18 Giugno 2016
11:42

Reinhold Hanning, ex SS novantaquattrenne, condannato a 5 anni di carcere

Contro Hanning la testimonianza di uno dei superstiti di Aushwitz che ha dichiarato che l’ex SS selezionava, tra l’altro, chi era abile al lavoro e doveva dunque essere salvato dalle esecuzioni.
A cura di Danilo Massa
Reinhold Hanning durante il processo (@Bernd Thissen/AFP/Getty Images).
Reinhold Hanning durante il processo (@Bernd Thissen/AFP/Getty Images).

Giunge a sentenza il processo condotto contro Reinhold Hanning, l'ex sergente delle SS e guardia nel campo di concentramento di Auschwitz nel 1942-1944 e accusato di complicità nello sterminio di 140.000 ebrei ungheresi. Il giudice Anne Grudda ha condannato il nonagenario a cinque anni di carcere, spiegando, rivolgendosi all'imputato, che "lei è stato poco meno di due anni e mezzo ad Auschwitz e ha per questo promosso l'eccidio". Contro Hanning la testimonianza di Justin Sonder, uno dei sopravvissuti di Auschwitz, che dice di aver riconosciuto nell'ex SS la persona che lo aveva indicato abile al lavoro e pertanto da risparmiare alla condanna a morte. Hanning, che era entrato come volontario nel corpo speciale nazista a diciotto anni, durante una delle udienze del processo aveva di deplorare "profondamente il fatto di essere stato membro di un'organizzazione criminale, responsabile della morte di tanti innocenti e della distruzione di innumerevoli famiglie". L‘ex sergente aveva ammesso di aver lasciato commettere delle ingiustizie, ma di non aver mai partecipato all'uccisione di alcun prigioniero.

Il procuratore chiedeva sei anni di detenzione, mentre la difesa voleva l'assoluzione del cliente per assenza di prove di coinvolgimento diretto negli eccidi. La giurisprudenza tedesca del Secondo dopoguerra, sulla scorta anche dell'ampia adesione del popolo tedesco al Nazismo, si era sempre orientata per la non colpevolezza dei livelli intermedi della macchina nazista. La condanna di colpevolezza contro Oskar Groening, il contabile di Aushwitz che di sua spontanea volontà aveva deciso di raccontare tutto per mettere i nipoti in guardia dal negazionismo, ha ribaltato la giurisprudenza tedesca e ha di fatto reso processabile chiunque abbia fatto parte, a qualsiasi livello, della macchina di guerra nazionalsocialista.

Uccise a coltellate l'ex compagno di scuola: condannato a 20 anni di carcere
Uccise a coltellate l'ex compagno di scuola: condannato a 20 anni di carcere
Guardia nazista ultracentenario condannato 80 anni dopo per crimini nei lager
Guardia nazista ultracentenario condannato 80 anni dopo per crimini nei lager
Il cantante R. Kelly condannato a 30 anni per abusi sessuali
Il cantante R. Kelly condannato a 30 anni per abusi sessuali
6 di askanews
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni