Prima ha aperto il fuoco contro la moglie 27enne, e mamma dei suoi due figli, poi ha usato quella stessa arma per suicidarsi. Tragedia a Lima, in Ohio, Stati Uniti, dove Zachary Starr, 29 anni, ha ucciso la sua Mikki e poi si è tolto la vita lo scorso mercoledì nella casa dove viveva la loro famiglia. Alcuni parenti, dopo aver letto alcuni messaggi pubblicati dall'uomo sui social network definiti "allarmanti", hanno avvertito le forze dell'ordine che, arrivate nell'appartamento, hanno trovato i corpi dei coniugi senza vita. "Abbiamo ricevuto informazioni da membri della famiglia che c'erano alcuni messaggi sui social che ci hanno indicato che quello che probabilmente stiamo osservando in questo momento è un caso di omicidio-suicidio", ha detto il sergente investigativo Jason Garlock, che sta conducendo le indagini, alla stampa locale, ma che non ha voluto fornire ulteriori dettagli.

Mikki si era diplomata alla Elida High School nel 2012 e poi al Rhodes State College nel 2019. La giovane madre era un tecnico di endoscopia presso Mercy Health-St. Rita's Medical Center da agosto 2019. Aveva incontrato Zachary nel 2012, poi nel giugno del 2017 si erano sposati. Hanno avuto un figlio, Ryker Starr, nel luglio 2013 e una figlia Ryah Starr, nel marzo 2019. Non è chiaro dove fossero i bambini al momento della tragedia. "Ho il cuore spezzato, Mikki è morta e chiedo a tutti di mantenere la nostra famiglia nelle proprie preghiere", ha scritto su Facebook la cugina della 27enne, Tracey Anne Davis. Intanto, mentre continuano le indagini per cercare di capire l'esatta dinamica di quanto successo, i cadaveri dei due coniugi sono stati trasferiti all'ufficio del medico legale della contea di Lucas per essere sottoposti ad autopsia, i cui risultati potranno far chiarezza su quanto successo. La morte di Mikki è il settimo omicidio causato da una sparatoria o da un accoltellamento quest'anno a Lima. Una cifra enorme, se si pensa che in tutto il 2019 ne sono stati dieci.