12 Maggio 2022
12:34

Perché il 91% della Grande Barriera corallina australiana è diventato bianco

Colpita dallo stress termico dovuto alle acque oceaniche troppo calde, la più grande barriera corallina al mondo mostra danni da sbiancamento lungo i 2.300 chilometri di coralli.
A cura di Valeria Aiello

Lo sbiancamento dei coralli ha colpito il 91% della Grande Barriera Corallina australiana. Lo rivela un devastante rapporto pubblicato dalla Great Barrier Reef Marine Park Authority (GBRMPA) che mostra come le temperature oceaniche superiori alla media nell’ultima estate abbiano causato danni da stress termico giudicati da minori ad acuti lungo i 2.300 km del sistema corallino.

Le osservazioni confermano eventi di sbiancamento in più barriere coralline in tutte le regioni – si legge in una dichiarazione che accompagna il rapporto – . Questo è il quarto evento di sbiancamento di massa dal 2016 e il sesto che si verifica sulla Grande Barriera Corallina dal 1998”. I ricercatori hanno spiegato che si è trattato del primo evento di sbiancamento di massa verificatori nelle condizioni di La Niña, un fenomeno oceanico durante il quale la temperatura della parte equatoriale dell’Oceano Pacifico è inferiore alla media.

Nonostante La Niña, che avrebbe dovuto assicurare una tregua alle barriere del Pacifico occidentale, i risultati dell’indagine annuale del GBRMPA sulla barriera corallina nel suo insieme indicano che su un totale di 719 barriere monitorate da elicotteri nell’estate australe 2021-22, ben 654 barriere (91%) hanno mostrato segni del fenomeno distruttivo. “Lo sbiancamento dei coralli era in gran parte coerente con la distribuzione spaziale dell’accumulo di stress da calore, con una percentuale maggiore sulle barriere che sono state esposte al più alto stress da calore accumulato durante l’estate”.

Le regioni della Grande Barriera corallina colpite dallo sbiancamento
Le regioni della Grande Barriera corallina colpite dallo sbiancamento

Lo sbiancamento più grave, come mostrato nella mappa pubblicata nel rapporto, si è verificato nella regione centrale della Grande Barriera corallina, che comprende le barriere da Cape Tribulation fino alle Whitsundays, con gravità crescente nelle acque poco profonde delle barriere coralline costiere da Cooktown alle Whitsundays, tra le principali mete turistiche.

Lissa Schindler, responsabile della campagna dell’Australian Marine Conservation Society, ha affermato che il rapporto è “una notizia devastante per chiunque ami la barriera corallina” e fornisce “ancora più prove” di come la riduzione delle emissioni di gas serra debba essere la massima priorità. “Questo è stato un anno con La Niña, normalmente caratterizzato da più nuvolosità e pioggia – ha precisato Schindler – . Avrebbe quindi dovuto essere un gradito sollievo per la nostra barriera corallina, aiutandola a riprendersi, eppure l’istantanea mostra che oltre il 90% delle barriere coralline monitorate ha mostrato uno sbiancamento”.

Anche se lo sbiancamento sta diventando sempre più frequente, questo non è normale e non dobbiamo accettare che le cose stiano così. Dobbiamo rompere gli schemi che stanno distruggendo la nostra barriera corallina”.

I pesci colorati stanno sparendo dalle barriere coralline e la colpa è solo nostra
I pesci colorati stanno sparendo dalle barriere coralline e la colpa è solo nostra
La grande barriera corallina sta morendo a causa nostra: mix di
La grande barriera corallina sta morendo a causa nostra: mix di "integratori" per provare a salvarla
Scoperta enorme e magnifica barriera corallina incontaminata: “È come un roseto a perdita d'occhio”
Scoperta enorme e magnifica barriera corallina incontaminata: “È come un roseto a perdita d'occhio”
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni