02 Gennaio 22:31 Dal 7 gennaio l’Abruzzo sarà regione gialla

"Dal 7 gennaio, l'Abruzzo sarà una regione gialla". A dirlo il presidente Marsilio, aggiungendo che "alcune prestigiose testate giornalistiche e televisive hanno diffuso la notizia, anche nei telegiornali, secondo la quale il 7 gennaio l’Abruzzo sarebbe in zona arancione". "Notizia priva di fondamento: ricordiamo che l’ordinanza che poneva l’Abruzzo in zona arancione è scaduta lo scorso 27 dicembre e non è stata reiterata, come confermato dai colloqui tra il presidente Marsilio e il ministro Speranza, l’ultimo dei quali avvenuto poco fa. Non c’è ragione di dover valutare altro prima del 7 gennaio quando l’Abruzzo sarà una regione in zona gialla, anche alla luce dei risultati dell’ultimo report del 31 dicembre, che certifica l’Rt migliore d’Italia e un rischio basso".

02 Gennaio 22:03 Arcuri: “63mila persone vaccinate in Italia, siamo secondo in Europa dopo la Germania”

L'Italia è seconda in Europa, dopo la Germania, per numero di vaccinati. A farlo sapere sono stati gli uffici del Commissario per l'emergenza, Domenico Arcuri, da cui si specifica che secondo gli ultimi dati raccolti dalle varie regioni, le vaccinazioni in Italia hanno raggiunto quota 63.263.

02 Gennaio 20:37 Francia 3.466 nuovi casi e 157 morti nelle ultime 24 ore

In Francia sabato 2 gennaio sono stati registrati 3.466 nuovi casi di contagio da coronavirus, un dato che porta il totale delle persone positive dall'inizio dell'epidemia a quota 2.643.239. Le morti sono state 157, per un totale di 64.921.

02 Gennaio 20:28 In Italia somministrate 52mila dosi di vaccino anti-covid: la maggior parte nel Lazio

Secondo il sito del governo dedicato al monitoraggio della campagna di vaccinazione anti-covid alle 19 e 44 di questa sera, sabato 2 gennaio, sono state vaccinate 52.037 persone, oltre 11.500 delle quali nel Lazio. Più di 46mila dosi sono state iniettate a operatori sanitari e sociosanitari.

02 Gennaio 19:51 Russia, vaccino Sputnik V somministrato a 800mila persone

Ottocentomila persone sono state vaccinate contro il coronavirus in Russia tramite il siero Sputnik V sviluppato dall'istituto Gamaleya di Mosca. A renderlo notp il ministro della Salute, Mikhail Murashko. Il vaccino Sputnik V va somministrato in due dosi a distanza di 21 giorni. Mosca ha distribuito il farmaco anche in altre nazioni, con l'Argentina che ha ricevuto 300 mila dosi la scorsa settimana.

02 Gennaio 19:48 Cosa accadrebbe se mixassimo due vaccini diversi

Le scorte di vaccino anti COVID scarseggiano e, come se non bastasse, si sta diffondendo l'ormai famigerata “variante inglese” del coronavirus SARS-CoV-2. Due circostanze che complicano non poco la lotta alla pandemia e che avrebbero spinto l’NHS britannico a prevedere il cosiddetto “Mix-and-Match” per le preparazioni, ovvero la possibilità di combinare due vaccini diversi nel caso non fosse disponibile una seconda dose del medesimo produttore. Diversi esperti hanno puntato il dito contro questa ipotesi, paragonata a un vero e proprio Far West della vaccinazione. Ecco perché.

02 Gennaio 19:14 Sicilia, l’assessore alla salute: “Non possiamo escludere la terza ondata”

"Dobbiamo stare attenti, l'avere avviato la campagna di vaccinazioni non esclude una terza ondata. Non vorrei che ci dimenticassimo di rispettare regole e divieti. Mi sento di dire che siamo pronti. Abbiamo imparato tante cose e ci sono 40 cantieri aperti per il piano di rafforzamento delle terapie intensive". A dirlo, in un'intervista rilasciata a ‘la Repubblica – Palermo' l'assessore regionale alla salute Ruggero Razza. "Sulle terapie intensive, fino a ottobre il piano di rafforzamento era affidato al commissario nazionale Arcuri e non alle Regioni. Dal 7 ottobre – sottolinea Razza – quando ci è stata affidata la gestione, fino al 31 dicembre abbiamo aperto i cantieri in quasi tutte le province. A regime avremo 720 posti di terapia intensiva: quando ci siamo insediati ne abbiamo trovati 360. Entro la metà dell'anno tutti i lavori saranno completati", assicura l'assessore.

02 Gennaio 18:36 A Barcellona mille persone partecipano a un rave party: interviene la polizia

Evidentemente non a tutti è chiara la gravità della situazione non solo in Italia, ma anche in Spagna. A Barcellona, infatti, la polizia ha interrotto una maxifesta  in un magazzino in periferia. Per quasi due giorni almeno mille persone hanno partecipato ad un rave senza rispettare alcuna misura per evitare contagi da Covid-19. La polizia è intervenuta oggi ma esplode la polemica: le prime segnalazioni dei cittadini risalgono alla sera del 31 dicembre.

02 Gennaio 18:31 UE: “La carenza di vaccini dipende dalla produzione, non dagli ordini”

"Tutti ora guardano al ritmo delle vaccinazioni" ma "il collo di bottiglia al momento non è il volume degli ordini ma la carenza mondiale di capacità produttiva. Questo vale anche per BioNTech". A dirlo la commissaria Ue alla salute, Stella Kyriakides, rispondendo ad una domanda della Dpa sulla quantità degli ordini da BioNTech. "La situazione migliorerà: abbiamo negoziato dosi aggiuntive da BioNTech e siamo pronti – ha aggiunto – ad espandere ancora la capacità. Altre aziende, con cui abbiamo contratti, attendono l'ok. Se arriverà per tutti, l'Europa conterà su 2 mld di dosi, per vaccinare tutti i 450 milioni di europei e i suoi vicini".

02 Gennaio 17:55 Coronavirus Lombardia: 1.402 nuovi casi su 11.758 tamponi

Il bollettino della Lombardia: sono 1.402 i nuovi casi di Coronavirus e 78 i morti, per un totale di 25.281 decessi ufficiali. Sono 596 i nuovi casi di positivi al Covid-19 in provincia di Milano: la seconda provincia più colpita è quella di Brescia, con 226 casi. Calano i ricoveri in ospedale, ma aumentano le persone ricoverate in terapia intensiva: 491 in totale.

02 Gennaio 17:47 Boom di contagi nel Regno Unito: quasi 58.000 e 445 morti

Continuano a crescere i contagi in Gran Bretagna: l'ultimo bollettino registra 57.725 nuovi casi e 445 decessi. Il Guardian scrive che si tratta del quinto giorno consecutivo in cui i contagi giornalieri sono sopra la soglia dei 50mila. Aumentano anche i ricoveri di minori per il coronavirus a Londra. A lanciare l'allarme è la capo infermiera del King's College Hospital, Laura Duffel. "Nella prima ondata i minori erano colpiti in maniera minima, ora abbiamo ne abbiamo un intero reparto", ha detto alla Bbc, aggiungendo che altri colleghi le hanno riferito di situazioni simili in altri ospedali.

02 Gennaio 17:36 Tasso contagio sale al 17,6%, in aumento i pazienti ricoverati

Si abbassa di molto il numero di tamponi effettuati nelle ultime 24 ore: sono stati 67.174. Il tasso di contagio, ossia il rapporto positivi-tamponi, schizza al 17,6% (ieri era al 14,1, il 29 dicembre era ancora a 8,70%). Salgono i ricoveri dei malati Covid nei reparti ordinari: +126, +16 anche nelle terapie intensive.

02 Gennaio 17:27 Polemica in Francia, dal 27 dicembre solo 332 vaccinati

Polemica in Francia sul basso numero di vaccini contro il Covid-19 somministrati alla popolazione a una settimana di distanza dal V-day europeo. Sono 332 in tutto i cittadini transalpini vaccinati, pochissimi anche secondo il medico Patrick Pelloux, che ha twittato: “Stiamo facendo la figura dei fessi rispetto agli altri Paesi”.

02 Gennaio 17:10 Presidente della Lega Serie A Dal Pino: “Far andare allo stadio i cittadini vaccinati”

"Penso che si debba far andare allo stadio i cittadini vaccinati". Lo dice il presidente della Lega Serie A Paolo Dal Pino nel corso di un'intervista a ‘Sabato Sport' su Rai Radio 1. Sul tema della vaccinazione degli atleti, invece "dipenderà dalle decisioni del Governo e non entro nel merito della discussione". "La riapertura degli stadi dipende dal Governo. Io lamento ancora il fatto che la Serie A abbia presentato già alcuni mesi fa al Governo un lavoro di 300 pagine per poter portare allo stadio in totale sicurezza il pubblico – ricorda Dal Pino – circa il 20-30 per cento della capienza degli impianti, e non abbia mai avuto neanche una chiamata, un'interlocuzione diretta dal Governo". "Credo che nessun settore abbia fatto un lavoro così dettagliato a livello di sicurezza per garantire a tutti che gli eventi possano avvenire senza rischi, ma non abbiamo mai ricevuto neanche un commento su questo, come su altre cose – conclude -. Non possiamo fare altro che adeguarci e aspettare il momento giusto nel rispetto delle normative sanitarie a protezione del nostro pubblico e dei cittadini".

02 Gennaio 17:03 Bollettino Covid: oggi 11.831 casi e 364 morti

Sono 11.831 i casi di Coronavirus in Italia registrati nelle ultime 24 ore. È quanto emerge dal bollettino di oggi diffuso dal Ministero della Salute.I decessi nell’ultima giornata sono stati 364.

02 Gennaio 16:50 Covid Campania, 392 contagi su circa 3.200 tamponi

Sono 392 i contagi di Coronavirus registrati nelle ultime 24 ore in Campania secondo il bollettino aggiornato. Effettuati però solo 3.209 tamponi. Si contano anche 29 decessi: 6 i deceduti nelle ultime 48 ore e 23 in precedenza ma registrati ieri.

02 Gennaio 16:44 Esperti rassicurano: allergici a cibi, lattice e farmaci orali possono fare il vaccino

Un team di allergologi americani guidati da esperti della Divisione di Reumatologia, Allergia e Immunologia del Massachusetts General Hospital ha sottolineato che i pazienti con gravi allergie a cibi, farmaci orali, lattice e veleni possono ricevere i vaccini anti COVID di Pfizer e Moderna. Le preparazioni non sono raccomandate per chi è allergico agli eccipienti contenuti nei flaconcini.

02 Gennaio 16:33 Coronavirus Lazio, 1.275 contagi in 24 ore

Sono 1.275 i nuovi contagi registrati nel Lazio secondo l'ultimo bollettino, su circa 10mila tamponi analizzati. Si contano anche 24 morti per Covid. I guariti sono 1.164. Aumentano anche i ricoverati (+40) e le terapie intensive (+10). Il tasso di positività è del 13%.

02 Gennaio 16:19 Galli: “Lontani da situazione tranquilla, il virus si muove con la gente”

I dati della risalita dei contagi di questi giorni non devono ancora allarmarci "perché risentono delle feste e sono meno attendibili rispetto ai giorni precedenti. Ma la situazione non è tranquilla". Lo dice il direttore delle Malattie infettive dell'ospedale Sacco di Milano, Massimo Galli, che però mette tutti in guardia: "C'è qualche elemento di preoccupazione: siamo ancora abbastanza lontani da quella che può definirsi una situazione tranquilla". Colpa dello shopping natalizio? "Che lo si chiami in questo modo o in un altro una cosa è assodata: il movimento delle persone si associa a un aumento del rischio. In altre parole, se la gente si muove, il virus si muove con loro". Galli ha anche detto di dubitare che per l'estate saremo liberi da restrizioni. Per l'infettivologo, "nei vari Paesi europei c'è stata una ripresa dell'epidemia, pensiamo ad esempio all'Inghilterra, e questo potrebbe accadere anche da noi. Soprattutto se consideriamo che il nostro trend non è rassicurante". Dal 7 gennaio l’Italia tornerà divisa per aree cromatiche. "A me i tre colori non hanno mai convinto – aggiunge il direttore delle Malattie infettive del Sacco – anche per il loro essere oggetto di trattativa al ribasso, non è quello di cui abbiamo bisogno". Un’azione fondamentale sarà invece mettere in atto "una campagna vaccinale estesa e massiccia, che un'epidemia in fase acuta potrebbe ostacolare".

02 Gennaio 16:10 Impianti sci riaprono il 18 gennaio: Speranza firma l’ordinanza

Il ministro della Salute Roberto Speranza ha firmato l'ordinanza con cui si differisce lariapertura degli impianti sciistici al 18 gennaio. Le regioni e le province autonome avevano chiesto attraverso lettera del presidente della conferenza, Stefano Bonaccini, un rinvio della riapertura in vista di un allineamento delle linee guida al parere espresso dal Cts.

02 Gennaio 16:03 In Emilia Romagna 2.035 nuovi contagi, tasso di positività del 38,5%

Ancora alto il numero dei nuovi contagi di coronavirus in Emilia-Romagna: sono 2.035 nelle ultime 24 ore, sulla base di quasi 5.300 tamponi, con un tasso di positività del 38,5%. Un dato che va letto tenendo conto che nei giorni festivi si fanno molti meno tamponi rispetto agli altri giorni e i test sono relativi per lo più a casi di persone con sintomi per le quali l'esito positivo è spesso atteso. La Regione precisa quindi che non si può prendere il dato come "relativo a una tendenza generale: si tratta di un campione ristretto, molto specifico e legato soprattutto a casi nei quali fare il tampone è strettamente indispensabile". Nelle ultime 24 ore sono morte 38 persone in regione, tra cui un uomo di 54 anni a Ravenna. I pazienti ricoverati in terapia intensiva sono 229 (due in meno rispetto a ieri) e 2.649 quelli negli altri reparti Covid (sei in più). L'età media dei nuovi positivi di oggi è 46 anni. La situazione dei contagi nelle province vede Bologna con 519 nuovi casi, poi Modena (331), Reggio Emilia (276), Ravenna (228), Ferrara (147), Parma (93), Piacenza (85), Rimini (59). Quindi i territori di Cesena (127), Imola (97), Forlì (73). Le persone guarite sono 272 in più rispetto a ieri e raggiungono quota 109.818. I casi attivi, cioè i malati effettivi, a oggi sono 58.506 (+1.725 rispetto a ieri).

02 Gennaio 15:52 In Puglia 344 nuovi contagi e 10 morti

Il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, sulla base delle informazioni del direttore del dipartimento Promozione della Salute Vito Montanaro, informa che oggi in Puglia sono stati registrati 2021 test per l'infezione da Covid-19 e riscontrati 344 casi positivi: 114 in provincia di Bari, 44 in provincia di Brindisi, 14 nella provincia BAT, 139 in provincia di Foggia, 10 in provincia di Lecce, 21 in provincia di Taranto, 3 residenti fuori regione. Un caso di provincia di residenza non nota è stato riclassificato e attribuito. Sono stati registrati poi altri 10 decessi: 3 in provincia di Bari, 1 in provincia di Brindisi, 5 in provincia di Foggia, 1 in provincia di Taranto. Dall'inizio dell'emergenza sono stati effettuati 1.053.380 test. 36.400 sono i pazienti guariti, 53.812 i casi attualmente positivi. Il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 92.703, così suddivisi: 35.805 nella Provincia di Bari; 10.607 nella Provincia di Bat; 6.700 nella Provincia di Brindisi; 20.480 nella Provincia di Foggia; 7.180 nella Provincia di Lecce; 11.308 nella Provincia di Taranto; 524 attribuiti a residenti fuori regione; 99 provincia di residenza non nota. I Dipartimenti di prevenzione delle Asl hanno attivato tutte le procedure per l'acquisizione delle notizie anamnestiche ed epidemiologiche, finalizzate a rintracciare i contatti stretti.

02 Gennaio 15:35 In Abruzzo 23 nuovi positivi al Coronavirus e 11 morti

Oggi si registrano in Abruzzo 23 nuovi positivi su 217 tamponi, 11 deceduti (di cui 1 risalente ai giorni scorsi e comunicato solo oggi dalla Asl), 23266 guariti (+134), 11251 attualmente positivi (-122), 443 ricoverati in area medica (+8), 37 ricoverati in terapia intensiva (-1), 10771 in isolamento domiciliare (-129). Lo comunica la regione Abruzzo.

02 Gennaio 15:22 Variante inglese Covid non è più mortale: lo conferma uno studio

La variante inglese del coronavirus non è più letale di quelle già circolanti e non provoca un tasso maggiore di casi gravi di COVID-19. Grazie a uno studio ad hoc, è stata confermata la spiccata contagiosità del nuovo ceppo, che si riflette in un indice Rt tra lo 0,4 e lo 0,7 superiore rispetto alla variante selvatica. Nonostante questa caratteristica, legata alle 17 mutazioni rilevate attraverso il sequenziamento genomico, è stato fortunatamente confermato che B.1.1.7 non è più letale.

02 Gennaio 15:09 Morto per Covid il padre di Peter Gomez

È morto a causa del Covid il padre di Peter Gomez, direttore de ilfattoquotidiano.it. "Oggi è morto mio padre, Filippo Gomez Homen, manager pubblicitario e pittore. Lascia in me e in mia sorella Francesca un vuoto incolmabile. In due giorni il Covid se lo è portato via. Ciao papà saluta la mamma!", l'annuncio di Peter Gomez sui social.

02 Gennaio 14:59 In Italia vaccinate finora 46.000 persone 

Sono 46.030 le persone che hanno ricevuto la prima dose del vaccino contro il coronavirus in Italia, secondo l'ultimo dato disponibile sul portale del commissario straordinario per l'emergenza, aggiornato alle 13.30. La percentuale più alta di dosi disponibili somministrate si registra nella Provincia autonoma di Trento (34,8%). Seguono il Lazio (20,8% con 9.526 su 45.805), la Provincia autonoma di Bolzano (17,3%) e il Friuli-Venezia Giulia (16,3%). Sono sotto il 2% Abruzzo, Molise e Sardegna. La fascia di età più vaccinata è quella tra 50 e i 59 anni (13.194), seguita da 40-49 (10.579) e da 30-39 (8.033). La fase 1 della vaccinazione, che ha preso ufficialmente il via tra il 30 e il 31 dicembre a seconda delle regioni, interessa operatori sanitari e sociosanitari (al momento sono 40.499 i vaccinati), personale non sanitario (2.193) e gli ospiti delle Rsa (3.338).

02 Gennaio 14:46 In Toscana 498 nuovi casi Covid e 20 decessi 

In Toscana sono 121.415 i casi di positività al Coronavirus, 498 in più rispetto a ieri. I nuovi casi sono lo 0,4% in più rispetto al totale del giorno precedente. I guariti crescono dello 0,3% e raggiungono quota 107.674 (88,7% dei casi totali). I tamponi eseguiti hanno raggiunto quota 1.898.439, 5.083 in più rispetto a ieri, di cui il 9,8% positivo. Sono invece 1.963 i soggetti testati oggi (escludendo i tamponi di controllo), di cui il 25,4% è risultato positivo. A questi si aggiungono 568 tamponi antigenici rapidi. Gli attualmente positivi sono oggi 10.021, +1,9% rispetto a ieri. I ricoverati sono 964 (11 in più rispetto a ieri), di cui 139 in terapia intensiva (4 in meno). Oggi si registrano 20 nuovi decessi.

02 Gennaio 14:32 Francia, ancora troppi contagi: da oggi il coprifuoco inizia alle 18:00 in 15 dipartimenti

Il primo weekend del 2021 inizia con una nuova restrizione per sei milioni di francesi nella lotta all'epidemia di coronavirus. Per rallentare l'aumento dei casi di contagio il coprifuoco è stato anticipato alle 18:00 in 15 dipartimenti. Nonostante le restrizioni la situazione non è migliorata nel Paese e i contagi delle ultime 24 ore sono stati 20mila.

02 Gennaio 14:12 Magrini (Aifa): “Astrazeneca? Ha incontrato alcune difficoltà, serve cautela”

Il direttore dell'Agenzia italiana del farmaco Nicola Magrini spiega a Repubblica perché l'Ema non ha ancora dato l'ok al vaccino AstraZeneca. "AstraZeneca ha incontrato alcune difficoltà, imputabili solo a lei, che l'hanno rallentata", spiega Magrini. "L'Ema ha ricevuto i suoi dati, ma avrà bisogno di almeno tre settimane per valutarli. Serve cautela perché i risultati sono in parte incoerenti, e nei risultati pubblicati sulla rivista Lancet compaiono anche due eventi avversi di mielite, un disturbo neurologico. Dobbiamo vederci chiaro e valutare bene rischi e benefici, poterebbe aprirsi un dilemma etico non indifferente". Per il resto, "il 6 gennaio aspettiamo Moderna, i cui test hanno portato dati ottimi, che darà 160 milioni di dosi". "A fine mese – continua Magrini – avremo ospedali senza Covid, a fine febbraio Rsa senza Covid". Sugli altri farmaci ha spiegato: "Le disponibilità maggiori erano attese da tre ditte. Sanofi ha posposto i risultati e arriverà dopo l'estate. Johnson & Johnson è attesa per fine marzo. L'altra è AstraZeneca, che sembrava in anticipo ma poi…". "L'Aifa –  ha continuato Magrini – dovrà stabilire a chi destinare ciascun prodotto, e non sarà facile di fronte a valori di efficacia potenzialmente diversi. I cittadini non potranno scegliere quale vaccino fare, decideremo noi". "A gennaio entreremo a regime, ricevendo mezzo milione di dosi a settimana. Finora l'organizzazione va bene, il piano funziona".

02 Gennaio 14:02 Variante Covid, presto tutti gli ospedali inglesi saranno sotto pressione

Gli ospedali nel Regno Unito devono prepararsi ad affrontare una pressione simile a quella che già stanno sperimentando i nosocomi di Londra e del sud-est dell'Inghilterra. Lo ha dichiarato il presidente del Royal College of Physicians Andrew Goddard. A Londra il tasso settimanale di infezioni è pari a 858 casi ogni 100mila abitanti, il doppio del resto della Gran Bretagna. La nuova variante del coronavirus si sta diffondendo in tutto il Paese e i medici che stanno affrontando la nuova ondata sono "molto preoccupati". La metà degli ospedali in Inghilterra sono pieni oltre i livelli del picco di aprile, si tratta "del Natale più impegnativo di sempre" secondo il Servizio sanitario nazionale.

02 Gennaio 13:49 Si vaccina il professore Andrea Crisanti: “È momento di svolta”

Andrea Crisanti si è sottoposto in diretta alla vaccinazione contro il Coronavirus. "Non sono mai stato contrario – ha detto – ma avevo detto che aspettavo il conforto di avere informazioni scientifiche. C'è stato qualche problema di trasparenza ma è stato risolto con la condivisione dei dati, quindi è il momento di testimoniare con la consapevolezza che e' un momento di svolta. I vaccini sono sicuri, e ci sono e saranno diversi tipi di vaccinazione".

02 Gennaio 13:16 AstraZeneca, 2 milioni di dosi a settimana da metà gennaio

Due milioni di dosi del vaccino Oxford-AstraZeneca saranno pronte ogni settimana a partire da metà gennaio: lo scrive il Times, che cita un "membro chiave" del team di AstraZeneca. Secondo la fonte un milione di dosi saranno pronte già la settimana prossima: "Poi il piano prevede un incremento (della produzione, ndr) abbastanza rapido. Entro la terza settimana di gennaio dovremmo arrivare a due milioni alla settimana", ha aggiunto.

02 Gennaio 13:10 Nelle Marche 285 nuovi positivi in 24 ore

Nelle Marche sono stati individuati 285 nuovi casi di Covid-19, il 41% rispetto ai 695 tamponi processati all'interno del percorso per le nuove diagnosi; il giorno precedente, i positivi erano stati 693 il 35,% rispetto ai 1.946 test effettuati. Il totale dei positivi dall'inizio della crisi è salito così a 42.602. I nuovi positivi sono stati individuati 48 in provincia di Macerata, 125 in provincia di Ancona, 88 in quella di Pesaro-Urbino, 3 nel Fermano, 9 nel Piceno e 12 fuori regione. Questi casi comprendono 32 soggetti sintomatici, 67 contatti rilevati in ambiente domestico, 88 contatti stretti con positivi, 7 contatti rilevati in ambienti di lavoro, 9 in ambienti di socialità, 3 rilevati in ambiente assistenziale, 8 con il coinvolgimento di studenti e 3 rilevati attraverso lo screening nel percorso sanitario

02 Gennaio 12:23 La variante Covid è “molto più contagiosa del virus originario”

Un nuovo studio dell’Imperial College di Londra ha calcolato che la trasmissione della nuova variante è triplicata durante il lockdown inglese di novembre, mentre la diffusione della variante precedente si è ridotta di un terzo.

02 Gennaio 12:14 Fondazione Einaudi: “Vaccini? Italia ferma, la Germania corre”

"Piccolo e semplice promemoria: per vaccinare solo il 50% degli italiani in 10 mesi occorrono circa 60 milioni di inoculazioni (30 X 2). Bisogna procedere alla media di 200.000 vaccinazioni al giorno. Secondo i dati ufficiali comunicati al 31 dicembre, l'Italia ha effettuato 32.969 vaccini, la Germania 165.575". Lo scrive su Twitter la Fondazione Luigi Einaudi in base ai dati raccolti dalla campagna di informazione #quantivaccini che può essere seguita sul sito www.fondazioneluigieinaudi.it

02 Gennaio 11:25 Coronavirus Veneto, +3.165 casi e 46 morti in 24 ore

Rallenta l'aumento di casi giornalieri di Covid-19 in Veneto ma si mantiene oltre i 3.000 contagi quotidiani, ritmo che prosegue dalla meta' di novembre. Il Bollettino regionale segnala 3.165 nuovi positivi al Coronavirus, con il totale a 261.845, e 46 decessi, 6.675 dall'inizio della pandemia. Stazionaria la situazione dei reparti ospedalieri, con 2.992 ricoverati nelle aree non critiche, 7 in più rispetto a ieri; scende di un posto l'occupazione delle terapie intensive, con 400 pazienti

02 Gennaio 11:12 Come ripartirà la scuola dal 7 gennaio

Ecco come riparte la scuola dopo l’Epifania: ingressi scaglionati, dalle 8 alle 10 in molti istituti, turni anche il sabato, lezioni di 45-50 minuti per consentire l’uscita da scuola massimo alle 16. Per il 50% della popolazione studentesca si tornerà fra i banchi già dal 7 gennaio, ma la didattica a distanza verrà portata al 75% dal 18 gennaio.

02 Gennaio 10:53 Thailandia, bar e ristoranti chiusi per un mese a Bangkok

Lockdown parziale in Thailandia, finora relativamente risparmiata dal micidiale virus ma che di fronte ad un'improvvisa impennata dei casi ha deciso di correre ai ripari. Per un mese, dal 4 gennaio al primo febbraio, resteranno dunque chiusi bar, discoteche, ristoranti sale massaggi, parrucchieri e palestre. La misura scatterà invece oggi stesso a Bangkok, dove il picco dei contagi è stato maggiore e chiuderanno anche le scuole per due settimane.

02 Gennaio 10:33 Cosa succede dopo il 6 gennaio: Italia suddivisa di nuovo in zone

Il prossimo 7 gennaio scadrà il decreto Natale, mentre il 15 gennaio scadrà il dpcm attualmente in vigore. Dopo queste date tornerà il modello di suddivisione dell’Italia in tre zone, gialla, arancione e rossa. Ma ci saranno anche alcune novità: riparte la scuola in presenza al 50%, tornerà l’orario consueto di chiusura dei negozi, alle 20 e non più alle 21, e potrebbero riaprire palestre, piscine, musei e mostre.

02 Gennaio 10:23 La “variante inglese” del coronavirus presente almeno in almeno 33 paesi

Secondo un report pubblicato dal New York Times, l’elenco dei paesi che hanno identificato infezioni con la variante B.1.1.7, identificata in un primo momento come “variante inglese” è cresciuto rapidamente e da venerdì include, oltre agli Stati Unit e la Gran Bretagna, anche Turchia, Australia, Belgio, Brasile, Canada, Cile, Cina, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania , Islanda, India, Irlanda, Israele, Italia, Giappone, Giordania, Libano, Malta, Paesi Bassi, Norvegia, Pakistan, Portogallo, Singapore, Corea del Sud, Spagna, Svezia, Svizzera ed Emirati Arabi Uniti, nonché Taiwan. In Sud Africa, è emersa una versione simile del virus, condividendo una delle mutazioni viste in B.1.1.7 secondo gli scienziati che l’hanno rilevata.

02 Gennaio 09:55 Usa, oltre 160mila nuovi casi il primo dell’anno 

 Gli Stati Uniti hanno cominciato il nuovo anno con oltre 160.000 nuovi casi di coronavirus: è quanto emerge dai conteggi della Johns Hopkins University, secondo quanto riporta la Cnn. I dati indicano che nella giornata di ieri i contagi sono stati almeno 160.606, ed i morti almeno 2.051. Nel complesso, ad oggi gli Usa registrano un totale di 20.135.305 infezioni, incluse 347.865 vittime.

02 Gennaio 09:44 Il virologo Pregliasco: “Con questi numeri terza ondata è sicura”

Il virologo Fabrizio Pregliasco
in foto: Il virologo Fabrizio Pregliasco

L’anno nuovo non promette bene. I numeri di questi giorni non consentono di stare tranquilli e prefigurano una terza ondata. Che speriamo non sia un’ondona”. Lo dice Fabrizio Pregliasco, virologo dell’Università statale di Milano, in un’intervista a ‘La Stampa’. “La curva rallenta troppo lentamente per cui è urgente intervenire con nuove misure…”

02 Gennaio 09:22 Scuola, i presidi: problema trasporti non risolto, scuola in presenza al 50% sino a fine gennaio

"Noi pensiamo che in una settimana passare dal 50 al 75% sia difficile. Si fa fatica a comprendere che tutte queste decisioni richiedono scelte organizzative complesse all'interno degli istituti. Bisogna tener conto di tutte le giuste esigenze di docenti e personale. Il problema trasporti non è risolto. Auspichiamo di continuare al 50% fino alla fine di gennaio". Lo dice il presidente dell'Associazione nazionale presidi Giannelli alla Stampa.

02 Gennaio 09:02 I saldi invernali in epoca Covid: si inizia oggi, ma possibili rinvii dell’ultima ora

I saldi invernali partono oggi, con qualche incognita legata alle zone rosse, in Basilicata, Valle d’Aosta e Molise, il 4 invece in Abruzzo e Calabria, il 5 in Sardegna e in Campania. Ma le date previste potrebbero cambiare con un posticipo o con addirittura un anticipo primo giorno almeno in fascia arancione. Saldi che muoveranno 1 miliardo in meno rispetto all’anno scorso, in totale 4 miliardi di euro contro 5.

02 Gennaio 08:39 Nel mondo quasi 84 milioni di persone hanno contratto il Coronavirus

Sono 83.963.772 le persone che nel mondo hanno contratto il virus, mentre il bilancio delle vittime, al 2 gennaio, sale a 1.827.544, secondo i dati aggiornati della Johns Hopkins University. Preoccupano gli Stati Uniti, dove le vittime sono oltre 347mila.

02 Gennaio 08:22 Usa, superati i 20 milioni di contagi

Gli Usa hanno superato i venti milioni di contagi dall'inizio della pandemia (20.007.149). E' quanto emerge dall'elaborazione della Johns Hopkins University, secondo la quale negli Stati Uniti i morti sono invece 346.408. E sono almeno 125.057 le persone che sono state ricoverate nelle ultime 24 ore in ospedale dopo aver contratto il coronavirus. Lo rivela il Covid Tracking Project. La Cnn fa notare che si tratta del trentunesimo giorno consecutivo che negli Stati Uniti si registrano oltre centomila ricoveri.

02 Gennaio 08:06 Le ultime notizie sul Coronavirus Covid-19 di oggi, 2 gennaio 2021

Sono 22.211 i casi di Coronavirus in Italia registrati nella giornata di ieri a fronte di 157.524 tamponi effettuati secondo quanto emerge dal primo bollettino del 2021 del Ministero della Salute. I morti sono 462. I casi attualmente positivi sono 574.767 (+4.872), di cui sono ospedalizzati 22.822 e pazienti in terapia intensiva sono 2.553. I tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore in totale sono stati 157.524. Il tasso di positività al 14,1%. Il Veneto è ancora la regione più colpita, con oltre 4800 nuovi contagi, seguita da Lombardia ed Emilia Romagna.

Lombardia: +3.056

Piemonte: +1.058

Campania: +1.734

Veneto: +4.805

Emilia Romagna: +2.629

Lazio: +1.913

Toscana: +589

Sicilia: +1.122

Liguria: +472

Puglia: +1.395

Marche: +693

Abruzzo: +410

Friuli Venezia Giulia: +715

Umbria: +228

P.A. Bolzano: +270

Sardegna: +365

P.A. Trento: +193

Calabria: +345

Valle d'Aosta: +17

Basilicata: +159

Molise: +106

L'Italia è ancora in zona rossa e lo sarà fino al 6 gennaio, giorno dell'Epifania. Poi tornerà il regime delle fasce che il governo determinerà dopo le verifiche degli esperti sull'andamento del contagio. Intanto la campagna vaccinale contro il virus entra nel vivo: il numero di persone alle quali sono state somministrate le dosi ha raggiunto quasi quota 46mila (45.667). I più vaccinati sono gli operatori sanitari, poi il personale non sanitario e, infine, gli ospiti delle strutture residenziali. Ma preoccupa l'allarme lanciato da BioNTech: "Servono altre dosi di vaccino, il nostro da solo non basta".