In Spagna si contano le vittime di un’ondata di maltempo che ha colpito Maiorca, la più grande isola delle Baleari. Almeno nove persone sono rimaste uccise, ci sono tre feriti e almeno altre sei persone mancano all’appello. Tra le vittime ci sono due turisti britannici: sarebbero annegati in un taxi a Sant Llorenc des Cardassar, comune a 60 chilometri da Palma più colpito dell’ondata di maltempo. L’autista di quel taxi risulterebbe ancora disperso. A Sant Llorenc des Cardassar un fiume di fango ha invaso le strade della città, trascinato auto, allagato case e bloccato le persone negli appartamenti. Molti, non potendo uscire, hanno atteso i soccorsi sui tetti delle case. Il governo regionale sta coordinando gli sforzi mentre soccorritori e unità militari sono stati inviati sul posto. Le autorità dell'isola hanno dispiegato 80 militari e sette veicoli dei servizi di emergenza dell'esercito sui luoghi più colpiti e oltre 100 soccorritori sono al lavoro dalla notte scorsa. In diverse città dell'isola sono state chiuse le scuole, oltre duecento persone sono state evacuate dalle loro case e hanno trovato riparo in centri appositamente allestisti come all'interno di un ippodromo e di un palazzetto dello sport.

Allerta per il maltempo anche a Ibiza e Formentera – Secondo il servizio meteo spagnolo, nella giornata di martedì in alcune zone di Maiorca sono caduti 22 centimetri di pioggia in quattro ore. Per oggi è prevista ancora pioggia in tutta la parte orientale della Penisola iberica. Allerta anche a Ibiza e Formentera. Il premier spagnolo, Pedro Sanchez, ha definito le inondazioni “devastanti” e ha inviato un messaggio di cordoglio, esprimendo “solidarietà e sostegno alle famiglie e agli amici delle vittime e a tutti quelli colpiti da questa tragica alluvione”. Il premier nel corso della giornata dovrebbe sorvolare in elicottero le zone più colpite.