21 Novembre 2018
18:02

Militare uccide l’ex fidanzata in una scuola e si suicida: “Nell’aldilà ti dirò perché l’ho fatto”

Ruperto Datwin, un soldato dell’esercito filippino, ha ucciso la sua ex fidanzata – insegnante di scuola elementare – e poi si è suicidato.
A cura di Davide Falcioni

Ruperto Datwin, un soldato dell'esercito filippino, ha ucciso la sua ex fidanzata – insegnante di scuola elementare – e poi si è suicidato: il militare, membro delle forze armate del paese asiatico e schierato a Nueva Ecija, ha assassinato  Melody Esber di fronte ai suoi studenti all'interno della scuola elementare Tambubong di a Bocaue. Dopo aver commesso il delitto si è sparato alla testa. Secondo la polizia l'uomo, estremamente possessivo nei confronti della donna, non riusciva a sopportare l'idea che lei se ne fosse andata di casa un mese fa.

Il bilancio del tragico fatto di cronaca avrebbe potuto però essere anche più grave: un proiettile vagante ha infatti colpito un giovanissimo studente, ferendolo fortunatamente solo di striscio. Secondo quanto finora ricostruito dalla polizia Ruperto Datwin sarebbe entrato nella scuola e all'improvviso – dopo aver parlato all'ex fidanzata per qualche secondo – ha estratto la pistola sparandole e poi rivolgendo l'arma verso se stesso. Poco prima di premere il grilletto avrebbe detto: "Ti spiegherò perché sto facendo questo nell'aldilà".

Pensionato 71enne perseguita l’ex fidanzata di 83: a processo per stalking per la quinta volta
Pensionato 71enne perseguita l’ex fidanzata di 83: a processo per stalking per la quinta volta
Ponza, spedizione punitiva contro fidanzato della ex: "Questa notte sono vivo per miracolo"
Ponza, spedizione punitiva contro fidanzato della ex: "Questa notte sono vivo per miracolo"
100 di Videonews
Scomparsa Andreea Rabciuc, l'appello del fidanzato Simone: "Fatti viva: io non ti ho mai fatto del male"
Scomparsa Andreea Rabciuc, l'appello del fidanzato Simone: "Fatti viva: io non ti ho mai fatto del male"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni