in evidenza 26 febbraio 21:38 Coronavirus in Italia, gli infetti sono oltre 450: solo in Lombardia sono 305

Salgono a 305 i casi di contagio ad Coronavirus Covid-19 in Lombardia, ma aumenta anche il numero di infetti in Liguria (sono 16, altre 10 persone positive negli hotel di Alassio (Savona) e si registrano i primi casi in Campania e Puglia, dove sono risultati rispettivamente positivi una ragazza di Vallo della Lucania, un tecnico di laboratorio, che lavora a Cremona, e un tarantino di ritorno da Codogno. Adesso il numero complessivo in Italia è di 455 contagiati.

26 febbraio 22:53 Coronavirus, aggiornamenti: i golfisti Molinari e Gagli in quarantena in Oman

I due golfisti italiani Edoardo Molinari e Lorenzo Gagli sono in quarantena in Oman in conseguenza dell'emergenza coronavirus Covid-19. I due azzurri sono stati isolati per una influenza contratta la settimana scorsa da Gagli, compagno di stanza in Oman di Edoardo Molinari. Salteranno per precauzione l'Oman Open, torneo dell'European Tour al via domani. "Seguiamo la situazione -spiega  Marco Durante, capo del settore pro della federgolf – certo si tratta di un eccesso di prudenza dell'organizzazione per uno stato febbrile di 10 giorni prima. Non c'è indicazione di patologie virali in atto. Speriamo si risolva presto l'equivoco".

26 febbraio 22:00 Coronavirus in Lombardia, il governatore Fontana: “Mia stretta collaboratrice contagiata”

Il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana ha annunciato che una sua stretta collaboratrice ha contratto il coronavirus. Lui si è sottoposto al test ed è risultato negativo. Secondo il protocollo, il governatore dovrebbe comunque sottoporsi al regolare periodo di quarantena di 14 giorni.

26 febbraio 21:21 Coronavirus, primo caso positivo in Puglia. L’annuncio di Emiliano

C'è il primo caso di positività in Puglia. Lo comunica il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano. Si tratta, riferisce Emiliano, di una persona residente nella provincia di Taranto sembra proveniente da Codogno in Lombardia, dove si era recato in visita. Da lì l'uomo sarebbe poi "fuggito". "Il paziente è isolato sin da ieri al reparto infettivi dell’Ospedale Moscati in stanza a pressione negativa – prosegue Emiliano – è stato prelevato dal domicilio nel quale viveva a suo dire da solo in ambulanza del 118 dedicata da personale dotato dei necessari Dispositivi di Protezione

26 febbraio 20:54 Coronavirus in Italia, da lunedì 2 marzo lezioni a distanza

"Da lunedì 2 marzo, nelle aree colpite dal coronavirus, gran parte degli universitari potrà  progressivamente tornare a seguire le lezioni sul web grazie all'insegnamento a distanza". Lo annuncia il ministro dell'Università e della Ricerca scientifica, Gaetano Manfredi.

26 febbraio 20:50 Coronavirus, aggiornamenti: il Kuwait evacua tutti i propri cittadini dall’Italia

La compagnia di bandiera kuwaitiana ha annunciato un volo speciale, in accordo con il ministero degli Esteri e della Salute, per evacuare i cittadini kuwaitiani dall'Italia dopo la diffusione del coronavirus. Il volo, l'unico organizzato, partirà da Milano alle 14.25 e arriverà all'aeroporto di Kuwait City alle 22.15. La compagnia ha fatto appello ai kuwaitiani presenti in Italia di mettersi in contatto con l'ambasciata e il consolato per le istruzioni per lasciare il Paese.

26 febbraio 19:55 Coronavirus in Germania, ministro salute parla di “inizio di un’epidemia”

La Germania ha visto nelle ultime ore "l'inizio di una epidemia da coronavirus". L'allarme, riferisce Die Welt, è stato lanciato dal ministro della Salute tedesco, Jens Spahn, dopo che sono stati riscontrati sette nuovi casi di contagio. "Ci troviamo in una nuova situazione", ha aggiunto Spahn nel corso di una conference call, invitando i Land a preparare piani per affrontare una eventuale pandemia.

Altri due contagi da Coronavirus in Germania: c'è il primo caso segnalato nella Renania-Palatinato, e si tratta di un soldato della casa della Croce rossa della Bundeswehr di Coblenza. L'altro test positivo è stato registrato nel Land del Baden-Wuerttemberg: si tratta di un uomo, trentaduenne, rientrato da una delle zone di contagio in Italia. Il “paziente zero” è un 25enne di Goeppingen di ritorno da un viaggio a Milano con la fidanzata

26 febbraio 19:51 Coronavirus in Italia, “fugge” da Codogno e chiede di essere ricoverato a Piacenza

Una persona "fuggita" dalla zona rossa di Codogno si è rivolta ieri sera all'ospedale di Piacenza per farsi ricoverare. Lo ha detto l'assessore alle Politiche della Salute, Sergio Venturi: "Abbiamo avuto diversi accessi in Pronto soccorso a Piacenza, otto si sono presentati spontaneamente, tutti casi collegati al basso Lodigiano". Uno dei pazienti, però, segnala l'assessore, "con sufficiente margine di certezza viene da Codogno ma è in corso una verifica". "Evidentemente c'è qualcosa che non va da segnalare alla Regione Lombardia – fa notare Venturi -: avremmo piacere che i pazienti di Codogno fossero curati nell’ospedale di Lodi e dintorni".

26 febbraio 19:11 Coronavirus in Italia, sequestrate le cartelle cliniche del paziente 1 di Codogno

I carabinieri del Nas di Piacenza, su disposizione della Procura di Lodi, hanno sequestrato all'ospedale di Codogno le cartelle cliniche del paziente 1, il caso indice da cui è partito l'effetto domino dei contagi da coronavirus in Lombardia. Lo si apprende da fonti vicine alle indagini. L'ispezione si è svolta anche negli uffici della Asst di Lodi. Il fascicolo aperto nelle scorse ore dai magistrati lodigiani è al momento a carico di ignoti.

Il direttore generale dell'Asst di Lodi, Massimo Lombardo, ha spiegato che il 38enne di Codogno "si è presentato al Pronto soccorso dell'ospedale di Codogno una prima volta il giorno 18 febbraio senza presentare alcun criterio che avrebbe potuto identificarlo come ‘caso sospetto' o ‘caso probabile' di infezione da coronavirus secondo le indicazioni della Circolare ministeriale del 27 gennaio 2020: durante l'accesso in Pronto soccorso è stato sottoposto agli accertamenti necessari e a terapia; tuttavia decideva di tornare a casa nonostante la proposta prudenziale di ricovero".

26 febbraio 18:44 Coronavirus Lombardia, conferenza stampa regione annullata: c’è un sospetto contagio nell’unità di crisi

"Poichè sono verifiche sanitarie su un dipendente sanitario che ha avuto contatti con unita' di crisi che sta operando sull'emergenza coronavirus, in ottemperanza alle linee guida del ministero, la conferenza stampa di aggiornamento sulla situazione relativa al contagio dal coronavirus sul territorio lombardo, prevista alle 18.30 a Palazzo Lombardia, è annullata. La Regione Lombardia integrerà successivamente con una nota", questo il comunicato con cui si spiega i motivi dell'annullamento della conferenza. Ci sarebbe dunque un sospetto contagio nell'unità di crisi di Regione Lombardia: controlli anche su presidente Fontana.

26 febbraio 18:24 Coronavirus Italia, Borrelli (Protezione Civile): 400 contagiati totali, 258 in Lombardia, 11 in Liguria

Sono 400 i contagiati per il Coronavirus in Italia, quindi c'è un incremento di 26 unità rispetto all'ultimo bollettino. Il dato aggiornato è stato fornito dal commissario per l'emergenza Angelo Borrelli nel corso della conferenza stampa alla Protezione Civile. La mappa dei contagi per regioni è la seguente: la Lombardia ne ha 258, 71 in Veneto, 47 in Emilia-Romagna, 11 in Liguria, 1 in Lazio, così come in Piemonte e Sicilia, 2 in Toscana.

"Meno del 4% dei tamponi ha dato esito positivo", ha poi dichiarato Borrelli. Tamponi che verranno eseguiti non solo ai soggetti con sintomi del coronavirus "ma anche a chi ha avuto contatti con persone positive", ha spiegato il Commissarion conferenza stampa sottolineando che "c'è il massimo livello di attenzione".

Da evidenziare l'unico caso in Lazio. "La buona notizia è che i due cinesi a Roma sono guariti". Così infatti Borrelli ha aperto la conferenza stampa alla Protezione Civile. In merito ai 400 contagiati, Borrelli, ha spiegato che c'è "incremento di 26 persone rispetto alle 12".

"Stiamo operando dal 31 gennaio con il comitato operativo della Protezione civile e stiamo seguendo con i colleghi delle regioni la gestione dell'emergenza. Non abbiamo avuto particolari difficoltà, non ci sono particolari criticità anche nelle aree della cosiddetta zona rossa". Ha detto poi il commissario straordinario.

"Bisogna fare attenzione alle fake news", ha aggiunto Angelo Borrelli, incontrando la stampa nella sede della Protezione civile. "Si deve fare riferimento ai canali ufficiali", aggiunge ringraziando i cronisti "che sono qui e che ci permettono di dare un'informazione quotidiana, continua e costante ai nostri connazionali".

26 febbraio 18:09 Coronavirus Piacenza, mamma positiva partorisce: il neonato è negativo, non è infetto

Una mamma positiva al coronavirus ha partorito a Piacenza senza problemi e il bambino è risultato negativo al contagio. A dirlo l'assessore regionale alla Sanità dell'Emilia-Romagna, Sergio Venturi. La madre viene dalla Lombardia.

26 febbraio 18:01 Coronavirus in Italia, allarme di Giorgetti: “C’è chi aprirà le fabbriche contro i divieti”

"Tra poco ci sarà la reazione veemente dei ceti produttivi, si ribelleranno: la settimana prossima ci sarà chi inizierà ad aprire le fabbriche" in barba alle ordinanze, così il leghista Giancarlo Giorgetti, parlando alla Camera, avverte sull'impatto dell'emergenza Coronavirus e delle misure restrittive del governo. "Qui non si ha la percezione di quello che sta arrivando: imprenditori di Piacenza oggi sono arrivati a Napoli e sono stati mandati in ospedale per controlli. Vi rendete conto?" ha dichiarato Giorgetti, concludendo: "La situazione è grave".

26 febbraio 17:55 Coronavirus in Campania, l’annuncio di De Luca ai sindaci: “Caso probabile, test inviato allo Spallanzani”

"Sono undici i Comuni italiani messi in quarantena per il coronavirus, dieci in Lombardia e uno nel Veneto. Chi vive in queste zone, non può muoversi. Se lo fa, va denunciato perché commette un reato penale. In Campania non si registra al momento nemmeno un test positivo ma abbiamo appena inviato allo Spallanzani il tampone di un caso probabile, più un altro. Manteniamo i nervi saldi". Lo dice il governatore Vincenzo De Luca, rivolgendosi ai sindaci di tutti i comuni in Campania riuniti nell’auditorium dell’isola C3 del Centro direzionale.

26 febbraio 17:54 Coronavirus in Italia, Ricciardi (Oms): “Finora solo 190 casi confermati dall’Iss”

In Italia i casi confermati di contagio da nuovo coronavirus sono al momento "poco più di 190 e sono quelli che hanno avuto la conferma di positività a seguito del secondo test effettuato dall'Istituto superiore di sanità (Iss)" a metterlo in chiaro è stato Walter Ricciardi, membro italiano dell'Oms e consulente del ministro della Salute per l'emergenza Coronavirus. "Nel numero totale di contagiati indicato ad oggi, e pari a 374, sono infatti inclusi tutti i soggetti risultati positivi ai test delle Regioni, ma per vari  di loro manca ancora la conferma del secondo test dell'Iss" ha sottolineato Ricciardi all'Ansa. Un contro test necessario anche alla luce di quanto accaduto in Piemonte  dove il secondo controllo ha dato esito negativo per ben due campioni su tre in totale che erano risultati positivi al primo test.

26 febbraio 17:46 Coronavirus in Piemonte: i casi scendono a 1, altri due erano falsi positivi

Buone notizie dal Piemonte sul fronte Coronavirus: due dei tre casi positivi al test del Coronavirus segnalati nelle scorse ore si sono rivelati "falsi positivi". Al momento quindi c'è un solo paziente positivo al tampone in Regione. Lo ha annunciato l'assessore regionale alla Sanità Luigi Icardi spiegando che ‘"falsa positività" riguarda la coppia di Cumiana, nella città metropolitana di Torino. "La positività riscontrata nei primi test non è stata confermata dagli esami di controllo. È una grande notizia, in Piemonte abbiamo un solo caso di positività accertata, quella del paziente ricoverato all'Amedeo di Savoia" ha dichiarato Icardi

26 febbraio 17:39 Coronavirus in Lombardia, contagiata compagna di scuola del 17enne a Sondrio

Si tratta della compagna di scuola del 17enne primo positivo valtellinese al Coronavirus il secondo caso di contagio da Covid-19 in provincia di Sondrio, in Lombardia. La ragazza sta bene e non mostra alcun sintomo della malattia ma era stata sottoposta al tampone proprio perché era stata in contatto stretto con l'altro minore contagiato. La ragazza da ieri è in isolamento nella sua abitazione di Gordona in Valchiavenna.

26 febbraio 17:34 Coronavirus, aggiornamento: primo caso in Macedonia del Nord, donna che tornava dall’Italia

C'è il primo caso di contagio da Coronavirus anche in Macedonia del Nord. Lo ha reso noto nel pomeriggio di oggi il locale Ministro della salute Venko Filipche. Il paziente risultato positivo al tampone sarebbe una donna macedone intorno ai cinquant'anni, che è sta ricoverata in isolamento in un centro per le malattie infettive a Skopje. La positività della donna sarebbe collegata al focolaio italiano del coronavirus. Si tratterebbe infatti di una donna tornata in macedonia dopo un lungo soggiorno in Italia.

26 febbraio 17:13 Coronavirus, la diretta, Ricciardi (Oms): “In Italia oltre 10mila tamponi, meno di mille in Germania”

In Italia "sono stati eseguiti oltre 10mila test per la rilevazione del nuovo coronavirus, contro i meno di mille in Germania e Francia", così il membro italiano all'Oms e consulente del ministro della Salute, Walter Ricciardi, ha spiegato la differenza di casi riscontrata in Italia rispetto ai Paesi del resto d'Eruopa. "Questo si spiega con il fatto che alcune Regioni non hanno inizialmente seguito le linee guida basate sulla evidenza scientifica che prevedevano il test solo a soggetti sintomatici con ‘fattori di rischio' legati a provenienza e contatti avuti" ha aggiunto Ricciardi, sottolinenando: "Alcune Regioni hanno esteso i test e ciò ha generato una sovrastima dei casi".

26 febbraio 16:44 Coronavirus, la diretta: primo paziente positivo in Andalusia, “non è stato in Italia”

Continua il contagio da Coronavirus anche in Europa.  Le autorità dell'Andalusia in queste ore infatti hanno confermato il primo caso accertato di Coronavirus nella regione del sud della Spagna. Si tratta di un paziente risultato positivo al tampone e ora ricoverato in isolamento all'ospedale Virgen del Rocio di Siviglia. Lo riferisce l'agenzia spagnola Efe. Sempre secondo fonti di stampa locale si tratterebbe di un 67enne che però non ha visitato l'Italia.

26 febbraio 16:15 Coronavirus, la diretta: Gdf in sedi Amazon ed Ebay per vendita mascherine

Ispezioni anche nelle sedi di Amazon ed Ebay in Italia nell'ambito dell'inchiesta sulle presunte manovre speculative nelle vendite a prezzi folli di mascherine, gel disinfettanti e altri prodotti sanitari in questi giorni di emergenza Coronavirus nel nostro Paese. Gli uomini del Nucleo di polizia economico-finanziaria della Guardia di Finanza di Milano, infatti, nelle scorse ore si sono presentati negli uffici dei due gruppi leader nel commercio online provvedendo ad acquisire documenti e dati utili ai fini investigativi. L'ordine era partito dai procuratori aggiunti Tiziana Siciliano e Eugenio Fusco che si stano occupando dell'inchiesta

26 febbraio 16:07 Coronavirus, aggiornamenti: salta match di rugby del 6 Nazioni tra Italia e Irlanda

A causa dell'emergenza coronavirus in Italia è saltato l'incontro di Rugby tra Irlanda e Italia valido per il torneo del del Sei Nazioni. Il match era in programma sabato 7 marzo a Dublino ma, dopo i focolai di coronavirus in Italia, la federazione di rugby irlandese ha deciso di non consentire l'incontro. La autorità sportive irlandesi hanno spiegato di aver accolto la raccomandazione lanciate dal ministero della salute locale su indicazione del Team di emergenza della sanità pubblica irlandese.

26 febbraio 15:56 Coronavirus in Veneto, bimba di 8 anni positiva: test anche sui compagni classe

Una bambina di 8 anni è risultata positiva al test del Coronavirus in Veneto. Si tratta della prima minore contagiata nella Regione ma la settima sul territorio nazionale. La piccola infatti si aggiunge i sei casi di minori contagi già registrati in Lombardia. La piccola rientrerebbe nel focolaio di Limena, in provincia di Padova. Lo apprende l'ansa da fonti della Regione Veneto. La piccola, che è residente in un paese del padovano, infatti è stata sottoposta a test per coronavirus anche in assenza si sintomi della malattia. Secondo le procedure, nelle prossime ore anche tutti i suoi compagni di scuola verranno ora sottoposti al tampone per accertare se siano stati contagiati a loro volta. Con una lettera inviata al DG dell'Ullss 6 Euganea e ai direttori del dipartimento di prevenzione e del servizio di igiene e sanità pubblica, la direzione prevenzione della Regione del Veneto ha chiesto di disporre l'isolamento domiciliare fiduciario con sorveglianza attiva di tutti i contatti stretti, compresi i compagni di scuola, insegnanti e personale ausiliario e amministrativo dell'istituto. La scuola interessata dovrà rimanere chiusa fino al termine del periodo di incubazione della malattia.

26 febbraio 15:32 Coronavirus in Lombardia: a Codogno 18 carabinieri in isolamento

A Codogno, nel Lodigiano, sono 18 carabinieri in isolamento a seguito della positività al coronavirus riscontrata in un ex militare loro collega. I militari dell'arma, tutti appartenenti alla Compagnia di Codogno sono stati posti in isolamento domiciliare in via precauzionale. I militari pare avessero partecipato a una riunione conviviale con un loro collega in congedo, risultato poi positivo al virus.  Come spiega l'Adnkronos, appresa la positività al test del militare pensionato, con zelo e responsabilità, i carabinieri hanno segnalato l'episodio alle autorità competenti che, in via precauzionale, ne hanno disposto l'isolamento.

26 febbraio 15:26 Coronavirus, la diretta: Agenzia Entrate sospende invio cartelle nelle zone rosse

L'Agenzia delle Entrate sospende con effetto immediato l'invio delle cartelle esattoriali nelle zone rosse colpite dall'emergenza coronavirus in Italia. Lo ha comunicato lo stesso Ente attraverso il suo sito. Il provvedimento è di fatto una immediata attuazione al decreto del Ministero delle Finanze  che dispone la sospensione degli adempimenti e dei versamenti tributari nei comuni di Lombardia e Veneto colpiti dall’emergenza. In particolare, nelle zone interessate sono stati sospesi gli invii di comunicazioni di irregolarità, richieste di documenti per il controllo formale, cartelle di pagamento e atti di recupero dei debiti tributari affidati all’Agente della riscossione.

Sono interessati dalla sospensione i cittadini, i professionisti, le imprese (persone fisiche e giuridiche) e gli enti che al 21 febbraio 2020 avevano la residenza, la sede legale o operativa nei territori dei comuni individuati dall’allegato 1 al Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 23 febbraio 2020. In particolare, si tratta dei Comuni di Codogno, Castiglione d'Adda, Casalpusterlengo, Fombio, Maleo, Somaglia, Bertonico, Terranova dei Passerini, Castelgerundo e San Fiorano, in Provincia di Lodi, e del comune di Vo’ Euganeo, in Provincia di Padova.

Rientrano nella sospensione gli adempimenti e i versamenti tributari in scadenza tra il 21 febbraio ed il 31 marzo 2020. Per tutto il periodo di sospensione, i sostituti d’imposta con sede legale o operativa negli stessi comuni non operano le ritenute sui redditi di lavoro dipendente e assimilati e le ritenute sui compensi e altri redditi corrisposti dallo Stato.

26 febbraio 15:09 Coronavirus, la diretta. Il sindaco di Lodi: “Il nostro territorio è devastato”

"Il nostro territorio è devastato" così il sindaco di Lodi ha descritto oggi la situazione nelle zone rosse della Lombardia messe in quarantena e isolamento a causa del focolaio da coronoavirus che ha già fatto diverse vittime. Il riferimento e allo stop di ogni attività economica, sia commerciale che industriale in zona che di fatto sta mettendo il territorio in ginocchio dal punto di vista finanziario. "Siamo fortemente preoccupati perché mi hanno segnalato casi di esercizi commerciali con un calo del 90% dei clienti. Chiediamo al governo di sostenere il nostro territorio con provvedimenti concreti" ha dichiarato il primo cittadino di Lodi, Sara Casanova.

26 febbraio 15:00 Coronavirus in Lombardia: sono sei i minori positivi

Sono sei in tutto i minori risultati positivi al Coronavirus in Lombardia. La più piccola è una bambina di 4 anni di Castiglione d'Adda ricoverata all'ospedale San Matteo. Ricoverato a Seriate (Bergamo) un 15 enne mentre due ragazzini di 10 anni di Soresina (Cremona) e di San Rocco al porto (Lodi) sono già tornati a casa.  Positivo nei giorni scorsi anche un 17enne della Valtellina che frequenta l'istituto Tosi di Codogno e successivamente anche un suo compagno di scuola della provincia di Sondrio.

26 febbraio 14:42 Coronavirus Liguria, altri 4 positivi ad Alassio: erano nell’albergo messo in isolamento

Altre quattro persone sono risultate positive ia tamponi per il Coronavirus in Liguria. I contagi sempre ad Alassio. Si tratta infatti di persone che alloggiavano nello stesso hotel dove sono state riscontrate le prime positività e per questo chiuso e posto in isolamento. Lo ha annunciato il presidente di Regione Liguria, Giovanni Toti, durante la conferenza stampa per fare il punto della situazione sul contagio in regione. I contagiati sono ora ricoverati in ospedale in isolamento ma alcuni avrebbero solo sintomi molto lievi. Lo ha sottolineato lo stesso governatore ligure. "I casi positivi sono cresciuti di 4 unità, provengono tutti dall'albergo di Alassio in isolamento" ha dichiarato Tori, aggiungendo: "Sono ricoverati all'ospedale San Martino, alcuni dei quali hanno sintomi molto lievi, nelle prossime ore i sanitari decideranno le terapie". In totale quindi i casi di coronavirus in Liguria sono 6.

"Stiamo lavorando per organizzare trasferimenti protetti dall’albergo di Alassio per gli ospiti che provengono da Lombardia e Piemonte non in contatto stretto con i pazienti conclamati, in modo da portali in quarantena a domicilio" ha aggiunto Toti, concludendo: "Il trasferimento protetto a Pavia e Asti di due delle comitive presenti negli alberghi isolati di #Alassio è stato valutato perché l'affollamento (147 persone isolate) non permette condizioni di vita e di salute adeguati per 15 giorni".

26 febbraio 14:34 Coronavirus, aggiornamenti Oms: “Mortalità leggermente superiore a influenza”

"Il tasso di mortalità per l'influenza normale è leggermente inferiore a quello del nuovo coronavirus, che ora è pari al 2%, ma è sceso all'1% in Cina" così il direttore dell'Oms Europa, Hans Kluge, ha fatto il punto sulla situazione dell'emergenza Coronavirus. A margine della conferenza stampa che si è tenuta in Italia presso la sede del Ministero della Salute, Kluge  ha spiegato che per dati certi "il punto è il denominatore, che però non conosciamo". "Quando saranno registrati più casi potremo calcolare meglio il dato. Ora in Cina è calato all'1 per cento" ha sottolineato Kluge , ricordando che è troppo presto per calcolare la mortalità in Italia, che ora sembra leggermente superiore. "Troppo presto per dirlo. Certamente muoiono persone sopra i 65 anni, con un sistema immunitario indebolito, persone che sono vulnerabili anche rispetto alla normale influenza" ha concluso l'esperto.

26 febbraio 14:27 Coronavirus in Lombardia, a Milano riaprono bar dopo le 18 ma solo con servizio al tavolo

In Lombardia i bar potranno rimanere aperti anche dopo le 18. Lo prevede un aggiornamento all’ordinanza di Regione Lombardia che, a causa dell’emergenza coronavirus, aveva imposto la chiusura di tutti i bar a partire dalle 18 fino alle 6 del mattino. Lo chiarisce il sito della Regione Lombardia ricordando che "l'obiettivo dell'ordinanza che regola le prescrizioni per il contenimento del Coronavirus nelle aree regionali classificate come ‘gialle' (ovvero valide su tutto il territorio regionale ad eccezione della ‘zona rossa') è quello di limitare le situazioni di affollamento di più persone in un unico luogo". La Regione ha così accolto il grido di allarme e le richieste dei tanti esercenti che lamentavano una mancanza di incassi letale per le loro attività. Sarà compito dei gestori però evitare assembramenti servendo i clienti dei bar solo al tavolo e dal personale e non direttamente al bancone.

26 febbraio 14:08 Coronavirus in Lombardia, contagiata a Brescia: “Ho febbre ma non polmonite”

"Ho la febbre ma nessun sintomo di polmonite" così la ginecologa bresciana di 36 anni trovata positiva al test del nuovo coronavirus ha spiegato la sua situazione clinica. La donna, medico all'ospedale Manerbio, ha avuto contatti con il 51enne di Pontevico, primo caso a Brescia, ma non sa se sia stato quello il contatto decisivo. "Non so come abbia fatto a contrarre il virus", ha detto la donna al Giornale di Brescia. A seguito del suo test positivo anche il marito medico è in quarantena.

26 febbraio 13:46 Coronavirus, la diretta: in Cina livello di allerta abbassato in 14 province

Sono 14 le province della Cina che hanno abbassato il livello di allerta portato nelle scorse settimane al grado massimo nel quadro delle misure di contrasto alla diffusione del nuovo Coronavirus. Secondo l'agenzia Xinhua, l'ultima regione ad aver ridotto il "livello di emergenza" è quella insulare di Hainan, dove le autorità hanno deciso di passare dal livello 1 – il più grave – al livello 3. Nella sola Hainan, stando ai dati ufficiali, cinque persone sono morte e 168 sono stati i casi di contagio. Il giornale Global Times sottolinea come ieri fuori dalla provincia di Hubei, dove si è inizialmente manifestato il Covid-19, non si siano registrati decessi, la prima volta in 23 giorni. Anche a Wuhan, città focolaio, ieri sono stati registrati "solo" una settantina di morti, il dato più basso nelle ultime tre settimane.

26 febbraio 13:09 Coronavirus, l’Oms: “Mortalità al due per cento. Quattro infetti su cinque guariscono”

(immagine di repertorio).
in foto: (immagine di repertorio).

Buone notizie dall'Organizzazione mondiale della Sanità per quanto riguarda i casi di contagio da Coronavirus. "Dobbiamo tenere presente il principio della proporzionalità: fare una valutazione obiettiva e adottare le necessarie misure. Prendiamo molto sul serio questo virus, ma bisogna considerare che 4 infetti su 5 hanno sintomi lievi e guariscono". Lo ha detto il direttore dell'Oms Europa, Hans Kluge, in conferenza stampa dopo il vertice al ministero della Salute a Roma. "Il tasso di letalità è circa il 2%, soprattutto in soggetti sopra i 65 anni con altre patologie – ha sottolineato -. Da esperto di malattie infettive dico però che chiunque muoia è già troppo".

26 febbraio 12:50 Coronavirus in Italia, sono dieci le regioni interessate dal contagio e 23 le province

Sono 23 le province italiane in cui si sono registrati casi di Coronavirus. È quanto emerge dai dati aggiornati forniti dal Commissario Angelo Borrelli alla Protezione Civile. Le regioni interessate sono dieci: Lombardia, Veneto, Emilia Romagna, Piemonte, Toscana, Trentino Alto Adige, Liguria, Sicilia, Marche, Lazio. Il numero dei contagiati ha superato quota 370 e 12 sono le vittime, l'ultima dei quali è un uomo del Lodigiano deceduto all'ospedale di Parma. Tutti avevano patologie pregresse.

26 febbraio 12:38 Coronavirus a Palermo, tutti negativi i membri della comitiva della donna contagiata

Sono risultati tutti negativi all’esame del tampone i componenti della comitiva partita da Bergamo e alloggiata in un hotel del centro di Palermo di cui facevano parte una 66enne, il marito e un ulteriore componente del gruppo, di cui era stato confermato il contagio. "Gli altri 26 non sono stati infettati e neppure il personale del Mercure". A renderlo noto l’assessore alla Salute della Regione siciliana, Ruggero Razza, a Mattino Cinque. "La Sicilia è terra di arrivo, così è stato richiesto di intensificare i controlli nei porti e negli aeroporti. Ma non ci sono particolari condizioni di emergenza", ha poi sottolineato l'assessore.

26 febbraio 12:33 Coronavirus, la diretta: italiano positivo in Algeria, è un dipendente Eni di Lodi

Il primo italiano positivo al Coronavirus in Algeria è un dipendente di Eni. "Al momento è dislocato nel campo di MLE, nel deserto algerino. Non ha febbre e gode di buone condizione di salute", come si legge in una nota dell'azienda. L'uomo è arrivato il giorno 17 febbraio da Bertonico, comune in provincia di Lodi che dal 21 febbraio fa parte della zona rossa di diffusione della regione Lombardia. "Dal 21 febbraio – fa ancora sapere un portavoce di Eni – in accordo anche alle disposizioni delle istituzioni italiane il dipendente è rimasto in isolamento all'interno del campo. In stretto contatto e coordinamento con le autorità algerine, e in accordo con i protocolli dell'Organizzazione Mondiale della Sanità in tema di malattie infettive, Eni sta attivamente collaborando per la gestione operativa del caso".

26 febbraio 12:13 Coronavirus, la diretta: dodicesimo morto in Italia, è un lodigiano deceduto in Emilia Romagna

Dodicesima vittima italiana del Coronavirus: si tratta di 69enne di Lodi che è morto in Emilia Romagna. Proveniva da uno dei Comuni della "zona rossa" lombarda ed era affetto da patologie pregresse respiratorie. Era stato ricoverato all'ospedale di Piacenza, poi trasferito in terapia intensiva a Parma. Lo ha annunciato Angelo Borrelli dalla sede della Protezione Civile, che ha anche aggiunto nel corso della conferenza stampa con il bollettino del giorno che sono stati effettuati 9.462 tamponi su tutto il territorio nazionale, il 95 per cento dei quali ha dato esito negativo. Confermato anche il primo caso nelle Marche. Dunque, ha sottolineato Borrelli, "la Lombardia registra allo stato attuale 258 casi, il Veneto 71, il Piemonte 3, il Lazio 3, la Liguria 3, e Bolzano 1 e l'Emilia Romagna 30″.

26 febbraio 12:11 Coronavirus, ultime notizie: gli Usa alzano il livello di allerta per chi viaggia in Italia

L'emergenza Coronavirus scoppiata in Italia comincia a preoccupare anche gli Stati Uniti. I Centers for diseases control (Cdc) e il Dipartimento di Stato Usa hanno modificato le avvertenze per i cittadini americani che viaggiano all'estero, mettendo l'Italia al livello 2 in una scala di quattro: si può viaggiare nel paese, aumentando però le precauzioni, per i focolai di Covid-19. Al livello 1, a cui si trovava il nostro paese fino al 24 febbraio, c'è Hong Kong, per cui i Cdc non invitano a cancellare o spostare i viaggi, ma semplicemente a usare le normali precauzioni. La Cina è al livello 3.

26 febbraio 12:01 Coronavirus, ultime notizie: altri due italiani trovati positivi a Tenerife

Sale il numero dei contagiati italiani a Tenerife: altri due turisti nell'hotel di Adeje isolato ieri sono risultati positivi al Coronavirus. Lo scrive l'agenzia spagnola Efe che cita il ministero della Salute regionale delle Canarie. I due nuovi positivi fanno parte del gruppo in viaggio con il medico piacentino e la moglie a cui era stato diagnosticato ieri il Covid-19. Circa mille persone sono in quarantena nella struttura ricettiva sull'isola spagnola.

26 febbraio 11:54 Coronavirus, la diretta: ispezioni dei Nas negli ospedali del Lodigiano

L’ospedale di Codogno (Facebook).
in foto: L’ospedale di Codogno (Facebook).

I Nas dei carabinieri di Cremona sono stati, con diversi uomini, nelle ultime 24 ore negli ospedali lodigiani in relazione alla vicenda del Coronavirus. Secondo quanto appreso dall'Ansa, l'ispezione è iniziata ieri all'ospedale di Codogno per poi proseguire in quello di Casalpusterlengo e concludersi nella notte all'ospedale Maggiore di Lodi. L'obiettivo dei controlli è comprendere le dinamiche di diffusione del virus e ricostruire esattamente cosa sia successo con la finalità di prevenire ulteriori contagi.

26 febbraio 11:44 Coronavirus, il parroco di Castiglione d’Adda: “Messa del mercoledì delle ceneri su Youtube”

Il parroco di Castiglione d'Adda, uno dei comuni della cosiddetta zona rossa del Lodigiano, dove si trova una dei focolai dell'emergenza Coronavirus in Italia, ha annunciato che sarà disponibile su Youtube la messa del Mercoledì delle ceneri. Dal momento che sono vietate, secondo l'ordinanza, tutte le manifestazioni anche religiose per evitare il rischio di ulteriore contagio, il sacerdote ha fatto sapere che sarà comunque possibile seguire a distanza la celebrazione eucaristica con la quale si dà inizio al periodo di Quaresima.

26 febbraio 11:36 Coronavirus, Di Maio: “Garanzia da molti Stati che non ci saranno blocchi con l’Italia”

"Ieri in Cdm ho portato un piano specifico che punta ad informare correttamente tutti gli Stati esteri sul reale andamento dell'emergenza Coronavirus in Italia. Il compito della Farnesina è anche questo. Dobbiamo pensare ad arginare la diffusione all'estero di notizie imprecise o addirittura false che si stanno propagando in questi giorni. Più fake news vengono diffuse e più danni, anche a livello economico, subisce l'Italia. Ho dato indicazione di informare direttamente, e puntualmente, tutti gli ambasciatori accreditati in Italia". Lo ha scritto il ministro degli Esteri Luigi Di Maio in un post su Facebook. "Nelle ultime ore – ha aggiunto – abbiamo ottenuto da molti Stati la garanzia che non ci saranno blocchi o restrizioni nei nostri confronti. E siamo al lavoro con missioni mirate in altri Stati e campagne di corretta informazione per far togliere dalle mete italiane sconsigliate una serie di Regioni e Comuni che non c'entrano nulla".

Di Maio ha fatto anche sapere che "per martedì ho convocato una riunione per fare il punto sull'export italiano e sul Made in Italy. Ci sono 300 milioni di euro pronti con l'Istituto del Commercio Estero in favore delle nostre aziende e discuteremo insieme Di come reagire al meglio Di fronte a questo momento. Altri 350 milioni saranno stanziati per il fondo sull'export Di Sace-Simest".

26 febbraio 11:20 Coronavirus in Veneto, i casi positivi sono 58: “La vittima di Treviso aveva problemi di salute”

"Ci sono 13 contagiati più di ieri ma ricordo che per noi il contagiato è anche l'asintomatico, cioè il cittadino che non sviluppa la malattia però al test ha avuto il dato positivo". Lo ha precisato il presidente del Veneto, Luca Zaia, commentando su Facebook gli ultimi dati relativi al Coronavirus in regione. "La signora di Treviso – ha quindi – non è morta ‘di' Coronavirus ma ‘con' il Coronavirus; è bene ricordarlo, aveva condizioni di salute cagionevole e pregiudicata. Alle famiglie diciamo che i cittadini non sono numeri, che c'è la massima attenzione però bisogna anche non diffondere il panico. Noi abbiamo l'attenzione non perché il virus abbia un'alta letalità, se vogliamo parlare scientificamente, però rischia di intercettare persone che hanno una salute già pregiudicata da altre patologie importanti, soprattutto di età importante, tant'è vero che le persone con più difficoltà, che sono nelle terapie intensive, che sono nelle rianimazioni, sono persone over 70, con condizioni complicate".

26 febbraio 11:11 Coronavirus, le scuole restano chiuse nelle Marche: “Nessun passo indietro”

"Il Governo impugna la nostra decisione di chiudere le scuole? Sarà l'occasione per vedere chi ha fatto bene, noi o il governo che si oppone. Io non faccio alcun passo indietro anzi l'impugnazione sarà utile per tutti, per la salute dei marchigiani e aiuterà il governo a tenere comportamenti più coerenti". Lo ha detto il presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli, che ieri ha stabilito chiusura delle scuole, intervistato a Circo Massimo, su Radio Capital. Le Marche si aggiungono così al lungo elenco di regioni che hanno deciso di tenere chiuse le scuole di ogni ordine e grado fino al prossimo 1 marzo a causa dell'emergenza Coronavirus.

26 febbraio 10:28 Coronavirus, la diretta. Primo morto a Parigi: è la seconda vittima in Francia

Primo morto francese a Parigi per Coronavirus. Le autorità hanno confermato il decesso: è un cittadino francese di 60 anni. Si tratta del secondo nel paese d'Oltralpe, dopo la morte di un turista cinese arrivato dallo Hubei, epicentro dell'epidemia di Covid-19. Altri due nuovi casi confermati sono stati annunciati mercoledì mattina da Jérôme Salomon, direttore generale della Sanità. Uno di loro è uomo di 55 anni  ricoverato ad Amiens in gravi condizioni in terapia intensiva, mentre l'altro è un altro 36enne di Strasburgo, che è tornato dalla Lombardia.

26 febbraio 10:22 Coronavirus, Papa Francesco: “Vicino alle vittime, ai contagiati e ai sanitari che li curano”

Sull'emergenza Coronavirus è intervenuto anche Papa Francesco. "Desidero esprimere nuovamente la mia vicinanza ai malati del Coronavirus e agli operatori sanitari che li curano, come pure alle autorità civili e a tutti coloro che si stanno impegnando per assistere i pazienti e fermare il contagio", ha detto Bergoglio in un appello al termine dell'udienza generale in Piazza San Pietro.

26 febbraio 10:12 Coronavirus, la diretta: sette casi in Spagna nelle ultime 24 ore, tutti legati all’Italia

Nelle ultime 24 ore sono stati confermati sette casi positivi al Coronavirus in Spagna. Uno di questi è a Madrid: si tratta di giovane di 24 anni che aveva viaggiato nel Nord Italia. Lo riferiscono i media spagnoli. Il ragazzo si trova ora nel suo domicilio in attesa di essere trasferito in ospedale. Anche gli altri contagiati sono legati al nostro Paese. Stando a quanto precisato oggi da El Pais, quattro casi sono stati registrati a Tenerife: il medico italiano risultato positivo al test lunedì scorso, la moglie e altri due italiani presenti nello stesso albergo.

26 febbraio 10:07 Coronavirus in Lombardia, i minori contagiati sono quattro: hanno tra i 4 e i 15 anni

In Lombardia, tra gli oltre 250 casi positivi di Coronavirus confermati, ci sono anche quattro minore. Oltre alla bimba di 4 anni di Castiglione d'Adda, che finora è la più giovane paziente a cui è stata diagnosticata l'infezione, ci sono altri due bambini di 10 anni e un adolescente di 15, tutti residenti tra Castiglione d'Adda, Soresina, San Rocco al Porto e Seriate. Le loro condizioni, tuttavia, sono buone: le conseguenze della patologia sono lievi, "poco più di un raffreddore", come ha sottolineato il governatore Fontana in conferenza stampa.

26 febbraio 10:00 Coronavirus, la diretta: primo caso positivo in Brasile, rientrava da un viaggio in Italia

Primo caso di Coronavirus confermato in Brasile, dove è risultato positivo al doppio test un uomo rientrato a San Paolo da un viaggio di lavoro in Italia il 21 febbraio scorso. Lo ha reso noto il quotidiano brasiliano Folha de S. Paulo, anticipando che anche il secondo test fatto all'uomo è risultato positivo. Secondo il giornale, che cita fonti vicine al ministero della Salute, è stata chiesta alla compagnia con la quale l'uomo ha volato l'elenco dei passeggeri che si trovavano sullo stesso aereo.

26 febbraio 09:44 Coronavirus, la diretta: confermata la positività della bimba di quattro anni in Lombardia

Dopo la smentita da parte dell'assessore Gallera, è arrivata la conferma da parte della Regione Lombardia, tramite il presidente Fontana, della bambina di quattro anni positiva al Coronavirus. La piccola, residente a Castiglione d'Adda, tra i comuni della zona rossa del Lodigiano, è la più giovane paziente a cui sia stata diagnosticata l'infezione in Italia. Al momento, le sue condizioni non sono gravi e si trova in isolamento nella sua abitazione. Sempre Fontana ha annunciato che in tutta la Regione è salito a 259 il numero dei contagiati. "Bisogna però far capire che non stiamo affrontando una pestilenza ma una cosa poco più seria di una influenza", ha sottolineato il Governatore.

26 febbraio 09:00 Coronavirus a Codogno, il 38enne “paziente 1” è ancora grave ma stabile

M.M. in una foto su Facebook.
in foto: M.M. in una foto su Facebook.

Il 38enne di Codogno, considerato il "paziente 1" dell'emergenza Coronavirus in Italia è ancora grave ma le sue condizioni sono stazionarie. L'uomo è ancora ricoverato in terapia intensiva al Policlinico San Matteo di Pavia, mentre la moglie, ricoverata al Sacco di Milano perché anche lei positiva al Coronavirus, "sta bene, ha fatto l'ecografia e la gravidanza procede bene, la bambina sta bene e la gravidanza arriverà a termine". Intanto, il fatidico "paziente zero" da cui sarebbe partita la catena di contagio da Coronavirus in Nord Italia "lo stiamo ancora cercando", anche se "solo a fini statistici", alla luce del fatto che oramai l'epidemia si è già diffusa abbastanza. Lo ha detto, intervenendo alla trasmissione Agora', l'assessore al Wealfare della Regione Lombardia Giulio Gallera.

26 febbraio 08:50 Coronavirus, ultime notizie: la Russia sconsiglia i viaggi in Italia

Si allunga l'elenco dei paesi che stanno prendendo provvedimenti nei confronti dell'Italia, terzo paese al mondo per contagi da Coronavirus. Anche la Russia ha messo in guardia i propri cittadini contro i viaggi nel Belpaese, per cercare di contenere la diffusione del nuovo virus: l'autorità per la sicurezza dei consumatori, Rospotrebnadzor, ha esortato i russi a evitare di recarsi in Italia, Corea del Sud e Iran "fin quando la situazione epidemiologica non si sarà stabilizzata". Mosca aveva già sconsigliato i viaggi in Cina. Finora in Russia si registrano solo due casi di contagio, nessuna vittima.

26 febbraio 08:21 Coronavirus in Lombardia, positiva anche una bimba di 4 anni: ma la Regione non conferma

Tra i casi positivi al Coronavirus in Lombardia ci sarebbe anche una bambina di quattro anni residente a Castiglione d'Adda, uno dei comuni della zona rossa del Lodigiano, focolaio dell'epidemia in Italia. La bimba, stando a quanto scrive Il Corriere della Sera, potrebbe essere stata contagiata nell’ospedale di Codogno, nei giorni del ricovero del 38enne "paziente 1". In ogni caso la piccola, che ha contratto una lieve forma di influenza, sta bene ed è in isolamento nella sua casa del paesino della Bassa. È la più giovane infetta nel nostro Paese di cui si abbia notizia. Tuttavia, l'assessore al Welfare della Lombardia Giulio Gallera ha in parte smentito l'informazione intervenendo ad ‘Agorà' su Rai3: "Al momento non ci risulta".

26 febbraio 08:15 Coronavirus, la diretta: il premier giapponese Abe vuole il rinvio delle Olimpiadi di Tokyo

L'emergenza Coronavirus rischia di far posticipare le Olimpiadi 2020, in programma a Tokyo dal 24 luglio al 9 agosto prossimi. Il premier giapponese Shinzo Abe ha esortato le principali associazioni sportive, culturali e associative del Paese a rinviare di almeno 2 settimane l'organizzazione di eventi che prevedono il raduno di grandi masse per contenere il rischio di un'ulteriore espansione del nuovo virus. Quando mancano meno di 150 giorni all'avvio delle Olimpiadi, durante una riunione della task force sulla gestione dell'epidemia, Abe ha provato a rispondere alle critiche della comunità internazionale che ha accusato il governo sulla gestione dell'emergenza a bordo della nave Diamond Princess.

26 febbraio 07:58 Coornavirus, ultime notizie: il sindaco di San Francisco dichiara lo stato di emergenza

Il sindaco di San Francisco, London Breed, ha firmato la dichiarazione dello stato di emergenza per fronteggiare i rischi del Coronavirus, anche se al momento nella città statunitense non si è registrato neppure un caso. "Sebbene ci siano ancora zero casi confermati nei residenti, il quadro globale sta cambiando rapidamente e dobbiamo intensificare la preparazione", ha affermato Breed.

26 febbraio 07:24 Coronavirus, in Cina “solo” 52 nuovi decessi: è il dato più basso in oltre tre settimane

Mentre in Italia cresce l'emergenza Coronavirus, in Cina, epicentro dell'epidemia, la crescita del numero di decessi e dei contagi sta lentamente rallentando. Nella giornata di ieri, martedì 25 febbraio, si sono registrate "solo" 52 nuove vittime: si tratta del dato più basso in oltre tre settimane, portando così il bilancio a 2.715 morti a causa del nuovo virus. Secondo l’ultimo bollettino della Commissione nazionale per la salute di Pechino, tutti i nuovi decessi sono avvenuti nella provincia dell’Hubei. In tutto il mondo gli infetti sono 80.239.

26 febbraio 07:16 Coronavirus, ultime notizie: in Italia i decessi si fermano a 11, 325 infetti in 9 regioni

Nuova giornata di emergenza Coronavirus per l'Italia. Stando agli ultimi dati disponibili, in attesa del nuovo bollettino della Protezione civile, sono 11 i decessi registrati nel nostro Paese causati dal nuovo virus, tutti anziani già affetti da patologie pregresse, mentre sono 325 i contagiati in nove regioni. I focolai maggiori restano in Lombardia e Veneto, dove sono situate le zone rosse dell'epidemia, nel Lodigiano e nel comune di Vo' Euganeo, in provincia di Padova, dove migliaia di cittadini sono ancora in quarantena, le scuole e i luoghi di aggregazione sono chiusi e dove è arrivato l'Esercito per controllare gli ingressi e le uscite, ma nuovi casi positivi sono stati riscontrati nella giornata di ieri anche in Sicilia, Toscana, Liguria e Trentino. Di altri, si attende la conferma da parte dell'Istituto Spallanzani di Roma. Anche se continua ad aumentare la psicosi, istituzioni italiane e Organizzazione mondiale della Sanità continuano a rassicurare la popolazione, affermando che "con le nuove misure nei prossimi giorni è atteso un effetto contenitivo della diffusione del virus e che il tasso di guarigione al momento è del 95 per cento". Il premier Giuseppe Conte ha sottolineato che l'Italia è un paese sicuro, nonostante molti stati esteri stiano bloccando voli da e per il Belpaese.

25 febbraio 22:56 Coronavirus, un nuovo caso in Germania: contagiato era stato a Milano

Aumentano i casi di Coronavirus in Germania: sono stati registrati positivi due pazienti, portando così il conteggio a 18. Questi due casi seguono i 16 di ormai qualche giorno fa (sono tutti in via di guarigione). Uno dei pazienti potrebbe essere rimasto contagiato a Milano durante un viaggio di lavoro: si tratterebbe di un 25enne di Goepping, nel land tedesco del Baden-Wuerttemberg, che è risultato positivo al test del Coronavirus. La conferma del viaggio in Italia arriva dalla Dpa. L’altra persona contagiata è invece di Erkelenz, nel Nordreno-Vestfalia: è stata trasferita nel policlinico di Duesseldorf, ma non è ancora chiaro dove potrebbe essere stata contagiata.

25 febbraio 22:45 Coronavirus in Italia, venerdì le misure economiche. Gualtieri: “Tasse sospese in zona rossa”

Il Consiglio dei ministri ha discusso delle misure economiche da mettere in campo per fronteggiare l’emergenza Coronavirus. Nessuna decisione definitiva è stata presa, ma l’orientamento sembra essere quello di portare un decreto legge in Cdm venerdì. Anzi, due decreti, come annuncia il ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri, a Di Martedì: “Uno specifico in settimana per le zone rosse con interventi massicci”. E un secondo, da varare entro una decina di giorni, “più generale per le imprese e i cittadini che subiscono le conseguenze del rallentamento dell’economia”.

Gualtieri parla delle misure da adottare anche attraverso un post su Facebook: “Stiamo predisponendo le misure necessarie per affrontare al meglio le molteplici implicazioni economiche del Coronavirus. Cittadini, professionisti, imprese non vanno lasciati soli in questo momento di difficoltà ma vanno sostenuti con il massimo impegno. Per questo abbiamo immediatamente sospeso le tasse nei comuni della ‘zona rossa' e siamo al lavoro per altri provvedimenti come la sospensione delle rate dei mutui, delle bollette, dei versamenti dei contributi previdenziali, e per misure più generali a sostegno dei settori più colpiti. Ora è il momento della responsabilità e della coesione. Nessuno deve essere lasciato da solo”. Infine, il ministro dell’Economia fa sapere che le misure per le imprese riguarderanno anche settori “trasversali, come il turismo”.

25 febbraio 22:27 Coronavirus in Lombardia, tra i contagiati anche un primario dell’ospedale di Alzano Lombardo

Ha respinto ogni accusa mossa nei suoi confronti il medico finito ai domiciliari il 5 febbraio perché sospettato di violenza sessuale su una paziente di 16 anni. Il primario ha risposto per circa 3 ore alle domande del giudice e del pubblico ministero.

Tra i casi di Coronavirus registrati in Lombardia ce n’è anche uno riscontrato all’ospedale di Legnano: si tratta di un primario dell’ospedale di Alzano Lombardo (provincia di Bergamo), residente nel milanese. Del suo caso aveva parlato oggi anche l’assessore regionale al Welfare, Giulio Gallera: “Dai dati emerge come significativa la situazione di Alzano con un numero non trascurabile di persone in quell’area risultate positive, ma è presto per parlare di un focolaio perché potrebbe essersi trattato di altro. Nell’ospedale c’era un primario che è positivo e in qualche modo può essere lui quello che ha diffuso il virus”.

25 febbraio 22:18 Coronavirus in Italia, Regione Marche chiude le scuole: governo impugna la decisione

Il governo impugna l’ordinanza delle Regione Marche che dispone la chiusura delle scuole sul territorio regionale fino al 4 marzo in seguito all’emergenza Coronavirus. La decisione del Consiglio dei ministri segue la querelle che si era aperta già ieri quando il presidente della Regione Marche, Luca Ceriscioli, aveva annunciato la chiusura delle scuole, venendo poi contattato dal presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, per non firmare l’ordinanza. Oggi Ceriscioli ha firmato l’ordinanza ma il governo l’ha impugnata.

La scelta del governo viene spiegata, attraverso una nota congiunta, dal ministro degli Affari regionali, Francesco Boccia, dal ministro dell’Istruzione, Lucia Azzolina, e dal ministro dell’Università, Gaetano Manfredi: “Con la sua decisione unilaterale di firmare un'ordinanza per la chiusura di tutte le scuole e Università della Regione Marche, il Governatore Luca Ceriscioli si sfila dall'accordo che era stato raggiunto solo poche ore prima nel corso dell'incontro tra governo e Regioni tenutosi alla Protezione Civile e viene meno all'impegno preso con tutti gli altri Governatori che invece si stanno attenendo alle disposizioni concordate”.

25 febbraio 21:27 Coronavirus in Lombardia, ricoverata intera famiglia a Pavia: padre, madre e due figlie minorenni

Un'intera famiglia di Miradolo Terme (Pavia) è ricoverata al reparto di malattie infettive del San Matteo di Pavia, dopo essere stata contagiata dal Coronavirus. La notizia è stata confermata da fonti vicine alla famiglia e al Comune di Miradolo Terme (Pavia), un paese al confine con la provincia di Lodi. A finire in ospedale sono stati il padre, di professione odontotecnico, la madre e le due figlie di 17 e 13 anni: la prima frequenta una scuola media superiore a Sant'Angelo Lodigiano (Lodi), la sorella va alle medie. Sarebbe stata la prima delle due figlie ad accusare i primi sintomi. Le sue condizioni e quelle dei suoi familiari non sono comunque preoccupanti.

25 febbraio 21:06 Coronavirus, l’Irlanda chiede di cancellare il match del 6 Nazioni di rugby contro l’Italia

Il match tra Irlanda e Italia, valido per il 6 Nazioni di rugby, potrebbe esser cancellato. La partita è prevista per il 17 marzo, ma è sotto osservazione e potrebbe essere rinviata per motivi legati alla salute pubblica in seguito all'emergenza Coronavirus. A riferirlo è l’agenzia Bloomberg citando Tony Holohan, capo del dipartimento della Salute, che chiede di annullare la partita a causa della “rapida evoluzione dell’epidemia” nel Nord dell’Italia, con il conseguente rischio di importare casi di Coronavirus anche in Irlanda. Il ministro della Salute, Simon Harris, avrebbe accolto con favore questa raccomandazione che potrebbe portare all’annullamento della partita del 17 marzo.

25 febbraio 21:00 Coronavirus in Lombardia, rinviato a giugno il Salone del Mobile di Milano

L'emergenza Coronavirus ha portato alla decisione di posticipare anche l'edizione del Salone del Mobile di Milano. Il Salone slitta di due mesi: si terrà alla Fiera di Rho a giugno, dal 16 al 21, invece che ad aprile: era previsto in questo mese dal 21 al 16. La decisione è stata presa dal cda di Federlegno Arredo Eventi.  Secondo quanto viene spiegato in una nota, il consiglio di amministrazione si è riunito per valutare come affrontare la situazione di emergenza sanitaria e ha deciso di posticipare l’edizione prevista per aprile: “La conferma della manifestazione, fortemente appoggiata dal sindaco di Milano Giuseppe Sala, consente alle imprese, chiamate a un'importante prova di responsabilità, di presentare il proprio lavoro già finalizzato al pubblico internazionale che attende l'appuntamento annuale con il Salone del Mobile.Milano quale punto di riferimento della creatività e del design”. Il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, parla di una “decisione giusta: dobbiamo lavorare perché questo virus non si diffonda, ma non si deve nemmeno diffondere il virus della sfiducia. Milano deve andare avanti”.

25 febbraio 20:50 Coronavirus, arriva il primo caso in Algeria: contagiato è un cittadino italiano

Arriva il primo caso di Coronavirus anche in Algeria. Ad annunciarlo è il ministro della Sanità, Abderrahmane Benbouzid, su EnTv: a riportarlo è il sito Tsa-algerie. La persona contagiata è un cittadino italiano, stando a quanto comunicato dallo stesso ministero. L’uomo sarebbe arrivato in Algeria lo scorso 17 febbraio ed è ora ricoverato in isolamento all’Istituto Pasteur. Il ministro sottolinea che “sono state adottate tutte misure per la presa in carico del paziente, messo in quarantena”.

25 febbraio 20:20 Coronavirus, ultimi aggiornamenti: indennità di 500 euro al mese per partite Iva in zone rosse

Arrivano nuove misure in sostegno dei lavoratori autonomi e delle partite Iva delle zone rosse colpita dal Coronavirus. Secondo quanto anticipato dal ministro del Lavoro, Nunzia Catalfo, alle parti sociali, si dovrebbe prevedere un’indennità fino a 500 euro per un massimo di tre mesi per le partite Iva. A farlo sapere sono fonti presenti al tavolo al ministero. Inoltre, si dovrebbe prevedere anche la sospensione dei versamenti contributivi fino al 31 marzo 2020 per le aziende che rientrano nelle zone rosse.

25 febbraio 20:09 Coronavirus in Italia, secondo caso in Liguria: paziente positivo a La Spezia

Si registra un secondo caso di contagio da Coronavirus in Liguria. A comunicarlo è la Regione Liguria, spiegando che il paziente si trova a La Spezia. In giornata si era già riscontrata la positività al Coronavirus di un'altra persona, proveniente da Castiglione d'Adda e in vacanza ad Alassio.

25 febbraio 19:59 Coronavirus, la Francia invita i suoi connazionali a rinviare le vacanze in Italia

Niente vacanze in Italia per i cittadini francesi. Per ora è solo un invito, ma a rivolgerlo è stato un esponente del governo francese che ha consigliato ai suoi concittadini di rinviare ogni possibile vacanza nel nostro Paese a causa dell'emergenza Coronavirus. I francesi sono stati "invitati" dal sottosegretario ai Trasporti, stando a quanto riporta BfmTv, a posticipare i viaggi nelle zone "contaminate" in Italia, quelle del Nord in cui si sono registrati più casi di contagi.

25 febbraio 19:43 Coronavirus, diretta; sono moglie e marito di Piacenza gli italiani contagiati a Tenerife

Sono di Piacenza il medico e la moglie che sono risultati positivi al Coronavirus a Tenerife. Erano alloggiati in un hotel ad Adeje, nel sud di Tenerife. Il medico ieri era andato spontaneamente in una clinica privata a Tenerife perché aveva la febbre. Dopo il primo test risultato positivo è stato trasferito all'ospedale Nuestra Señora de Candelaria. Oggi è arrivata anche la positività al contagio della moglie, mentre il fratello e la cognata che erano in vacanza con loro non sarebbero stati contagiati.

25 febbraio 19:33 Coronavirus, diretta; l’allarme dell’Oms: “Mondo non è pronto ad affrontarlo”

Bruce Aylward, capo missione in Cina dell’Oms, l’Organizzazione mondiale della sanità, lancia un avvertimento: per lui il mondo “semplicemente non è pronto” a fronteggiare la diffusione dell’epidemia di Coronavirus. Aylward ha elogiato le autorità cinesi per lo sforzo compiuto e ha sottolineato che bisogna “essere pronti a gestire questa situazione in una scala più grande e bisogna farlo rapidamente”. Parlando ancora della Cina, ha affermato che l’epidemia “sta rallentando, è stato raggiunto un picco di nuovo contagi, quindi c’è stata una stabilizzazione e ora si vede un calo dei nuovi casi”. Secondo l’Oms, la Cina “ha affrontato in modo pragmatico un nuovo virus che fa molta paura e si diffonde velocemente. Hanno varato misure drastiche, mai viste in precedenza, per cercare di contenere la diffusione del virus”.

25 febbraio 19:18 Coronavirus in Italia, arriva l’ordinanza del governo con le misure cautelari

Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha annunciato un’ordinanza per provare a rendere omogenei i provvedimenti da attuare in tutte le Regioni italiane contro la diffusione del Coronavirus. Il provvedimento dovrebbe riguardare soprattutto le aree che non rientrano in quelle del contagio e quelli predisposti sono considerati atti cautelari. Tra le norme si prevede la presenza di disinfettante per le mani in tutti gli uffici pubblici e la pulizia straordinaria di autobus e metropolitana. Si prevede, inoltre, la quarantena per tutte le persone che sono state nel territorio del focolaio negli ultimi 14 giorni, che devono necessariamente comunicarlo alle Asl territoriali.

25 febbraio 19:01 Coronavirus in Italia, i morti salgono a 11: vittima è donna di Treviso di 76 anni

È una donna di Treviso di 76 anni l'undicesima vittima del Coronavirus in Italia. La donna è morta all'ospedale di Treviso ed era stata ricoverata oggi in rianimazione per complicanze respiratorie. La donna è risultata positiva al test del Coronavirus. La notizia è stata data dalla Regione Veneto. La donna aveva pregresse patologie definite importanti e oggi, in seguito a un peggioramento della sintomatologia respiratoria, è stata sottoposta ai test da parte dei sanitari del reparto malattie infettive dell’ospedale di Treviso.

25 febbraio 18:57 Coronavirus, ultimi aggiornamenti: primo caso in Svizzera è un uomo che era stato a Milano

Anche in Svizzera è stato registrato il primo caso, confermato, di Coronavirus. La persona contagiata è un uomo di 70 anni, residente in Ticino, che sarebbe stato infettato in Italia. In particolare, l’uomo avrebbe partecipato a una manifestazione il 15 febbraio a Milano, secondo quanto riporta l’agenzia di stampa svizzera Ats-Keystone. I primi sintomi sarebbero comparsi due giorni dopo la manifestazione e da quel momento l’uomo è rimasto in famiglia ed è ora ricoverato in isolamento in ospedale.

25 febbraio 18:53 Coronavirus, diretta; Rezza: “In Italia e nel lodigiano circola da una o due settimane”

Il Coronavirus circola in Italia da una o due settimane. A sostenerlo è il direttore del Dipartimento malattie infettive dell’Istituto superiore di sanità, Giovanni Rezza. Prima del caso del 38enne di Codogno, secondo Rezza, il virus era già in circolazione nel lodigiano “da una/due settimane”. Comunque, Rezza conferma che il focolaio è “abbastanza circoscritto. Quasi tutto è riconducibile all'epicentro dell'epidemia, che si trova nel lodigiano. Poi ci sono un paio di focolai più piccoli in Veneto. Ma gli altri sono casi che vengono dall'epicentro dell'epidemia”.

Durante la conferenza stampa tenuta insieme al commissario per l’emergenza Coronavirus, Angelo Borrelli, Rezza prosegue: “Quando ci sono patologie o infezioni come Coronavirus o altre, che tendono soprattutto a essere gravi in persone più anziane e malandate, con patologie croniche, non sappiamo se muoiono per Coronavirus o per altre patologie. Non possiamo dire che per fortuna il Coronavirus colpisce soprattutto persone anziane, sarebbe troppo cinico tenendo conto che abbiamo una popolazione molto anziana in Italia”. E proprio l’anzianità degli italiani avrebbe portato, secondo Rezza a un tasso di mortalità tra il 2% e il 3%.

25 febbraio 18:19 Coronavirus in Italia, salgono a 10 i morti: tre nuove vittime con più di 80 anni

Sale a 10 il numero dei morti in Italia per il Coronavirus. A comunicarlo è il commissario per l'emergenza Coronavirus, Angelo Borrelli, spiegando che i contagi sono 322. Le tre vittime che si aggiungono alle precedenti sette provengono tutte dalla Lombardia e si tratta di persone di almeno 80 anni, come fatto sapere da Borrelli in conferenza stampa. Il capo della Protezione Civile comunica che le unità contagiate sono salite a 322, con un incremento di 39 contagiati rispetto al bollettino della mattinata. Il totale dei deceduti è di dieci perché, spiega ancora, “abbiamo registrato la morte di tre persone nelle ultime ore in Lombardia di un’età adulta. Persone che sono ultraottantenni”. Si tratta di un maschio di 84 anni di Nembro (Bergamo), uno di 91 anni di San Fiorano e una donna di 83 anni di Codogno, entrambi in provincia di Lodi. Giovanni Rezza, dell'Istituto superiore di Sanità, parla di un tasso di mortalità tra il 2% e il 3% e conferma che la malattia è più grave per le persone più anziane che solitamente vengono difese dai vaccini antinfluenzali.

Borrelli fa il conto anche dei contagiati nelle singole Regioni: i casi in Lombardia sono 240, in Veneto 43, in Emilia-Romagna 26, mentre non sono aumentati i contagi in Piemonte e Lazio (tre casi a testa). Sono, invece, tre i casi in Sicilia, dove non c’è solo la donna di cui si era parlato in mattinata ma anche altre due persone componenti della stessa comitiva. Si tratta, nello specifico, del marito della turista bergamesca e di un'altra persona del gruppo. Rezza, poi, si sofferma sul fatto che il Coronavirus circolava in Italia “già diversi giorni prima che venisse fuori il cosiddetto paziente 1, ormai è un dato certo”. Lo stesso Rezza rassicura: “Per fortuna al momento abbiamo dei focolai abbastanza circoscritti”.

25 febbraio 18:12 Ecco cosa prevede l’ordinanza di misure cautelari annunciata da Conte

"Nelle Pa, nelle strutture sanitarie e in tutti i locali aperti al pubblico, devono essere messe a disposizione di addetti, utenti e visitatori, disinfettanti per il lavaggio delle mani. Inoltre, Le aziende di trasporto pubblico locale devono adottare interventi straordinari di pulizia dei mezzi": ecco due delle misure cautelari contenute nell'ordinanza annunciata oggi da Giuseppe Conte per uniformare i comportamenti da tenere a livello nazionale in contrasto all'espandersi dell'epidemia di coronavirus. E ancora: Chi nelle due settimane precedenti è stato in uno dei dieci Comuni lombardi e in quello veneto da cui sono partiti i contagi deve comunicarlo immediatamente all'Asl, che ne disporrà la quarantena.

25 febbraio 18:12 Coronavirus, Conte: “Casi in crescita preoccupano, ma Italia non deve avere paura”

Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, torna a parlare dell’emergenza Coronavirus dai microfoni della Vita in diretta, trasmissione in onda su Rai 1: “L’Italia non deve avere paura. C’è un governo nazionale, ci sono governatori territoriali, autorità sanitarie, un sistema di Protezione civile efficiente. Quindi quello che sta succedendo in Italia è il sintomo di un sistema efficiente che reagisce. È vero che questi casi che stanno crescendo preoccupano un poco, ma diciamo che molti di questi contagiati sono asintomatici, sono persone che stanno bene. Iniziamo a distinguere i numeri. Quello che dobbiamo misurare è l’efficacia contenitiva di queste misure e la vedremo nei prossimi giorni”.

Il presidente del Consiglio parla anche del paziente zero, ancora non rintracciato: “C’è una grande investigazione per individuarlo. Ma ci dicono gli esperti che potrebbe non essere cinese, potrebbe essere indiretto. Confidiamo di poter ricostruire una mappa, attraverso i contagiati e i contatti che hanno avuto, in modo da risalire come un albero genealogico, per avere l’effetto contenitivo alla massima potenza”. Nessuna polemica con il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana: “Se non è il momento delle polemiche non le facciamo, soprassediamo, dobbiamo rimanere concentrati per la salute dei cittadini”, afferma Conte. Che a gli chiede se affronta con serenità questa emergenza risponde: “Sereno è una parola impegnativa: ho la giusta preoccupazione di chi non sottovaluta questa situazione e di chi lavora” per contenere i contagi.

25 febbraio 18:09 Coronavirus in Veneto, primo caso a Treviso: è donna di 76 anni ricoverata in rianimazione

Primo caso di contagio da Coronavirus a Treviso. A renderlo noto è la Regione Veneto, che spiega che la paziente risultata positiva è una donna di 76 anni con importanti patologie pregresse. In seguito al peggioramento della sintomatologia respiratoria l'anziana è stata sottoposta al test dei sanitari del reparto malattie infettive dell'ospedale di Treviso e si è scoperto che è positiva al Coronavirus. Al momento è ricoverata in rianimazione.

25 febbraio 18:02 Coronavirus in Lombardia, Gallera: “Nuovi morti? Sì, ma aspettiamo controanalisi dell’Iss”

I casi accertati di Coronavirus in Lombardia sono 240 (erano 212 stamattina), su oltre 1.800 tamponi effettuati. A comunicarlo è l’assessore al Welfare Giulio Gallera in conferenza stampa. Gallera assicura, inoltre, che stanno arrivando mascherine e tamponi. Gallera annuncia, inoltre, che da ora in poi non verranno date comunicazioni su nuove vittime fino a che l’Istituto superiore di sanità non confermerà che quei decessi siano effettivamente venuti a causa del Coronavirus. L’assessore spiega che ci sarà “un confronto con l’Iss per i dati sui casi positivi e sui morti per capire se sono morti per Coronavirus o per altre malattie precedenti”. “Ci sono stati alcuni decessi, quando arriva l’Iss ve lo diciamo”, afferma ancora Gallera.

L’assessore regionale prosegue: “Rispetto alla zona rossa ho ripetuto più volte che c'era la necessità di recuperare brevi ritardi, ho verificato pochi minuti fa che tutti gli operatori del presidio ospedaliero di Codogno sono stati tamponati, stiamo continuando a fare tamponi a persone della zona rossa. Stiamo distribuendo mascherine a medici generali che non ce l'hanno ancora. Nessun reparto di nessun ospedale della regione Lombardia sta chiudendo”. Inoltre Gallera spiega: “Ci sono alcuni medici che sono in isolamento quindi stiamo aprendo un altro ambulatorio per la sostituzione di questi medici. Per le donazioni di sangue, nessuno stop”.

Il presidente della regione Lombardia, Attilio Fontana, parla di una “situazione stabilizzata, tutti i provvedimenti che dovevano essere assunti sono entrati in vigore. La popolazione sta reagendo in maniera composta, seria e civile. Stiamo aspettando che passino quei 4/5 giorni per capire se i provvedimenti hanno o meno effetto. Siamo molto sereni e fiduciosi dell'esito positivo che avrà la situazione”.

25 febbraio 17:46 Coronavirus, due italiani contagiati a Tenerife: positiva al test anche la moglie del medico

Diventano due gli italiani contagiati dal Coronavirus che si trovano a Tenerife. Prima era risultato positivo il medico che è stato isolato nell'ospedale di Candelaria. A lui si aggiunge anche la moglie, risultata positiva al test del Coronavirus, secondo quanto riferisce la Efe. Si tratta del quinto caso in Spagna.

25 febbraio 17:31 Coronavirus, gli ultimi aggiornamenti; primi casi a Brescia: positiva ginecologa di Manerbio

Si registrano i primi due casi di contagio da Coronavirus anche in provincia di Brescia. Una donna di 36 anni è stata ricoverata agli Spedali civili di Brescia: è una ginecologa dell’ospedale di Manerbio. C’è anche un altro paziente risultato positivo nel bresciano: è un 51enne di Pontevico che sarebbe passato proprio dall’ospedale in cui lavora la ginecologa risultata essere positiva al Coronavirus.

25 febbraio 17:23 Coronavirus Emilia-Romagna, paziente di Rimini “ha avuto molti contatti e ha viaggiato all’estero”

L’assessore alle Politiche per la Salute delle Regione Emilia.Romagna, Sergio Venturi, fa il punto sulla situazione del caso del paziente di Rimini, l’ultimo delle 23 persone risultate positive al Coronavirus in Emilia-Romagna: “Il caso del paziente di Rimini ci rende più difficile la ricerca, perché è come buttare un po' di sassi nello stagno e poi bisogna andarli a cercare tutti. È una persona che ha avuto molti contatti, in Italia e all'estero, ha viaggiato, e quindi non è quello che è stato a casa sua e dobbiamo controllare solo i suoi congiunti”. Venturi spiega che si tratta di un 71enne che “è rientrato in Italia da un paio di giorni”: l’uomo si è presentato in un pronto soccorso e poi è stato trasferito all’ospedale di Rimini dove “è stato ricoverato per una polmonite bilaterale ed è il primo caso individuato dalla Regione dopo aver deciso di fare il test a tutti i pazienti con la polmonite”.

25 febbraio 17:10 Coronavirus in Veneto, per la prima volta una paziente contagiata dimessa dall’ospedale di Padova

Arriva una buona notizia dal Veneto, dove l’ospedale di Padova ha dimesso per la prima volta una pazienza ricoverata dopo essere risultata positiva al Coronavirus. A comunicarlo è il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, attraverso un post su Facebook in cui viene riportato il bollettino dell’ospedale: “Da azienda ospedaliera di Padova prima dimissione in isolamento domiciliare fiduciario di una paziente. L’Azienda Ospedaliera di Padova ha provveduto alla prima dimissione protetta di una paziente, ricoverata dopo che è stata riscontrata positiva al Coronavirus. La signora è stata accolta dalla struttura sanitaria il 23 febbraio con link epidemiologico “contatto presso locale pubblico – Comune di Vò”. La diagnosi certificata dai sanitari è: “Infezione da Sars – CoV-2, verosimilmente pregressa, asintomatica”. La paziente aveva presentato una sola puntata febbrile il 18 febbraio scorso ed era risultata positiva al tampone, effettuato il 22 successivo.Poiché durante il ricovero la signora è stata asintomatica e vive in abitazione singola, sono già stati attivati i servizi territoriali competenti per l’attivazione dell’isolamento domiciliare fiduciario di 14 giorni con inizio considerato dal 22 febbraio”. La paziente viene quindi dimessa per continuare l’isolamento all’interno della sua abitazione.

25 febbraio 17:02 Coronavirus, la diretta. No a chiusura temporanea del Brennero: “Non sarebbe di alcuna utilità”

Nessuna chiusura temporanea del valico del Brennero. L'ipotesi di una chiusura a causa dell'emergenza Coronavirus è stata esclusa dopo che gli esperti che sono stati consultati hanno affermato che una decisione di questo genere "non sarebbe di alcuna utilità". A confermarlo è il governatore della regione austriaca del Tirolo e presidente dell'Euregio, Günther Platter, in occasione di un incontro a Bolzano con i presidenti di Trentino (Maurizio Fugatti) e Alto Adige (Arno Kompatscher).

25 febbraio 16:55 Coronavirus in Liguria, anziana contagiata proviene da Castiglione d’Adda

La donna anziana ricoverata al Policlinico San Martino di Genova e risultata positiva al test per il Coronavirus proviene da "Castiglione d'Adda", uno dei paesi del focolaio in provincia di Lodi. La donna, fa sapere la Regione Liguria, faceva parte di un gruppo di turisti che provenivano sia da Castiglione d'Adda che da Codogno.

25 febbraio 16:37 Coronavirus in Italia, l’elenco delle scuole chiuse fino all’1 marzo

Per fronteggiare l’emergenza Coronavirus molte Regioni hanno deciso di chiudere le scuole per alcuni giorni, almeno fino a domenica 1 marzo. Non solo, perché sono state sospese le gite scolastiche in tutta Italia. Per quanto riguarda la chiusura degli istituti, le ordinanze riguardano le Regioni colpite dai primi casi italiani: niente lezioni quindi per gli studenti di Lombardia, Veneto, Piemonte, Emilia Romagna, Liguria, Friuli Venezia Giulia e Trentino Alto Adige. In tutte le altre Regioni, invece, le scuole saranno aperte, nonostante in un primo momento si fosse diffusa la notizia di chiusure rivelatesi infondate. Le prime Regioni a chiudere le scuole sono state Lombardia e Veneto, le più colpite dai casi di Coronavirus. Stop alle attività anche nelle università lombarde e venete. L’ordinanza varrà, per ora, dal 24 febbraio fino al primo marzo. A seguire stesso provvedimento è stato preso in Piemonte ed Emilia-Romagna. In Trentino stop all’attività scolastica fino a mercoledì prossimo. Casi sporadici di scuole chiuse anche in altre Regioni, come a Buccino, provincia di Salerno, o a Lauro, nell’avellinese. In Sicilia, invece, università di Palermo chiusa fino al 9 marzo.

25 febbraio 16:13 Coronavirus, ultime notizie: donna positiva a Barcellona, era appena tornata dal Nord Italia

L'emergenza Coronavirus è arrivata anche in Spagna. Una donna residente a Barcellona e appena tornata dal Nord Italia è infatti risultata positiva al nuovo virus, scrive La Vanguardia. È il quarto caso in Spagna, dopo quelli registrati nelle Canarie e a Maiorca. "Abbiamo un ottimo sistema sanitario, il nostro paese ha affrontato crisi simili e le abbiamo risolte. I cittadini stanno ricevendo tutte le informazioni per rimanere calmi e sicuri ", ha dichiarato la prima vicepresidente, Carmen Calvo, e la portavoce dell'esecutivo, María Jesús Montero.

25 febbraio 16:11 Coornavirus, la diretta: primo caso positivo in Svizzera

C'è un primo caso di Coronavirus confermato in Svizzera. Lo ha indicato poco fa L'Ufficio federale della sanità (Ufsp), annunciando una conferenza stampa a Berna alle 17.00 in cui saranno dati maggiori dettagli. Ieri, il consigliere federale Alain Berst aveva presentato una serie di misure supplementari per far fronte all'epidemia in Italia. In particolare maggiore informazione, prontezza operativa e ulteriori esami.

25 febbraio 16:09 Coronavirus, ultime notizie: stop alle donazioni di sangue per chi torna delle zone rosse

Stop di 28 giorni alle donazioni di sangue per chi è stato dopo l'1 febbraio nei Comuni in quarantena per il Coronavirus nelle cosiddette zone rosse, quindi nel Lodigiano e a Vo' Euganeo, in provincia di Padova. Lo prevede una nuova circolare del Centro Nazionale Sangue. Chi non è interessato dalle misure ed è in buona salute, ricordano dal Centro, dalle associazioni e dalle federazioni donatori, può andare a donare tranquillamente.

25 febbraio 15:37 Coronavirus, la diretta. Oms: “Ridimensionare l’allarme. Si guarisce nel 95 per cento dei casi”

"Dobbiamo ridimensionare questo grande allarme, che è giusto, da non sottovalutare, ma la malattia va posta nei giusti termini: su 100 persone malate, 80 guariscono spontaneamente, 15 hanno problemi seri ma gestibili in ambiente sanitario, solo il 5 per cento muore, peraltro sapete che tutte le persone decedute avevano già delle condizioni gravi di salute". È quanto affermato da Walter Ricciardi dell'Organizzazione mondiale della Sanità (Oms) in conferenza stampa alla Protezione civile a Roma sull'emergenza Coronavirus in Italia.

25 febbraio 14:48 Coronavirus a Codogno, il sindaco: “Casi isolati di fuga. Ridicolo dare la colpa all’ospedale”

Ci sono stati casi isolati ma nessun tentativo di fuga dalle misure messe in campo per arginare l'emergenza Coronavirus. Lo ha detto all'AdnKronos Francesco Passerini, sindaco di Codogno, tra i comuni della zona rossa nel Lodigiano: "Il territorio è vasto, ci sono tante zone di campagna, può essere anche che qualcosa sia scappato al controllo. Ma si tratta veramente di casi isolati: non c'è nessun esodo, nessun tentativo di fuga", ha specificato il primo cittadino. "C'è una presa di coscienza da parte di tutti e la nostra popolazione sta facendo un sacrificio nell'interesse generale di tutto il Paese – ha continuato -. Ci sono eccellenze e strutture che, sebbene ad oggi non abbiano nulla a che vedere con i casi di Coronavirus, hanno tutto fermo nonostante commesse e responsabilità internazionali da onorare". Intanto, "stiamo lavorando in modo alacre" per risolvere ogni tipo di criticità. "Abbiamo organizzato la consegna a domicilio di farmaci salvavita – riferisce il sindaco – ma anche la consegna della spesa: se ad esempio una persona anziana è nella zona rossa e il figlio non riesce ad a raggiungerla, può portare la spesa al posto di blocco e poi personale e volontari la consegnano al domicilio".

Sulla polemica relativa all'ospedale accusato dal presidente del consiglio Giuseppe Conte di non aver rispettato i protocolli contribuendo a dar vita al focolaio di Coronavirus, il sindaco ha commentato: "Non voglio entrare in una polemica politica, bisogna gestire l'emergenza e fare squadra". Tuttavia ha osservato che "il protocollo del ministero consentiva al personale medico di fare il tampone del Coronavirus se il paziente ha avuto contatti o è stato in un territorio cinese a rischio. I medici hanno ‘beccato' il cosiddetto ‘paziente 1‘ proprio perché gli è venuto il dubbio che potesse essere Coronavirus nonostante non avesse avuto contatti con la Cina: dovrebbero dirgli ‘bravi. L'ospedale di Codogno sta rispondendo al massimo delle possibilità, spero che la polemica sia stata capita male, altrimenti sarebbe folle. Il modello sanitario della Lombardia è riconosciuto, come eccellenza, a titolo universalistico. Certo, tutto è perfettibile, ma dire che la colpa sia stata dell'ospedale mi sembra ridicolo".

25 febbraio 14:35 Coronavirus, Conte: “Si è esagerato con la prova tampone. Italia paese sicuro”

"Confidiamo che le misure adottate produrranno un effetto contenitivo sulla diffusione del virus nei prossimi giorni". Giuseppe Conte ha così risposto alle domande dei giornalisti nel corso della conferenza stampa che si è appena tenuta nella sede della Protezione Civile. Il premier ha anche annunciato che nelle prossime ore verrà resa presentata una nuova ordinanza che sarà valida per tutta Italia per far fronte all'emergenza Coronavirus. "Nel corso della riunione abbiamo presentato con il ministro Speranza a tutti i governatori una bozza di ordinanza lasciandola al loro vaglio in cui daremo indicazioni a tutti i rappresentanti delle regioni che non sono coinvolte dal contagio. Consideriamo che in questo modo assicureremo la massima uniformità di comportamenti. Ci sono tre livelli di azione: uno già adottato per le aree della zona rossa (10 comuni del lodigiano e Vo' Euganeo), secondo livello nelle aree circostanti con episodi da contagio e la restante parte del territorio nazionale, dove vanno adottate misure di cautela. Non si giustifica la chiusura delle scuole in Italia, semmai sospendiamo i viaggi di istruzione, ma sicuramente non ha ragione di esistere una sospensione totale".

Il presidente del Consiglio ha anche sottolineato che negli ultimi giorni si è esagerato con la prova tampone. "La prova tampone va fatta solo in alcuni casi circostanziati. Il fatto che negli ultimi giorni si sia esagerato con la prova tampone non corrisponde alle prescrizioni della comunità scientifica", ha specificato Conte, che ha anche aggiunto: "Ci sono tre imperativi etici: collaborare, collaborare, collaborare. Non intendevo sopravanzare le competenze regionali. Ho fatto una riflessione sul sistema sanitario organizzato su base regionale, quindi il coordinamento va fatto con tutti. Stiamo lavorando fianco a fianco con tutti i presidenti, a livello nazionale e a livello territoriale". Infine, il premier ha concluso affermando che "l'Italia è un Paese sicuro, in cui si può viaggiare e fare turismo. Ci sono solo aree limitatissime con restrizioni; forse è un Paese più sicuro di tanti altri". Lo ha detto Giuseppe Conte in conferenza stampa, alla Protezione civile di Roma.

25 febbraio 14:13 Coronavirus, diretta: primo caso positivo in Liguria, è una turista arrivata da Codogno

Primo caso di positività al Coronavirus in Liguria. Lo conferma la Regione Liguria. Si tratterebbe di una turista donna di 72 anni che risiede in un albergo ad Alassio e che era arrivata da Codogno, il comune del Lodigiano focolaio dell'epidemia in Italia. La paziente è stata già  trasferita all'ospedale San Martino di Genova, dove si trova in isolamento nel reparto di malattie infettive, le sue condizioni sono buone. Si rimane, tuttavia, in attesa della conferma definitiva dall'ospedale Spallanzani.

"La signora positiva per Coronavirus ad Alassio ha ricevuto delle cure al pronto soccorso di Albenga prima che scattasse l'ordinanza interdittiva della Regione. Abbiamo già rintracciato il personale con cui era entrata in contatto", ha poi aggiunto il governatore, Giovanni Toti, nel corso del punto stampa. La visita al pronto soccorso sarebbe avvenuta di notte, in un momento di basso afflusso. "Il sindaco di Alassio sta firmando l'ordinanza interdittiva per l'albergo che ospita la comitiva – prosegue Toti- chi si trova all'interno rimarrà in isolamento. Il personale che, invece, è a casa per fine turno dovrà sottoporsi a isolamento volontario a domicilio".

25 febbraio 13:28 Coronavirus, Fontana: “Situazione difficile ma non così tanto pericolosa”

"E' una situazione difficile ma non cosi' tanto pericolosa, è poco più di una normale influenza, tant'è vero che le persone che sono decedute sono molto anziane o con una compromissione derivante da altre patologie, non si sa ancora quale sia la principale causa dei decessi, se il virus sia concausa o causa, ma sicuramente si tratta di persone che non erano nella pienezza della loro forma fisica". A dichiararlo è stato il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana durante il suo discorso nell'aula del consiglio regionale a Palazzo Pirelli a Milano.

Il governatore ha criticato quei paesi dell'Unione europea che hanno "discriminato la Lombardia" e ha aggiunto che "è un virus particolarmente rapido, particolarmente capace di infettare", ma "il numero è alto anche perché la nostra Regione ha deciso di iniziare un'attenta valutazione delle persone che hanno le condizioni per essere ritenute affette da questo virus a allora abbiamo fatto tanti tamponi e tanti esami. Chiaro che facendo tanti esami abbiamo trovato tanti che erano stati colpiti da questa infezione".

Il coronavirus – ha poi dichiarato Fontana – "è un'ulteriore botta alla nostra economia. Abbiamo chiesto al Governo di aiutare imprenditori, gli esercizi commerciali che subiranno un grave danno da questa situazione. Il Governo almeno a parole si è impegnato". Il governatore ha poi aggiunto che "anche la Regione sta pensando di estendere l'azzeramento dell'Irap alle aziende che si trovano all'interno della zona rossa".

Per finire Fontana ha citato il Capo dello Stato: "Il presidente della Repubblica ci è molto vicino, anche recentissimamente mi ha incaricato di estendere un grande ringraziamento a tutte le persone del comparto della sanità ma non solo. Mi ha detto di dire a loro che è molto vicino a tutti noi che stiamo combattendo questa piccola ma significativa battaglia. Credo che il sostegno del presidente ci renda un pochettino più forti, in fondo una parte buona della politica c'è ancora e c'è qualcuno che crede in questo paese".

25 febbraio 13:15 Coronavirus in Lombardia, procede bene la gravidanza della moglie del 38enne di Codogno

La moglie del cosiddetto paziente 1, il 38enne di Codogno primo contagiato in Italia, è ancora ricoverata al Sacco di Milano perché positiva al Coronavirus, ma "sta bene, ha fatto l'ecografia e la gravidanza procede bene, la bambina sta bene e la gravidanza arriverà a termine": lo dice all'Ansa uno dei dirigenti del gruppo podistico dove corrono la donna e il marito, ora ricoverato a Pavia.

25 febbraio 13:08 Coronavirus, ultime notizie: due casi positivi in Austria e uno in Croazia

Il contagio da Coronavirus si allarga in Europa. Oltre all'Italia, dove al momento si registrano più di 280 casi confermati di infezione dal nuovo virus, due casi positivi sono stati accertati in Austria, precisamente in Tirolo. Lo riferisce il governatore Gunther Platter, citato dall'agenzia austriaca Apa. Si tratta di due italiani di 24 anni, originari della Lombardia, ma residenti a Innsbruck. Il contagio sarebbe avvenuto proprio in Italia, ma i due non sono in pericolo di vita e al momento accusano febbre. Alla comparsa dei primi sintomi hanno immediatamente contattato il servizio sanitario del Tirolo. Primo caso di Coronavirus anche in Croazia, come ha annunciato il premier Andrej Plenkovic alla stampa.

25 febbraio 13:00 Coronavirus, ultime notizie. L’Oms: “Le misure prese dall’Italia vanno nella giusta direzione”

"Le misure che sono state prese vanno nella direzione giusta". Lo ha detto Valter Ricciardi, dell'Organizzazione mondiale della Sanità e da oggi consulente del ministro della Salute Roberto Speranza. "È molto importante – ha aggiunto – che il Paese si muova unito per fronteggiare questi due focolai epidemici", aggiungendo che "le mascherine alle persone sane non servono a niente, servono alle persone malate e al personale sanitario. Quelle di garza non servono a proteggere i sani, servono come misura di precauzione" per chi è malato e per i medici.

25 febbraio 12:51 Coronavirus, Palazzo Chigi: “Chiusura scuole in tutta Italia è fake news”

La Presidenza del Consiglio smentisce le notizie che stanno circolando in queste ore su una presunta chiusura, per decisione del Presidente Conte, di tutte le scuole di ogni ordine e grado in tutta Italia. "Le decisioni e le misure adottate dal governo vengono comunicate esclusivamente attraverso i canali e le fonti ufficiali, alle quali si prega di far riferimento", si legge in una nota di Palazzo Chigi, che sottolineato che solo nelle sette regioni colpite dai contagi o vicine alle aree focolaio le scuole di ogni ordine e grado resteranno chiuse fino a domenica 1 marzo.

25 febbraio 12:41 Coronavirus in Italia, l’elenco completo delle province con il numero dei contagi

Sono 20 le province che registrano casi di Coronavirus, secondo i dati della Protezione civile che sono stati annunciato da Angelo Borrelli nel corso dell'ultima conferenza stampa con il bollettino aggiornato della situazione nel nostro Paese. In Lombardia ci sono 35 casi positivi in fase di ospedalizzazione o isolamento. Ecco, nel dettaglio, il numero di casi che sono stati accertati nelle province interessate dall'emergenza, che al momento sono 20.

  • Lombardia: Lodi (101 casi), Cremona (39), Pavia (17), Bergamo (14), Milano (3), Monza Brianza (2), Sondrio (1);
  • Veneto: Padova (30), Venezia (7), Treviso (1);
  • Emilia Romagna: Piacenza (17), Parma (4), Modena (1), Rimini (1);
  • Piemonte: Torino (3);
  • Toscana: Firenze (1), Pistoia (1);
  • Trentino: Alto Adige, Bolzano (1);
  • Sicilia: Palermo (1);
  • Lazio: Roma (3).

25 febbraio 12:27 Primo caso di Coronavirus a Rimini: tornava da un viaggio all’estero

C'è un caso positivo al Coronavirus a Rimini. Il paziente, di cui non si conoscono ancora dettagli, è ricoverato in ospedale e tornava da un viaggio all'estero. "Su quest'ultimo caso sono in corso approfondimenti sul piano epidemiologico", spiega la Regione Emilia Romagna, dove il numero degli infetti ha raggiunto quota 23. Altri due nuovi casi, entrambi riconducibili al focolaio lombardo, riguardano cittadini di Parma. Un terzo, un'operatrice sanitaria dell'ospedale di Piacenza.

25 febbraio 12:23 Coornavirus a Milano, positivo un dipendente della Banca Mediolanum di Basiglio

Tra i 212 casi positivi al Coronavirus in Lombardia c'è anche quello di un dipendente della Banca Mediolanum della sede di Basiglio. L'uomo è residente a Zavattarello, nel Pavese, ed è assente dall'azienda da venerdì 21 febbraio e nel fine settimana è stato contattato dalla competente Ats di Pavia, risultando positivo agli accertamenti. È tuttora asintomatico ed è in isolamento domiciliare.

25 febbraio 12:17 Coronavirus, la diretta: atterraggio d’emergenza in Turchia per volo con caso sospetto a bordo

Un volo di linea con 132 passeggeri a bordo partito da Teheran e diretto a Istanbul ha compiuto un atterraggio d'emergenza all'aeroporto Esenboga di Ankara per la presenza di un sospetto caso di infezione da Coronavirus. Squadre mediche sono state inviate sull'aereo per i controlli. La Turchia ha deciso due giorni fa la sospensione dei collegamenti aerei ordinari con l'Iran, che però sono ancora autorizzati per riportare in patria i cittadini turchi. Il sospetto caso riguarda quindi probabilmente un turco.

25 febbraio 12:07 Coronavirus, ultime notizie. Borrelli: “283 contagiati e 7 morti. In Lombardia 212 casi positivi”

È arrivato il nuovo bollettino della Protezione Civile con i dati aggiornati dell'emergenza Coronavirus in Italia. "I contagiati sono 283 – ha detto Angelo Borrelli nel corso della conferenza stampa -. 212 unità sono localizzate in Lombardia con incremento di 40 unità rispetto a ieri, di cui sei deceduti. Di questi, 101 casi positivi sono nella provincia di lodi, 39 in quella di Cremona. In Veneto ci sono 38 unità con incremento di 5 unità, in Emilia Romagna 23 unità, in Piemonte 3 unità, nel Lazio 3 unità di cui un guarito, altre 2 in Toscana e una rispettivamente in Sicilia e in Trentino, a Bolzano. Su 100 persone 80 guariscono normalmente. Tutti i decessi sono legati a malattie pregresse dei paziente, come avviene per altro con l'influenza stagionale".

25 febbraio 11:52 Coronavirus a Palermo, turisti in quarantena nell’hotel dell’infetta: “Immaginate come stiamo”

"Immaginate come stiamo". È quanto dichiarato dai turisti che si trovano al momento in quarantena in un albergo di Palermo dove alloggiava la turista bergamasca trovata positiva al Coronavirus. Il gruppo di turisti lombardi, tra cui la sessantenne risultata positiva al tampone, è arrivato nel capoluogo siciliano dall'aeroporto bergamasco "Orio al Serio" venerdì mattina. Lo riferiscono fonti del Comune di Palermo che spiega che il protocollo internazionale di sicurezza prevede che si facciano controlli su persone sedute due file avanti e due file dietro la persona contagiata. Nonostante questo l'Azienda sanitaria provinciale sta contattando tutti i passeggeri tramite i recapiti forniti dalla compagnia aerea. La signora è stata intanto posta in isolamento alle 14.30 di ieri; prima in albergo, poi il nucleo Ncbr, appena avuto conferma del primo tampone positivo, l'ha portata nel nosocomio con trasporto a pressione negativa. L'autista del pullman che ha trasportato il gruppo ha contattato stamattina il 118 dicendo di non avere alcun sintomo e di essersi posto in autoisolamento in attesa che vadano a fargli il tampone.

"La turista bergamasca risultata positiva al Coronavirus ha 37.4 di febbre, è in buone condizioni di salute, è perfettamente cosciente e sta anche dando indicazioni sul percorso turistico che il gruppo ha fatto", ha aggiunto il sindaco di Palermo Leoluca Orlando parlando con i giornalisti prima di partecipare alla riunione in prefettura sull'emergenza Coronavirus. "Il marito che era con lei è in buone condizioni", ha detto. Orlando ha anche specificato che per la donna si attende il responso "definitivo" dall'ospedale Spallanzani di Roma. "Si sta facendo tutto quello che è necessario per prevenire il contagio di un'influenza virale che non ha ancora raggiunto per l'Oms un livello per essere considerata epidemia". Il direttore e manager dell'Hotel Mercure di Palermo, Andrea Stancato ha affermato: "Siamo in costante contatto con le autorità sanitarie e, al momento, non vi è conferma definitiva che l'ospite sia affetta da contagio. Alla luce dell'eventuale affezione da covid-19, informiamo che tutto il personale dell'hotel è stato prontamente informato e sono state applicate le linee guida del protocollo ufficiale per la sicurezza di tutti i dipendenti e collaboratori della struttura. Il Gruppo Accor, a livello globale, ha adottato le linee guida ufficiali emesse dall'Oms e tutte le strutture sono state adeguatamente e tempestivamente informate e istruite in merito ai protocolli da adottare inviando costanti aggiornamenti. Tutti i componenti del gruppo si trovano nelle loro camere e il personale è stato istruito su come rispondere alle loro necessità".

25 febbraio 11:37 Coronavirus, Salvini: “Incredibile che qualcuno cerchi nemici in casa altrui”

Il leader della Lega Matteo Salvini ha tenuto una conferenza stampa al Senato per illustrare le proposte del Carroccio per combattere l'emergenza Coronavirus in Italia. "Consegnerò oggi a Conte le nostre proposte – ha detto l'ex vice-premier -. È comunque incredibile che qualcuno cerchi nemici in casa altrui. Queste proposte riguardano la vita vera. Mi auspico ci sia volontà di lavorare insieme. Ribadisco a nome di tutti i sindaci italiani e dei governatori di qualunque colore politico che non si scarichino responsabilità riconducibili evidentemente al governo centrale. Serve piano straordinario anche di comunicazione. Qualcuno ha sottovalutato la situazione settimane fa".

25 febbraio 11:30 Coronavirus, positivi due specializzandi del Policlinico di Milano: “Contatti col medico infetto”

Aumentano i casi positivi al Coronavirus a Milano: si tratta di due specializzandi del Policlinico che sono stati a contatto col dermatologo cinquantenne infetto e ricoverato da giorni all'ospedale Sacco. Proprio nella giornata di ieri, il medico aveva fatto sapere di stare bene e di essersi subito reso conto che i sintomi che aveva non erano quelli di una semplice influenza.

25 febbraio 11:23 La Bulgarian Air sospende tutti i voli da e per Milano a causa del Coronavirus

La compagnia nazionale bulgara, la Bulgarian Air, ha sospeso tutti i suoi voli da e per Milano fino al 27 marzo. Ad annunciarlo è stata la stessa società, che ha spiegato la decisione attribuendola all'aumento dei casi di Coronavirus in Italia. Tutti i passeggeri dei voli cancellati possono chiedere il rimborso completo dei biglietti o cambiare la data del viaggio senza costi aggiuntivi, si legge in una nota della compagnia aerea.

25 febbraio 11:16 Emergenza Coronavirus, nel mondo ci sono 80.248 infetti ma più di 27mila guarigioni

Mentre in Italia continua a salire il numero dei contagi da Coronavirus, nel resto del mondo cresce anche il bilancio delle guarigioni. Al momento ne sono 27.747 a fronte di 80.248 infetti. In Cina, epicentro dell'epidemia, si calcolano altri 70 morti, con un totale di 2.563 soltanto nella provincia dell'Hubei. Nella stessa giornata di ieri sono stati registrati 508 nuovi casi di Coronavirus. Il bilancio dei morti si è cosi aggravato a 2.663.

25 febbraio 11:04 Coronavirus, nella zona rossa del Lodigiano arriva l’Esercito: “35 check point per i controlli”

Sono passati da 15 a 35 i check point che presidiano la zona rossa del Lodigiano, tra i comuni di Codogno, Casalpusterlengo e Castiglione d'Adda, interessata dall'emergenza Coronavirus e considerata uno dei focolaio dell'Italoa. Lo riferisce il capitano Michele Capone, comandante del Nucleo Investigativo dei carabinieri di Lodi. L'ufficiale spiega che "i check point sono sensibilmente aumentati sul perimetro della cinturazione e alcuni sono stati allestiti anche all'interno della zona rossa". Sul posto, prosegue, "è arrivato anche personale dell'esercito".

25 febbraio 10:57 Coornavirus, in Corea del Sud test su 200mila fedeli della chiesa focolaio

Il governo della Corea del Sud, secondo paese al mondo per numero di contagio da Coronavirus, vuole fare i test sulla positività al nuovo virus agli oltre 200mila fedeli della Chiesa di Gesù Shincheonji, culto fondato nel 1984 dal pastore Lee Man-hee che ha sede nella città di Daegu e a cui è riconducibile circa il 60% del casi certi di infezione. I leader della chiesa, scrive la Yonhap, hanno accettato di fornire alle autorità l'elenco dei fedeli stimati in 215mila. Il focolaio è partito da una donna di 61 anni ("paziente n.31"), molto attiva nella comunità religiosa, che è risultata un "super diffusore".

25 febbraio 10:41 Coronavirus, ospedale pediatrico Meyer di Firenze: “Accessi al Pronto soccorso limitati a casi gravi”

"Limitare gli accessi al pronto soccorso se non per i casi di effettiva gravità e contattare i pediatri di famiglia disponibili anche nel week end". Questa è l'indicazione che ha dato alle famiglie la direzione dell'ospedale pediatrico Meyer di Firenze, dopo che si è appresa la notizia dell'imprenditore di ritorno da Singapore, risultato positivo al secondo test sul coronavirus. Si tratta del primo caso a Firenze e in Toscana.

"Una task force dell'ospedale pediatrico ha messo a punto già dai primi giorni del mese di febbraio una procedura per gestire l'emergenza epidemiologica da Coronavirus", si spiega in un comunicato, con l'obiettivo "di limitare per quanto possibile gli ingressi e prendere rigorose misure precauzionali per individuare le persone con febbre e/o sintomi respiratori, attraverso la creazione di percorsi dedicati". L'accesso all'ospedale avverrà attraverso un unico punto di entrata segnalato e sarà presidiato da personale di vigilanza. Al momento le attività ambulatoriali non sono sospese, ma per i pazienti che non si presentano agli appuntamenti non vengono applicate le modalità di recupero del bonus/malus.

"Si raccomanda di non portare per visite, esami, o prelievi programmati bambini e adolescenti con febbre o tosse se non strettamente necessario in quanto oggetto della visita stessa", precisa sempre l'ospedale. È consentita la presenza di un solo accompagnatore, tranne nelle situazioni in cui è necessario raccogliere il consenso di entrambi i genitori. "L'accompagnatore non deve presentare febbre e o tosse; in caso che eccezionalmente non fosse possibile altrimenti, dovrà indossare la mascherina chirurgica". Saranno rinviati gli interventi chirurgici programmati per i quali è prevista degenza in area critica nel post operatorio.

25 febbraio 10:28 Coronavirus, stop a visite turistiche al Parlamento siciliano dopo il primo caso a Palermo

L'Assemblea regionale siciliana dopo la notizia del primo caso di contagio da coronavirus nell'Isola, a Palermo, ha deciso di chiudere le porte ai turisti. Lo conferma – contattato telefonicamente dall'agenzia di stampa Italpress – il presidente Gianfranco Miccichè. "Aspetteremo per rispetto istituzionale l'esito del Comitato per l'ordine e la sicurezza che si riunisce stamattina presso la prefettura di Palermo – afferma Miccichè – ma abbiamo intanto deciso di chiudere Palazzo dei Normanni ai turisti e ai convegni".

25 febbraio 10:18 Coronavirus, in Gran Bretagna auto-isolamento obbligatorio per 14 giorni per chi arriva dal Nord Italia

La Gran Bretagna impone da oggi ‘l'auto-isolamento' per 14 giorni a scopo precauzionale a tutti coloro che arrivano dal Nord Italia (a nord di Pisa, Firenze e Rimini) e presentino sintomi "anche leggeri" d'un potenziale contagio da coronavirus. Dispone inoltre la quarantena obbligata anche in assenza di sintomi, per lo stesso periodo di tempo, per tutti coloro che arrivino dai paesi della Lombardia e del Veneto isolati su decisione del governo italiano. È quanto si legge nelle indicazioni aggiornate dei suggerimenti del Foreign Office.

25 febbraio 09:56 Coronavirus, Cirio: “Piemonte non è un focolaio. Quarto caso era una bimba risultata negativa”

"Il Piemonte è una Regione di 4 milioni e mezzo di abitanti e tre casi positivi. Il quarto, una bambina, era in dubbio ed è risultata negativa. Sono casi che arrivano dalla Lombardia, uno dalla Cina. Non siamo focolaio". Lo ha detto il presidente della Regione Piemonte, Alberto Cirio, ai microfoni di Agorà su Rai Tre. In Piemonte i casi rimangono tre, 266 quelli totali in Italia.

25 febbraio 09:48 Coronavirus, in Veneto i contagi salgono a 38: 6 in più di ieri

Sono saliti a 38 i casi di persone positive al coronavirus in Veneto. Lo riferisce il nuovo report della Regione Veneto.Ci sono 6 contagiati in più rispetto a ieri. Nel cluster di Vo' si contano ormai 29 casi di Covid-19 (tra cui una vittima), 4 in quello di Mira (Venezia), 5 in quello di Venezia. In totale 5 pazienti si trovano in terapia intensiva, mentre sono 18 le persone positive in isolamento domiciliare. I casi registrati in Italia al momento sono 266.

25 febbraio 09:44 Coronavirus, salgono a 206 i contagi in Lombardia

Aumentano i casi di Coronavirus in Lombardia: l'ultimo aggiornamento parla di 206 casi nella Regione. Questa mattina si sono registrati altri due casi: uno a Palermo e uno a Firenze. I casi in Italia arrivano a 266 in tutto.

25 febbraio 09:23 Coronavirus, Dadone: “Stipendio pieno per chi sta in zona rossa e non può andare a lavorare”

"Stiamo mantenendo la massima allerta per la tutela dalla salute dei cittadini: bisogna evitare l'agitazione collettiva. C'è massima allerta nelle aree di maggiore propagazione, per il resto siamo fiduciosi di riuscire a contenere la situazione". Lo ha assicurato la ministra della Pa Fabiana Dadone, parlando dell'emergenza coronavirus ai microfoni di ‘Circo Massimo' su Radio Capital. Il governo è al lavoro su un provvedimento economico: "L'idea è di mettere tutto assieme nelle stesso decreto: la sospensione delle tasse e delle scadenze fiscali insieme alla parte che riguarda il lavoro pubblico e privato". Tuttavia, sottolinea, "se ci sarà la necessità ne faremo anche un altro". Quanto alla sospensione dell'attività lavorativa "per chi risiede e deve andare a lavorare nelle zone rosse non può prevedere la detrazione dello stipendio come se fosse una classica malattia".

Si pensa a favorire lo smart working anche per esigenze familiari, come nel caso di genitori "entrambi lavoratori pubblici nei servizi essenziali, come gli ospedali che restano aperti, mentre però l'asilo chiude", ha aggiunto la ministra.

25 febbraio 09:11 Coronavirus, ultima ora: governo pensa a norme per contenere i prezzi di mascherine e disinfettanti

"Stiamo vagliando l’ipotesi di adottare norme per contenere i prezzi di disinfettanti e mascherine, per evitare aumenti ingiustificati. Proprio ieri ne abbiamo parlato con il ministro" Roberto Gualtieri, "con cui siamo praticamente in riunione permanente. La Guardia di Finanza, già ieri, ha comunque avviato controlli su questi rincari anomali. E questa è la cosa più impattante". A dirlo è la viceministra dell'Economia Laura Castelli, ospite di Radio Anch’Io su Radio 1 Rai, a proposito del lavoro del governo per contenere l'emergenza coronavirus.

"Alle 16 incontreremo con il ministro Patuanelli le associazioni di categorie, imprese in particolare. Stiamo lavorando assieme Sviluppo Economico, Ministero del Lavoro e Ministero dell'Economia per definire gli interventi".

"Ci sono – ha affermato Castelli – temi legati alla finanza, banche e accesso al credito, le questioni del personale ma anche il mondo del turismo che è in particolare fermento. In questo momento stiamo parlando di sei Regioni in cui ci sono ordinanze importanti, e potranno registrare un rallentamento del tessuto economico. Siamo molto attenti a questo aspetto, proprio per evitare problemi sul lungo termine. Per questo siamo pronti ad intervenire nell'immediato".

25 febbraio 08:58 Coronavirus, primo caso a Firenze: è un imprenditore sessantenne

È stato confermato il primo caso di coronavirus a Firenze. Si tratterebbe di un imprenditore di sessant'anni che ha aziende in Oriente. L'uomo  ieri pomeriggio si è presentato all'ospedale di Santa Maria Nuova, nel centro della città. Nella notte il tampone effettuato sul paziente ha rivelato la presenza del Covid -19. I campioni dei tamponi sono stati inviati all'Istituto superiore di sanità. Il paziente è stato quindi trasferito nel reparto malattie infettive dell'ospedale di Ponte a Niccheri e gli ambienti del Pronto soccorso di Santa Maria Nuova sono stati disinfettati. L'uomo era rientrato da Singapore nei primi giorni di febbraio. Tutti gli aggiornamenti sul caso verrano dati dalla Regione alle 10.30, quando verrà emesso un bollettino con notizie relative agli esiti degli ultimi tamponi effettuati in Toscana.

25 febbraio 08:27 Coronavirus, ultime notizie: salgono a 4 i morti sulla Diamond Princess, la nave in quarantena in Giappone

Una quarta persona è morta in Giappone dopo essere stata portata in ospedale dal periodo di quarantena previsto all'interno della Diamond Princess, la nave da crociera rimasta ancorata nel porto di Yokohama dallo scorso 3 febbraio. Lo riporta la tv pubblica nipponica Nhk, secondo cui la vittima è un anziano ultraottantenne. A bordo 691 persone sono risultate positive.

25 febbraio 08:13 Coronavirus, la diretta: sale il numero dei contagi. Test su una donna bergamasca a Palermo: è positiva

Si allarga in Italia la mappa dei contagi da coronavirus, che arrivano a quota 232: dopo la prima vittima registrata in Italia lo scorso venerdì sera, il bilancio delle morti si è aggravato di ora in ora, arrivando a sette. Le persone che hanno contratto l'infezione non sono purtroppo delimitate alle zone dei due focolai, quello della Lombardia e quello del Veneto. Al momento si registrano infatti 173 casi e 6 vittime in Lombardia; 33 casi e una vittima in Veneto; 18 casi in Emilia Romagna, 3 in Piemonte e nel Lazio, uno in Alto Adige.

È arrivato anche il risultato di un test effettuato su una donna che si trovava in vacanza a Palermo: è positiva. Si tratta di una turista di Bergamo, ora ricoverata nell'ospedale Cervello. La donna ha accusato alcuni sintomi influenzali e dopo la visita della guardia medica è stata portata nell'ospedale per l'esame dei tamponi. È in vacanza con un gruppo di amici in un hotel che si trova nel centro del capoluogo siciliano. La comitiva sarà messa in quarantena nello stesso albergo. Lo conferma la Regione siciliana che dice: "Abbiamo un sospetto caso positivo risultato tale all'esame del tampone". Si tratta del primo caso di coronavirus accertato nel Sud Italia.

Negativi in vece i casi sospetti in Valle d'Aosta: "Al momento non esistono casi di coronavirus, nemmeno sospetti, in Valle d'Aosta", ha confermato il governo della Regione autonoma dopo i risultati, arrivati stanotte, degli esami sui tamponi dei sei casi sospetti, che sono stati eseguiti in laboratori di Milano e Torino. È risultato positivo al test invece un medico italiano a Tenerife. Si tratta di un uomo proveniente dal Nord Italia, dalle zone colpite dal coronavirus. Il turista ha iniziato a sentirsi male mentre era in vacanza e si è presentato alla clinica Quiron, nel Sud di Tenerife, dove è stato ricoverato e isolato.

Sono rientrati intanto i 40 italiani che non sono voluti sbarcare alle Mauritius, dove le autorità avevano imposto loro la quarantena. "È stato un incubo – si lamentano – Non è giusto. Abbiamo subito una vessazione fuori dal comune, un disagio assurdo. Non capiamo perché solo noi, lombardi e veneti, non siamo scesi a Mauritius. Perché solo noi, e gli altri? Sono stati con noi sul volo, quindi sono contagiati anche loro dal Coronavirus".

Da ieri, lunedì 24 febbraio, in Veneto e Lombardia scuole e università sono state chiuse per precauzione, fino al 1 marzo. Lo stesso è stato deciso in Piemonte ed Emilia Romagna. Almeno fino a mercoledì prossimo saranno chiuse le scuole anche in Trentino. Stessa decisione è stata presa dal sindaco di Buccino, comune in provincia di Salerno, per la presenza nei giorni scorsi di persone provenienti da Lodi e Piacenza. Chiuse alcune scuole anche in Campania: vista la presenza di alcune persone provenienti da Codogno, il comune di Lauro, in provincia di Avellino, ha deciso di sospendere le lezioni. A Eboli, in provincia di Salerno, il sindaco Massimo Cariello ha disposto ieri la chiusura delle scuole di ogni ordine e grado fino al 29 febbraio. Anche a Genova si è deciso cautelativamente di sospendere per una settimana ogni attività didattica all'università a partire da ieri. Sempre in Liguria le scuole resteranno chiuse fino a lunedì prossimo. Anche tutte le attività didattiche degli atenei del Friuli Venezia Giulia sono sospese da lunedì 24 febbraio a domenica 1 marzo 2020 compreso. In questa regione resteranno chiuse tutte le scuole sempre fino alla data indicata.

Le attività e gli eventi culturali sono stati bloccati nelle zone a rischio. A Venezia, dopo la sospensione del Carnevale, si è fermata anche la produzione dell'ultimo film della serie ‘Mission: Impossible' con Tom Cruise. Secondo The Wrap, la settima puntata della serie della Paramount Pictures aveva infatti in programma di fare riprese a Venezia per tre settimane. "Per la sicurezza e il benessere del nostro cast e della nostra troupe e per la volontà del governo locale veneziano di fermare le riunioni pubbliche in risposta alla minaccia del coronavirus, stiamo modificando il piano di produzione per le nostre tre settimane da girare a Venezia", ha detto un portavoce della Paramount in un comunicato a The Wrap. Il film è atteso nelle sale cinematografiche per il 23 luglio 2021.

E le città del Nord Italia sono sempre più vuote. I turisti hanno cancellato molte prenotazioni nelle città d'arte. Si allunga la lista dei Paesi che sconsigliano l'Italia come meta ai viaggiatori: lo hanno fatto Bosnia, Croazia, Macedonia, Serbia, Irlanda, Israele. Per il momento Germania, Gran Bretagna e Stati Uniti si sono limitati a invitare i propri cittadini a fare più attenzione se viaggiano nel nostro Paese. Mentre la Francia ha imposto a chi torna da Lombardia e Veneto di mettersi in quarantena. Se la Svizzera ieri ha fatto sapere di non aver intenzione in questo momento di chiudere le frontiere con l'Italia, Il Kuwait ha invece adottato misure drastiche, bloccando tutti i collegamenti aerei con il nostro Paese. Una decisione simile il Paese nel Golfo Persico l'ha presa anche per la Thailandia e la Corea del Sud.

La gente è corsa a fare la spesa nei supermarket, sebbene ieri il governatore della Lombardia Attilio Fontana abbia rassicurato i cittadini, parlando di immotivata paura, perché non ci sarebbe alcun problema con i rifornimenti di cibo. E il disagio nei collegamenti aumenta, dopo lo stop di molti treni. Mascherine e Amuchina sono difficilmente reperibili nelle farmacie, e i costi online sono schizzati alle stelle.

Una nuova riunione è prevista oggi alle 10 nella sede della Protezione civile tra ministri e governatori per fronteggiare l'emergenza. Palazzo Chigi ieri sera ha parlato di "piena soddisfazione" di Conte per la gestione della situazione da parte delle Regioni, dopo che il presidente del Consiglio aveva annunciato di essere "pronto a misure per contrarne le prerogative" se il coordinamento tra i vari sistemi sanitari non conterrà i contagi. "Il presidente Conte, come ribadito tutti i giorni, è pienamente soddisfatto del livello di collaborazione sin qui attuato coi presidenti delle regioni interessate nella gestione della emergenza sanitaria. Il coordinamento tra i vari livelli istituzionali funziona molto bene ed è fondamentale per riuscire a contenere nel migliore dei modi quest'emergenza. Così è stato a oggi e così dovrà essere anche in futuro con tutte le regioni, con le quali bisogna essere pronti a creare iniziative ancor più coordinate laddove necessario", hanno detto fonti di Palazzo Chigi.

Il presidente del Consiglio, analizzando le cause della diffusione del virus ieri ha parlato della mancata diagnosi nell'ospedale di Codogno, un errore della struttura sanitaria che ha generato la catena di contagi: "Non possiamo prevedere l'andamento del virus: c'è stato un focolaio e di lì si è diffusa anche per una gestione di una struttura ospedaliera non del tutto propria secondo i protocolli prudenti che si raccomandano in questi casi, e questo ha contribuito alla diffusione. Noi proseguiamo con massima cautela e rigore". Il ministro della Salute Speranza incontrerà oggi gli omologhi degli stati vicini. Alla riunione, che dovrebbe svolgersi oggi alle 16 nella sede del ministero della Salute e vi parteciperanno, oltre al ministro degli Esteri Luigi Di Maio, il Commissario Ue alla Salute, Stella Kyriakides e i rappresentanti di Austria, Francia, Slovenia e Svizzera. Al vertice prenderanno parte anche i Ministri della Salute di Croazia e Germania.

Il ministro degli Esteri Luigi Di Maio ha annunciato invece ieri sera che il governo è pronto a valutare anche misure più stringenti, come la sospensione del traffico ferroviario e aereo: "Ogni misura in linea con le precauzioni suggerite dall’autorità sanitaria nazionale è necessaria. L’obiettivo è il contenimento del contagio, è per questo che abbiamo disposto una sorveglianza delle aree dei due focolai".

La situazione è meno grave di quanto si percepisca secondo la virologa Ilaria Capua, intervenuta in esclusiva su Fanpage.it. L'esperta sostiene infatti che l’Italia sembra essere uno dei Paesi col più alto numero di contagi – il terzo al mondo in questo momento – ma Capua afferma che "diversi Paesi europei hanno casi di Coronavirus che verranno diagnosticati nei prossimi giorni. Nelle prossime settimane si chiarirà anche questo aspetto, così come l’effettiva estensione del contagio in Italia. Forse, molto banalmente, abbiamo diagnosticato di più e prima". Capua sottolinea inoltre che probabilmente il virus sta già circolando in Italia da settimane, se non da mesi. E questo dimostra che è meno letale di quanto temiamo sia, perché ci abbiamo convissuto già da tempo senza particolari conseguenze.