Un sedicenne della Nuova Zelanda è il nuovo primatista mondiale di maratona in altalena: Charlie O'Brien ha volteggiato per 33 ore e 21 minuti, battendo il precedente record segnato nel 2013 da una connazionale di Auckland. Il record è stato omologato da Guinness World Records. Il giovane, che frequenta la scuola media, ha iniziato l'impresa mercoledì scorso alle ore 6 (locali) in un parco della sua città di Napier e ha continuato a oscillare sull’altalena fino alle 15.21 di giovedì. Gli era consentita una pausa di cinque minuti ogni ora per mangiare, bere, andare al bagno e dormire. Il giovane ha anche assunto pillole contro la nausea. Per sostenersi ha mangiato biscotti allo zenzero e ha bevuto cioccolato caldo. Ha indossato guanti di lana per impedire alle sue mani di sfregarsi eccessivamente contro le catene e ha fatto anche diverse interviste alla radio, alla carta stampata e alla tv mentre era seduto a dondolarsi.

Sul motivo per cui ha scelto di intraprendere questa maratona, ha detto: "Sarò onesto, ho pensato che sarebbe stato divertente … non mi ero reso conto che sarebbe diventato così importante quando ho iniziato". Per tutta la durata dell’impresa ci sono stati quattro membri del GWR ad osservarlo. A sostenerlo i suoi amici e parenti. La sua compagna di classe, Kate Shellard, di 16 anni, ha definito Charlie una "leggenda" e il "nuovo tesoro nazionale" della Nuova Zelanda. "Nessuno è rimasto sorpreso quando ha detto che avrebbe fatto tutto questo", ha detto Sophie Macredie, 16 anni, un'altra amica. "Sembra davvero una cosa da Charlie”.