire da venerdì 6 novembre. Lo ha deciso il governo per consentire a tutti di disporre del tempo utile per organizzare le proprie attività". Così si legge in una nota diramata da Palazzo Chigi. Quindi il coprifuoco alle 22 e le altre misure restrittive per contenere l'epidemia da Covid 19 entreranno in vigore non da questa notte, ma dalla prossima.

A cura di Biagio Chiariello
04 Novembre
18:46

Slovenia, oggi 2.027 casi e 29 morti

In Slovenia nelle ultime 24 ore si sono registrati 2.027 nuovi contagi da coronavirus. Con 6.311 test effettuati, l’indice di positività è risultato poco sopra il 32 per cento. Come riferiscono i media regionali, da martedì i decessi sono stati 29. I pazienti in ospedale sono 979, dei quali 158 in terapia intensiva.

A cura di Biagio Chiariello
04 Novembre
18:41

Ministro De Micheli: "Mezzi pesanti potranno circolare nel weekend"

Via libera alla circolazione dei mezzi pesanti nei prossimi fine settimana. Con il decreto firmato oggi dal ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Paola De Micheli, gli autotrasportatori potranno liberamente circolare anche nei prossimi tre fine settimana del mese. In particolare, domenica 8, 15 e 22 novembre i mezzi adibiti al trasporto di cose, di massa complessiva massima autorizzata superiore a 7,5 tonnellate, potranno viaggiare sulle strade extraurbane. Resta ancora valida, e lo sarà fino a nuovo provvedimento governativo, la sospensione del divieto per i servizi di trasporto merci internazionale. "Una disposizione ancora una volta resa necessaria dall'emergenza Coronavirus e dalla necessità di agevolare il sistema dei trasporti e i flussi di traffico" si legge in una nota del ministero.

A cura di Biagio Chiariello
04 Novembre
18:36

Nuovo Dpcm: come funziona con le visite ai congiunti

Con il nuovo dpcm, in vigore dal 5 novembre fino al prossimo 3 dicembre, nelle zone rosse, arancioni e gialle è permesso far visita a congiunti solo per motivi di necessità o salute. Gli spostamenti devono sempre essere motivati, e bisogna esibire l’autocertificazione scaricabile dal sito del Viminale.

A cura di Biagio Chiariello
04 Novembre
18:12

Da domani ItaloTreno si ferma (quasi): sospesi gran parte dei servizi

"La situazione che si sta verificando per il trasporto Alta Velocità è identica a quella realizzatasi durante il lockdown di primavera, quando si registrò un crollo della domanda del 99% con gravi ripercussioni sull'intero settore". Questo il comunicato della compagnia che taglierà così la maggior parte delle proprie corse giornaliere e applicherà la cassa integrazione al proprio personale.

A cura di Biagio Chiariello
04 Novembre
17:35

Lopalco spiega quanto dura "mediamente" un'ondata pandemica

Il Prof. Pier Luigi Lopalco
Il Prof. Pier Luigi Lopalco

"Mediamente un'ondata pandemica dura tra le 7 e le 8 settimane, un paio di mesi, a partire da quando inizia nelle singole regioni. Ad esempio in Puglia diciamo che è partita un paio di settimane fa, quindi abbiamo almeno altre 6 settimane di stress". Lo ha affermato a Rai Radio1, ospite di Un Giorno da Pecora, l'epidemiologo ed assessore alla Sanità per la Regione Puglia Pier Luigi Lopalco.

A cura di Biagio Chiariello
04 Novembre
17:31

Regno Unito: oltre 25mila casi e quasi 500 morti in un giorno

 Sono stati 25.177 i casi di coronavirus registrati nel Regno Unito nelle ultime 24 ore. Per quanto riguarda i morti, ne sono stati segnalati altri 492, per un totale di 47.742 secondo gli ultimi dati del governo. Lo riferisce Sky News.

A cura di Biagio Chiariello
04 Novembre
17:28

Rezza: "Regioni più colpite Lombardia, Piemonte e Campania ma non abbiamo ancora deciso zone rosse"

"Le Regioni più colpite sono la Lombardia, il Piemonte e la Campania che registrano molti positivi. Sono regioni che in termini di tasso di incidenza sono piuttosto alte, più o meno al livello della Lombardia; l'incidenza è elevata anche in Veneto mentre in Lazio vediamo un leggero incremento però sembra essere abbastanza graduale. poi ci sono regioni più piccole come l'Umbria con 500 casi circa, che in termini di incidenza sulla popolazione è piuttosto elevata"" Lo ha detto il direttore Prevenzione del ministero della Salute Gianni Rezza alla conferenza stampa al ministero, rilevando che la cabina di regia ancora non ha deciso come dividere le Zone rosse e arancioni.

A cura di Antonio Palma
04 Novembre
17:24

Virginia Raggi in isolamento fiduciario: contatto con un positivo al coronavirus

Isolamento domiciliare per la sindaca di Roma Virginia Raggi, che ha spiegato di essere entrata in contatto con un positivo. "Voglio informavi che la scorsa settimana sono stata in contatto con una persona risultata oggi positiva al Covid-19. Io non ho alcun sintomo ma, nel rispetto dei protocolli previsti, ho deciso di mettermi in auto-isolamento volontario a casa per i giorni utili a completare i controlli. Voglio tranquillizzarvi: sto bene" ha scritto la sindaca di Roma in un post su Facebook, aggiungendo: "Continuerò a lavorare a distanza con lo stesso spirito e, se possibile, con maggiore passione"

A cura di Antonio Palma
04 Novembre
17:20

L’autocertificazione per gli spostamenti in zone rosse

Torna l’autocertificazione per gli spostamenti in zone rosse come era accaduto durante il lockdown. Con il nuovo dpcm sarà necessario utilizzare l’autocertificazione per giustificare alcuni spostamenti: sicuramente quelli che avverranno durante il coprifuoco (dalle 22 alle 5) in tutta Italia per comprovate esigenze di lavoro e di salute. Ma anche quelli che avverranno nelle zone arancioni e rosse. Qui è possibile scaricare l'autocertificazione.

A cura di Antonio Palma
04 Novembre
17:16

Coronavirus Lombardia: 7.758 contagi e 96 morti in un giorno

Nelle ultime 24 ore in Lombardia sono stati segnalati 7.758 nuovi contagi di Coronavirus e 96 morti. I ricoveri complessivi in ospedale fanno registrare un nuovo aumento (più 278 rispetto a ieri) così come quelli in terapia intensiva (più 32 rispetto a ieri, per un totale di 507): ecco il bollettino con i dati di mercoledì 4 novembre sui contagi Covid in Lombardia.

A cura di Antonio Palma
04 Novembre
17:05

In Italia 30.550 nuovi contagi e 352 morti in 24 ore, i dati del bollettino

Sono 30.550 i nuovi contagi da coronavirus in Italia nelle ultime 24 ore mentre sono 352 i morti covid registrati nell'ultima giornata. Lo ha comunicato il professor Giovanni Rezza nella conferenza stampa della cabina di regia del Ministero della sanità  anticipando il bollettino covid di oggi mercoledì 4 novembre. Le regioneni più colpire sono Lombardia con 7.758, Campania con 4.181 nuovi casi e Piemonte con 3.577 nuovi contagi.

A cura di Antonio Palma
04 Novembre
17:01

In Campania 4.181 contagi e 15 morti in 24 ore

Sono 4.181 i nuovi contagi da coronavirus in Campania su 21.684 tamponi analizzati nelle ultime 24 ore. Sono i dati dell'ultimo bollettino dell'emergenza covid diffuso dell'unità di crisi della regione. Nello stesso arco dei tempo si registrano anche ulteriori 15 decessi covid che portano il bilancio a 739 da inizio pandemia.

A cura di Antonio Palma
04 Novembre
16:54

Nel Lazio 2.432 nuovi contagi e 34 decessi covid nelle ultime 24 ore

Nel Lazio 2.432 nuovi contagi su oltre 26 mila tamponi analizzati e 34 decessi covid nelle ultime 24 ore, lo ha dichiarato l'assessore alla salute Alessio D'Amato aggiornando i dati sulla situazione epidemiologica in regione. Il rapporto tra positivi e i tamponi è al 9% mentre il tasso di contagio RT è in calo a 1.29.

A cura di Antonio Palma
04 Novembre
16:45

Coronavirus Emilia Romagna, 1.758 casi e 12 morti nell'ultima giornata

Sono 1.758 i nuovi casi di coronavirus in Emilia Romagna registrati nell'ultima giornata che portano il totale a 62.914 casi. La percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti è oggi del 9,5%. Dei nuovi contagiati, sono 898 gli asintomatici individuati nell'ambito delle attività di contact tracing e screening regionali. Nelle ultime 24 ore si registrano anche 12 nuovi decessi covid.

A cura di Antonio Palma
04 Novembre
16:40

In Friuli Venezia Giulia 436 nuovi contagi su 5mila tamponi in 24 ore

Oggi in Friuli Venezia Giulia sono stati rilevati 436 nuovi contagi su 5.033 tamponi eseguiti. Lo ha comunicato il vicegovernatore con delega alla Salute, Riccardo Riccardi. Nelle ultime 24 ore registrati anche ulteriori tre decessi covid. Le persone risultate positive al virus in regione dall'inizio della pandemia ammontano in tutto a 12.264. I casi attuali di infezione sono invece  6.062. Salgono a 40 i pazienti in cura in terapia intensiva e a 215 quelli ricoverati in altri reparti.

A cura di Antonio Palma
04 Novembre
16:33

In Campania tamponi Covid nelle tende dell'Esercito

In Campania tamponi Covid nelle tende dell'Esercito allestite appositamente. La prima postazione DTD (Drive Through Difesa) dell'esercito italiano è stata montata ed è in funziona a Napoli, negli spazi esterni dell'Asl Napoli 1. I militari effettueranno tamponi, fino a 400 al giorno, per decongestionare le Asl su tutto il territorio nazionale. In Campania sono previste 19 postazioni.

A cura di Antonio Palma
04 Novembre
16:26

Covid Puglia, 994 nuovi casi e 10 morti in 24 ore

In Puglia registrati 994 nuovi casi di coronavirus su 6.196 test effettuati nelle ultime 24 ore. Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, sulla base delle informazioni del direttore del dipartimento Promozione della Salute Vito Montanaro, informa che oggi sono stati registrati 373 casi in provincia di Bari, 79 in provincia di Brindisi, 123 nella provincia BAT, 229 in provincia di Foggia, 26 in provincia di Lecce, 153 in provincia di Taranto, 11 in residenti fuori regione. Sono 14.233 sono i casi attualmente positivi. Sono stati registrati anche altri 10 decessi covid: 3 in provincia di Bari, 1 in provincia di Brindisi, 1 in provincia di Foggia, 1 in provincia di Lecce, 4 in provincia di Taranto.

A cura di Antonio Palma
04 Novembre
16:14

In Umbria altri 496 positivi nelle ultime 24 ore

In Umbria altri 496 nuovi positivi nelle ultime 24 ore  contro i 420 di ieri. A riportare i dati sul suo sito dedicato è la Regione. Segnalati 211 guariti e altri sei morti per un totale di 154 dall'inizio della pandemia. Gli attualmente positivi passati da 7.572 a 7.841. Sul fronte degli ospedali i ricoverati totali sono passati da 353 a 356, 49 dei quali in terapia intensiva.

A cura di Antonio Palma
04 Novembre
16:03

Oms: 3,3 milioni di casi covid in 7 giorni, la metà in Europa

Sono stati oltre 3,3 milioni i casi di Covid a livello globale in sette giorni, la metà dei quali è stata registrata in Europa. Lo ha certifica l'Oms nel rapporto settimanale sulla pandemia, basato sui dati forniti dai Paesi membri. Nel Vecchio Continente, si è assistito a un aumento del 22% rispetto alla settimana precedente. In evidenza anche un aumento dei nuovi decessi del 46% rispetto ai 7 giorni precedenti.Da inizio pandemia, sale la proporzione di casi confermati tra popolazione più giovane.

A cura di Antonio Palma
04 Novembre
15:52

La Campania zona arancione Covid dopo nuovo dpcm

La Campania è zona arancione Covid dopo il nuovo dpcm di novembre. Lo dirà a breve una circolare del ministero della Salute. Al momento la regione è considerata rischio medio alto ma non al massimo livello. In Campania infatti siamo al 44% dei posti di terapia intensiva occupati da pazienti Covid e il tetto critico era il 30. Il rapporto tamponi-positivi in Campania è al 21,5 per cento secondo i dati dell’Unità di crisi oggi. "Si assumerà il Governo la responsabilità sanitaria e sociale conseguente alle sue scelte, sempre ritardate, e sempre parcellizzate" ha dichiarato il governatore della Campania, Vincenzo De Luca, criticando il novo dpcm del governo in una nota. "La cosa grave è che, nel frattempo, non si decide nulla rispetto alle decine di migliaia di persone che, nei fine settimana, nelle domeniche, si riversano in massa sui lungomari e nei centri storici, senza motivi di lavoro o di salute, e nell'assenza di ogni controllo" ha aggiunto De Luca

A cura di Antonio Palma
04 Novembre
15:44

Lopalco: "Il coprifuoco doveva essere anticipato"

La seconda ondata di contagi da Covid 19 potrebbe "durare un paio di mesi” per questo a Natale le famiglie è bene si riuniscano in non più di "6-7 persone". Sono i consigli di dell’assessore alla Sanità della Regione Puglia, l'epidemiologo Pierluigi Lopalco, intervistato durante la trasmissione ‘Un giorno da pecora' su RadioUno. Commentando il nuovo Dpcm, l’esperto ha ricordato che “nella stragrande maggioranza delle città italiane, dopo le 22 ci sia già ben poco movimento" per questo  il coprifuoco, "per avere un effetto rispetto alla situazione attuale, forse si sarebbe dovuto un po' anticipare”.

A cura di Antonio Palma
04 Novembre
15:33

I Paesi dove la pandemia è sotto controllo e le misure anticontagio hanno funzionato

Ci sono alcune nazioni dove la pandemia da coronavirus è sostanzialmente sotto controllo, si tratta di Cina, Taiwan, Corea del Sud ed Australia dove le misure anti-contagio messe in campo sembra abbiano funzionato. Secondo gli esperti, le principali misure che si sono rivelate molto adatte sono mascherine, tamponi estesi e rapido tracciamento dei contatti, nonché l’integrazione di azioni governative coerenti e razionali.

A cura di Antonio Palma
04 Novembre
15:23

Scoperto tessuto del corpo umano dove il coronavirus non è in grado di replicarsi, lo studio

Scoperto un tessuto del corpo umano dove il coronavirus non è in grado di replicarsi. Lo hanno identificato i ricercatori della Washington University di St. Louis osservando che il virus Sars-Cov-2 non è in grado di infettare la cornea umana. Il tessuto che riveste la superficie anteriore dell’occhio, ha dimostrato di poter resistere all’infezione da coronavirus. La resistenza di questo tessuto è probabilmente regolata da un distinto percorso antivirale la cui completa identificazione richiederà ulteriori studi.

A cura di Antonio Palma
04 Novembre
15:12

In Cina 17 nuovi casi Covid di cui due trasmessi a livello locale

Sono diciassette i nuovi casi confermati di Covid-19 che sono stati registrati ieri nella Cina continentale, di cui due trasmessi a livello locale e 15 importati. Lo ha riferito la Commissione Sanitaria Nazionale cinese spiegando che le due infezioni trasmesse a livello locale sono casi asintomatici segnalati nella Regione autonoma dello Xinjiang Uygur. La Commissione Sanitaria Nazionale nel suo bollettino quotidiano ha comunicato inoltre che non è stato segnalato nessun nuovo decesso correlato alla malattia. Tra i nuovi casi importati, come comunicato ancora dalla commissione, quattro sono stati segnalati a Shanghai, tre ciascuno nel Guangdong e nel Sichuan, due ciascuno nella Mongolia Interna e nel Fujian, e uno nello Shaanxi. Fino a ieri, il numero totale di casi confermati di COVID-19 in Cina continentale aveva raggiunto quota 86.087. Tra questi, 392 pazienti si trovavano ancora in cura, nove in gravi condizioni. La commissione ha affermato che ieri si trovavano ancora sotto osservazione medica 828 casi asintomatici.

A cura di Antonio Palma
04 Novembre
15:05

Il nuovo dpcm enterà in vigore il 5 novembre e resterà valido fino al 3 dicembre

Il dpcm firmato nelle scorse ore dal presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, e dal ministro della Salute, Roberto Speranza, entrerà in vigore a partire da giovedì  5 novembre e resterà valido fino al prossimo 3 dicembre. Potrebbe essere diversa la data di entrata in vigore del provvedimento per le aree arancioni e rosse, quelle dove verranno applicate restrizioni maggiori, che devo attendere provvedimenti ulteriori di attuazione. In particolare si attende un’ordinanza del ministro della Salute che sarà varata nelle prossime ore, dopo aver sentito i presidenti delle Regioni interessate, sulla base dei singoli dati epidemiologici.

A cura di Antonio Palma
04 Novembre
15:02

Nuovo Dpcm: quali Regioni saranno aree gialle, arancioni e rosse

Domani entra in vigore, a livello nazionale, il nuovo Dpcm firmato stanotte dal presidente del Consiglio Giuseppe Conte. Nell’immediato scatteranno misure nazionali, come il coprifuoco notturno, poi le Regioni potranno essere dichiarate zone arancioni o rosse, a seconda del livello di rischio riscontrato. Nelle aree arancioni chiudono bar e ristoranti e non si può uscire dal proprio comune, in quelle rosse ci si avvicina a un vero lockdown.

A cura di Antonio Palma
04 Novembre
14:56

Elezioni Usa, oltre 100 milioni di persone hanno votato in anticipo: affluenza a livelli record

Affluenza altissima alle elezioni presidenziali americane. Oltre 100 milioni di persone hanno votato in anticipo quest'anno, una cifra record che potrebbe superare i livelli record del 1908. Lo riferisce il Us Elections Project, che monitora i voti in anticipo e quelli inviati per posta. Il dato è ancora provvisorio, ma sembra indicare un'affluenza al 65%. In totale gli elettori che hanno votato alle presidenziali 2020 arriverebbero a 150 milioni su un totale di 233,7 aventi diritto. Alle scorse elezioni, nel 2016, votarono in anticipo circa 47 milioni di persone per un'affluenza del 60%, per un totale di circa 138,8 milioni di persone.

A cura di Annalisa Girardi
04 Novembre
14:49

Zaia: "Chiederemo ai veterinari di fare i tamponi rapidi, l’uomo è un mammifero come gli altri animali"

Il Veneto pronto a chiedere collaborazione ai veterinari per fare i test rapidi per il covid. Lo ha annunciato il governatore Zaia. "Ho dato disposizione di convocare i rappresentanti dei 2.450 veterinari in Veneto per fare i tamponi" ha spiegato infatti Zaia  in conferenza stampa, aggiungendo: "L’uomo è un mammifero, tutti i mammiferi hanno sette vertebre cervicali, allattano il neonato, e i veterinari sono esperti di questo. Non è nulla di trascendentale pensare di fare un percorso con i veterinari, se fossero disponibili per fare i tamponi"

A cura di Antonio Palma
04 Novembre
14:24

Vaccino di Oxford, capo della sperimentazione: "Piccola possibilità che sia pronto prima di Natale"

C'è solo una "piccola possibilità" che il vaccino di Oxford conto il coronavirus sia pronto prima di Natale . Lo ha spiegato Andrew Pollard, a capo della sperimentazione del vaccino anti-Covid all'università britannica che sarà prodotto da Astrazeneca. Pur confermando come questa previsione sia fuori dalle sue competenze, Pollard ha chiarito in una audizione alla commissione per la scienza e la tecnologia della Camera dei comuni che i trial in corso nel Regno Unito sono solo alcuni che stanno avendo luogo in questo momento in giro per il mondo, e molti di essi potrebbero restituire risultati utili prima della fine dell'anno

A cura di Antonio Palma
04 Novembre
14:06

Croazia, 2.480 nuovi casi di coronavirus e 26 morti nelle ultime 24 ore

La Croazia ha fatto registrare nelle ultime 24 ore 2.480 nuovi casi di coronavirus, e 26 morti, numeri leggermente più contenuti rispetto ai record negativi degli ultimi giorni. Lo rende noto l'Unità di crisi della Protezione civile. Al massimo sono i casi di pazienti con l'infezione attiva, ad oggi 14.843, come anche quelli dei 1.221 in cura ospedaliera e 118 in terapia intensiva. Dall'inizio dell'epidemia in Croazia si sono registrati 56.567 contagiati su mezzo milione di tamponi effettuati e una popolazione di quattro milioni di persone. Il totale delle vittime ha raggiunto 654.

A cura di Davide Falcioni
04 Novembre
13:30

Inizia anche in Italia test fase 3 del vaccino di Oxford: per candidarsi ci sarà un numero verde

Parte anche in Italia la sperimentazione di fase 3 per il vaccino anti Covid-19 di Oxford-Astrazeneca: il primo via presso l'Azienda ospedaliero-universitaria di Modena, tra i sette centri scelti in Italia, dove le inoculazioni partiranno indicativamente il primo dicembre. Nel mese di novembre saranno arruolati 300 volontari, dai 18 anni in su, che saranno sottoposti a sperimentazione a doppio cieco: a 200 sarà somministrato il vaccino e agli altri 100 il placebo. A breve sarà a disposizione un numero verde per informazioni e raccogliere le candidature. Saranno scelti i primi 300 che ne fanno richiesta e che soddisfano i criteri.

A cura di Davide Falcioni
04 Novembre
13:14

Palù: "Picco tra gennaio e febbraio. La pandemia non durerà più di due anni"

"La premessa è che questo è il primo virus pandemico della famiglia dei coronavirus, quelli del raffreddore infatti sono con noi da millenni e fanno meno danni. Dunque ci sono molte cose che non sappiamo. Ma da virologo posso dire che, seguendo le mutazioni di Sars-CoV-2, in questi mesi è aumentata la contagiosità ma non la sua letalità. E se c'è già chi preconizza una terza, una quarta o una quinta ondata, noi non abbiamo conoscenza di una pandemia che sia durata più di 2 anni". A dirlo all'Adnkronos Salute Giorgio Palù, past president delle Società italiana ed europea di virologia.

Palù ha aggiunto: "Lascio ai politologi le analisi sui provvedimenti, ma ricordo quello che abbiamo appreso dalla Spagnola del 1918, dall'Asiatica del '57, da quella di Hong Kong del '68 e dalla Suina del 2009: nessuna pandemia è durata più di 2 anni. Certo dovevamo attenderci una recrudescenza del virus in autunno e prepararci: succede con tutti i virus respiratori pandemici. Come si dice ‘ha da passà a nuttata': è un virus nuovo, ma a gennaio-febbraio di solito c'è il picco di questi virus respiratori".

A cura di Davide Falcioni
04 Novembre
12:57

In Veneto 2.436 nuovi casi nelle ultime 24 ore: 20 morti e 7 ricoveri in terapia intensiva

Dall'inizio dell'emergenza sanitaria in Veneto ci sono stati 65.531 positivi al coronavirus, con un aumento di 2.436 nelle ultime 24 ore. In isolamento 17.284 cittadini (+1009 in 24 ore), ricoverati 1193 in area non critica (+74), in terapia intensiva 155 persone (+7). Decessi 2.478 (+20 nelle ultime 24 ore). Zaia: "Negli ospedali c'è pressione ma attualmente tutti i pazienti hanno un posto letto".

A cura di Davide Falcioni
04 Novembre
12:39

Basilicata, 265 nuovi positivi nelle ultime 24 ore

Sale a 265 il numero dei nuovi contagi di coronavirus in Basilicata, dove ieri sono stati analizzati 1.643 tamponi. Una quarantina di casi si riferiscono a cittadini residenti fuori regione. Undici le persone guarite. Sale a 104 il numero di ricoverati negli ospedali, di cui quindici nei reparti di terapia intensiva di Potenza e Matera. Lo rende noto la Regione Basilicata.

A cura di Davide Falcioni
04 Novembre
12:33

Il testo ufficiale del Dpcm firmato da Conte

Ecco il testo ufficiale e definitivo del dpcm firmato nella notte dal presidente del Consiglio, Giuseppe Conte: il provvedimento ha introdotto una serie di restrizioni per contenere la diffusione del Coronavirus: le misure entreranno in vigore a partire dal 5 novembre (e saranno efficaci fino al 3 dicembre) e prevedono un coprifuoco nazionale dalle 22 alle 5 e diverse limitazioni per le zone in cui la situazione è più critica, quelle definite arancioni e rosse.

A cura di Davide Falcioni
04 Novembre
12:08

Crisanti: "La riserva di posti in terapia intensiva non è un indicatore valido"

"La percentuale dei letti occupati in rianimazione introduce un effetto distorsivo nel sistema, perché di fatto chi ha più letti permette all'epidemia di correre di più. Supponiamo di avere due regioni con lo stesso numero di abitanti e numero di letti di terapia intensiva diverso: succede che chi ha meno letti in rianimazione di fatto scatta immediatamente con i meccanismi di controllo perché raggiunge la soglia più rapidamente e paradossalmente è più in grado di controllare l'epidemia sul campo di coloro che hanno più letti. Si introduce veramente un effetto paradossale". A dirlo, durante un'audizione al Senato, Andrea Crisanti, docente di microbiologia all'università di Padova e direttore del Laboratorio di microbiologia e virologia dell'Azienda ospedaliera di Padova. "Probabilmente – ha osservato – gli indicatori più validi dovrebbero essere quelli che tengono in considerazione la densità di popolazione e la percentuale di positivi". "Una regione che ha una densità di popolazione bassa, ma una percentuale di positivi alta – ha spiegato – mostra che al suo interno ci sono comportamenti o una struttura particolare che non permette il controllo dell'epidemia. Al lato opposto potrebbe esserci una regione con una densità di popolazione molto alta e con pochi casi. Questo significa che ha un sistema in grado di controllare sul territorio l'epidemia. Usare metriche basate sulla riserva di posti in terapia intensiva non dà una misura esatta di quello che succede sul campo e poi introduce degli elementi distorsivi, perché è impensabile che una regione che si comporta in un certo modo poi non abbia effetti sul resto del Paese", ha concluso.

A cura di Davide Falcioni
04 Novembre
11:49

Perché il Lazio sarà "zona gialla" e che cosa significa

Il Lazio non sarà "area rossa" bensì, con i suoi attuali 52.841 positivi al coronavirus, sarà una delle regioni "gialle" in cui in base ai dati sull’andamento dell’epidemia, saranno inserite restrizioni più lievi. Tra le nuove misure coprifuoco alle 22, didattica a distanza per tutti gli studenti delle scuole superiori e centri commerciali chiusi il weekend.

A cura di Davide Falcioni
04 Novembre
11:38

L'immunologa Antonella Viola: "Se non cambieremo modo di vivere non ce la faremo"

Antonella Viola, immunologa dell'Università di Padova, in un post su Facebook ha commentato il nuovo Dpcm approvato dal governo: "Da domani gran parte del Paese dovrà affrontare nuove restrizioni e pesanti sacrifici. Saranno settimane difficili e dolorose. Il coprifuoco non ha una ragione scientifica, ma serve a ricordarci che dobbiamo fare delle rinunce, che il superfluo va tagliato, che la nostra vita dovrà limitarsi all’essenziale: lavoro, scuola, relazioni affettive strette. Oggi l’unica cosa che mi sento di fare è lanciare un appello ai cittadini: diamo un senso a questi sacrifici!”. E ancora: "Se non cambieremo il nostro modo di vivere, se non faremo tutti la nostra parte, persino queste misure non avranno l’effetto sperato. Non organizziamo serate in casa con amici e parenti! L’unica cosa che funziona contro questo virus è limitare il numero di persone che incontriamo nelle nostre giornate. Dobbiamo restringere il cerchio delle nostre relazioni, personali e professionali. Facciamo tutti la nostra parte: la storia siamo noi!”.

A cura di Davide Falcioni
04 Novembre
11:31

Nuovo Dpcm, ecco quando sono vietati gli spostamenti tra regioni

Tra le norme introdotte con il nuovo dpcm firmato ieri sera dal presidente del Consiglio Giuseppe Conte c'è anche il divieto di spostamento tra alcune Regioni. Le limitazioni riguardano i territori che saranno considerati in area arancione e rossa a causa dell’alto livello di criticità: in queste zone non sarà consentito né entrare né uscire, fatto salvo per alcune eccezioni.

A cura di Davide Falcioni
04 Novembre
11:17

Bolzano, 249 positivi e 2 morti nelle ultime 24 ore

Nelle ultime 24 ore in provincia di Bolzano sono state riscontrate 249 positività al coronavirus (ieri 495) su 1.857 tamponi eseguiti (ieri 2.546), con un tasso di positività del 13,4%.

Pazienti Covid-19 ricoverati nei normali reparti ospedalieri: 242
Pazienti Covid-19 ricoverati nelle strutture private convenzionate: 67
Pazienti Covid-19 in isolamento nella struttura di Colle Isarco: 84
Numero di pazienti Covid ricoverati in reparti di terapia intensiva: 33
Decessi complessivi (incluse le case di riposo): 322 (+2)
Persone in isolamento domiciliare: 7.461 (delle quali 15 di ritorno da Croazia, Grecia, Spagna o Malta)

A cura di Davide Falcioni
04 Novembre
11:04

Mattarella: "Dalle forze armate contributo fondamentale con medici, infermieri e strutture"

Si celebra oggi, in un clima certamente molto diverso dal passato, la Giornata delle Forze Armatela: "In questa importante giornata, in cui onoriamo le Forze Armate, protagoniste, nella Prima guerra mondiale, del compimento del disegno risorgimentale, rivolgo il più commosso pensiero a quanti hanno sacrificato la propria vita per la Patria lungo il tormentato percorso che ha permesso l’edificazione nella Repubblica di uno Stato finalmente unito e libero. I sacrifici compiuti sono stimolo ad adempiere ai nostri doveri di cittadini, a maggior ragione nei momenti difficili come quello attuale, che richiedono responsabilità, determinazione, probità. Insieme supereremo questi giorni difficili così come insieme abbiamo costruito la Repubblica, libera e prospera". "Le Forze Armate – ricorda Mattarella – hanno saputo corrispondere all’emergenza sanitaria senza risparmio di energie, con il proprio personale altamente specializzato, medici, infermieri, mezzi e strutture mediche, nonché con la intensificazione dei contributi alla sicurezza della convivenza civile nell’ambito dell’Operazione Strade sicure per il controllo delle aree più a rischio".

A cura di Davide Falcioni
04 Novembre
10:55

Le librerie resteranno aperte: sono fondamentali come farmacie e supermercati

Le librerie resteranno aperte anche nelle zone rosse al pari di parrucchieri, tabaccai e negozi di generi alimentari. È quanto emerge dall'ultimo Dpcm approvato nella tarda serata di ieri dal governo, al quale editori e libria si erano appellati affinché considerassero i libri beni primari al pari del cibo, dei farmaci e dei valori bollati. I principali firmatari di un appello all'esecutivo sono stati Alessandro e Giuseppe Laterza, Sandro Ferri delle Edizioni e/o, Renata Gorgani di Editrice Il Castoro e Stefano Mauri del Gruppo editoriale Mauri Spagnol, secondo cui chiudere le librerie "è l'ultima cosa di cui il nostro Paese ha bisogno, in un momento di solitudine e frammentazione come quello che stiamo attraversando. Tenere aperto questo spazio di riflessione e di immaginazione è una priorità se vogliamo che tutti partecipino alla creazione di un futuro comune".

A cura di Davide Falcioni
04 Novembre
10:33

Torino, decine di ambulanze in coda verso gli ospedali

Una colonna di decine di ambulanze in coda verso gli ospedali di Torino: è una delle immagini più forti di questa seconda ondata di contagi da coronavirus, una foto che racconta meglio di molte altre la nuova emergenza sanitaria che medici e infermieri stanno fronteggiando. Da domani in Piemonte sarà lockdown.

A cura di Davide Falcioni
04 Novembre
10:30

Nelle Marche 653 nuovi casi nelle ultime 24 ore

La Regione Marche ha comunicato che nelle ultime 24 ore sono stati testati 3653 tamponi: 2267 nel percorso nuove diagnosi e 1386 nel percorso guariti. I positivi sono 653 nel percorso nuove diagnosi (135 nella provincia di Macerata, 220 nella provincia di Ancona, 49 nella provincia di Pesaro-Urbino, 92 nella provincia di Fermo, 130 nella provincia di Ascoli Piceno e 27 da fuori regione). Questi casi comprendono soggetti sintomatici (87 casi rilevati), contatti in setting domestico (141 casi rilevati), contatti stretti di casi positivi (184 casi rilevati), contatti in setting lavorativo (13 casi rilevati), 9 rientri dall'estero (Bangladesh, Albania, Marocco, Moldavia), contatti in ambienti di vita/divertimento (36 casi rilevati), contatti in setting assistenziale (9 casi rilevati), contatti in setting scolastico/formativo (11 casi rilevati), screening percorso sanitario (8 casi rilevati).

A cura di Davide Falcioni
04 Novembre
09:47

Gallera contro il lockdown: "Deciso sulla base di dati vecchi"

Non accenna a placarsi lo scontro tra la Regione Lombardia e il governo. L'assessore al Welfare Giulio Gallera fa sapere che “la decisione del Governo di imporre un nuovo lockdown si è basata su dati vecchi”. Gallera chiede di attendere i risultati delle misure adottate precedentemente dalla sua Giunta.

A cura di Davide Falcioni
04 Novembre
09:28

Crisanti: "Senza tracciamento l'80% della popolazione di Vo' sarebbe stata infettata"

"Se non fossero stati testati tutti e non si fossero isolati i positivi al 30 marzo, l'80% della popolazione avrebbe contratto il virus. Le misure applicate hanno fatto in modo che la capacità di trasmissione del virus venisse ridotta del 98%, e quindi in pratica al 31 marzo a Vo' non c'erano più casi. Quelli che c'erano, erano quelli accumulati dalla data di inizio dell'epidemia dal 4 al 24 febbraio, quindi poche decine di casi". A dirlo il virologo Andrea Crisanti in audizione in Commissione Igiene e Sanità del Senato sul monitoraggio relativo all'evoluzione della situazione epidemiologica.

Contro una eventuale ‘terza ondata' Crisanti durante l'audizione al Senato ha suggerito delle strategie. "Bisogna agire su tre elementi – ha spiegato -. Bisogna avere la capacità di fare tamponi sufficienti, mirati, sappiamo che se siamo positivi negli ultimi 5 giorni abbiamo interagito con parenti, amici, colleghi, tutte queste persone vanno testate. Questo va integrato con strumenti informatici che permettano di monitorare in termini spazio temporali come i casi si distribuiscono nelle regioni, integrati con altri parametri come la mobilità delle persone, informazioni necessarie per prevedere quello che succede dopo, come si diffonde il virus. Questo sistema deve avere la logistica per rendere accessibili i test dove sono necessari, in Italia ci sono differenze enormi sul territorio. Se questo l'ha fatto il Vietnam può farlo anche l'Italia".

A cura di Davide Falcioni
04 Novembre
09:15

L'epidemiologo La Vecchia: "Occorre concentrarsi sui dati settimanali"

"Mi sento di dare un messaggio: non dobbiamo concentrarci sui dati giornalieri, ma dare un occhio a quelli settimanali". A dirlo in un'intervista al Corriere della Sera l'epidemiologo Carlo La Vecchia dell'Università di Milano. Perché i dati, a suo avviso, "ci dicono come la media dei casi (intesi come positivi al tampone) si aggiri, nell'ultima settimana, attorno ai 32 mila, i ricoveri in terapia intensiva attorno ai 120-130 al giorno e le morti all'incirca 230". Questo perché la registrazione dei dati "avviene in ritardo, soprattutto nei fine settimana, ma è indubbio che i numeri sono in crescita. Occorre, però, interpretarli".

A cura di Davide Falcioni
04 Novembre
09:07

Brusaferro: "Picco significativo nelle ultime settimane"

"La circolazione del virus è particolarmente attiva, sostanzialmente in tutti i Paesi europei. In Italia la nostra curva ha avuto un picco significativo nelle ultime settimane". A dichiararlo Silvio Brusaferro, presidente dell'Istituto superiore di sanità, in audizione davanti alla commissione Affari sociali della Camera. Il numero 1 dell'ISS ha aggiunto: "A differenza della prima ondata, il virus circola in tutti i contesti, in tutte le Regioni e questo è un elemento importante da censire".

A cura di Davide Falcioni
04 Novembre
08:22

L'epidemiologo Vespignani: "Ecco i limiti nel calcolo degli RT in Italia"

"Dall'inizio dell'epidemia abbiamo a che fare con dati che lasciano a desiderare" ha dichiarato, in un'intervista a la Repubblica, il professor Alessandro Vespignani, docente alla Northeastern University dove si occupa di modelli informatici di diffusione delle epidemie. "Ma ci rendiamo conto che raccoglierli è un lavoro complesso – precisa subito dopo – e la situazione è dura per tutti. Sappiamo che questi parametri riflettono una situazione che risale ad almeno una settimana prima. Possiamo cercare di ridurre questo ritardo, ma non eliminarlo". Anche perché "con i loro limiti, l'indice Rt, il rapporto fra positivi e tamponi e il tasso di occupazione degli ospedali sono i parametri che tutto il mondo usa", annota lo scienziato. E aggiunge: "L'indice Rt in Italia viene calcolato bene. Poi certo, riflette il ritardo fra contagio e notifica dei casi e non sempre raggiunge la granularità territoriale che sarebbe necessaria. Perché le grandi città sono una cosa, le aree rurali un'altra". Tanto più che "il problema di Rt è che ha margini di errore molto grandi" e "se i risultati dei tamponi arrivano in ritardo, diventa un indicatore poco tempestivo" dichiara Vespignani.

A cura di Davide Falcioni
04 Novembre
08:11

La Lombardia sarà zona rossa: regione in lockdown dal 5 novembre

La Lombardia torna in lockdown. La regione più colpita dalla pandemia sarà inserita nella "zona rossa", quella con le restrizioni più rigorose: non si potrà uscire di casa se non per comprovate esigenze, chiuderanno bar, ristoranti e negozi. Ecco cosa cambia dal 5 novembre al 3 dicembre.

A cura di Davide Falcioni
04 Novembre
07:30

Nuovo Dpcm, parrucchieri e barbieri aperti anche nelle zone rosse

Parrucchieri e barbieri potranno continuare a restare aperti anche nelle "aree rosse", cioè le regioni o parte di esse in cui la situazione epidemiologica è più critica e che di conseguenza andranno in lockdown. Si tratta di una delle modifiche apportate in extremis nella versione definitiva del Decreto della presidenza del Consiglio dei ministri firmata in serata dal premier Giuseppe Conte rispetto alla bozza circolata nella serata di martedì 3 novembre.

A cura di Davide Falcioni
04 Novembre
07:17

Le ultime notizie sul Coronavirus Covid-19 di oggi, 4 novembre

Sono 28.244 i nuovi contagi da Coronavirus registrati nelle ultime 24 ore secondo l'ultimo bollettino della Protezione Civile, per un totale dall'inizio dell'emergenza sanitaria di 759.829 casi. I guariti sono 302.275 (+6.258), i decessi 39.412 (+ 353). I casi attualmente positivi sono 418.142 (+21.630). Di questi, 21.114 sono i pazienti ricoverati in ospedale con sintomi, 2.225 quelli in terapia intensiva. In totale i tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore sono stati 182.287. La Regione con più casi positivi su base giornaliera è la Lombardia con 6.804 positivi, seguita da Piemonte, Campania.

Questa è la situazione regione per regione:

Lombardia: 216.433 (+6.804)

Piemonte: 77.832 (+3.169)

Campania: 65.432 (+2.971)

Veneto: 63.095  (+2.298)

Emilia-Romagna: 61.158 (+1.912)

Lazio: 52.841 (+2.209)

Toscana: 50.987 (+2.336)

Liguria: 30.995 (+1.052)

Sicilia: 24.925  (+1.048)

Puglia: 21.091 (+1.163)

Marche: 15.608 (+431)

Abruzzo: 12.120 (+601)

Friuli Venezia Giulia: 11.828 (+366)

Umbria: 11.560 (+420)

Sardegna: 10.456 (+302)

P.A. Bolzano: 9.848 (+495)

P.A. Trento: 9.647 (+112)

Calabria: 5.830  (+266)

Valle d'Aosta: 3.591 (+94)

Basilicata: 2.562 (+102)

Molise: 1.990 (+93)

Nel corso della notte il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha firmato il nuovo Dpcm che sarà in vigore da domani, 5 novembre, al 3 dicembre: l'Italia verrà divisa in tre aree: zone rosse (ad alto rischio), arancioni (rischio medio) e gialle (più sicure) con regole e divieti differenti. Nelle prossime ore si saprà con certezza in quale categoria sarà collocata ogni regione, in base all'indice Rt e ad altri 21 criteri.

A cura di Davide Falcioni
935 CONDIVISIONI
29802 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni