“Tutto quello che sta venendo fuori è strumentalizzazione al cento per cento. Nel post non c’è nulla di discriminatorio, nulla di arrogante. Non sono razzista, non mi approfitto delle debolezze degli altri”. Si è difeso con queste parole, in un intervento a Radio Capital, il vicesindaco di Trieste Paolo Polidori, sommerso dalle critiche dopo aver scritto un post su Facebook in cui si vantava di aver gettato le coperte di un senzatetto. “Sono sconcertato, nel post non c’è riferimento a nessuna persona. Sulla persona che bivaccava in quel punto c’era un provvedimento di allontanamento, ho presunto che fosse andata via”, ha detto Polidori a Radio Capital spiegando che a Trieste “nessuno resta senza tetto sulla testa”, che “non c’è mancanza di solidarietà” e che lui in prima persona si era interessato di questo clochard. “Lo cercherò – ha aggiunto ancora il vicesindaco – voglio parlargli”. Quando gli hanno chiesto se riscriverebbe il post che ha scatenato le polemiche e che poi è stato rimosso (ma lui sostiene di non averlo cancellato), il vicesindaco ha risposto che non lo rifarebbe in questo modo anche perché “è brutto sentirsi dare del razzista”.

Il post cancellato del vicesindaco di Trieste

Su Facebook Paolo Polidori spiegava venerdì di avere “visto un ammasso di stracci buttati a terra” aggiungendo che “non c'era nessuno, quindi presumo fossero abbandonati: da normale cittadino che ha a cuore il decoro della sua città, li ho raccolti e li ho buttati, devo dire con soddisfazione, nel cassonetto: ora il posto è decente! Durerà? Vedremo. Il segnale è: tolleranza zero!! Trieste la voglio pulita!!. Sono andato subito a lavarmi le mani! Adesso si scatenino i benpensanti, non me frega nulla!!”.

Da Renzi e Boldrini, la polemica su Polidori

Tra i primi ad attaccare il vicesindaco la segretaria provinciale del Partito Democratico, Laura Famulari, che ha ricordato le parole del sindaco, Roberto Dipiazza, che in un consiglio comunale aveva parlato di un senzatetto in via Carducci con probabili problemi di salute. Famulari ha attaccato proprio per questo motivo Polidori che "con un gesto che non stento a definire ‘malvagio'", "nelle prime gelide giornate dell'anno, getta direttamente coperte e piumini nelle immondizie!". "Quello del vicesindaco Polidori – così la portavoce triestina del MoVimento 5 Stelle alla Camera, Sabrina De Carlo – è un gesto intollerabile che mortifica l’intera comunità di Trieste e la danneggia. La mia Trieste è una città solidale, aperta, tollerante, accogliente, civile e umana. Non possiamo tollerare chi maltratta e discrimina i più deboli, episodi di questo genere non devono verificarsi soprattutto da parte di chi amministra e rappresenta la città". “Se ti vanti di aver buttato le coperte di un senzatetto, hai buttato anche la tua dignità”, il commento senza giri di parole dell’ex segretario del Pd Maurizio Martina. E l’ex premier Matteo Renzi: “Il vicesindaco di Trieste si vanta sui social per aver buttato via la coperta a un senzatetto. Un gesto indegno del vicesindaco di una città ricca di valori e cultura quale Trieste: il gesto vigliacco di chi cerca visibilità e dimentica l’umanità. Una vergogna assoluta”. “Dovevano abolire la povertà e invece si accaniscono contro i poveri. Un uomo, un vicesindaco, che getta in un cassonetto le coperte di un senzatetto per poi vantarsene su Facebook, che persona è?", il commento invece di Laura Boldrini.