3 Aprile 2011
19:21

Libia: Gheddafi sempre più solo nella guerra contro il suo popolo

La guerra in Libia prosegue, ma Gheddafi si ritrova sempre più solo, abbandonato da un numero sempre maggiore di politici libici che abbracciano la causa dei ribelli.
A cura di Fernanda Pica

Questa mattina le truppe di Muammar Gheddafi hanno bombardato Brega, la cittadina dove sorge un importante terminal petrolifero della Libia, che era precedentemente caduto nelle mani dei ribelli. Ma quest'ultimi di fronte alla violenza del fuoco nemico, sono stati costretti ad abbandonare la città.

Ma nel frattempo, aumenta il numero di personaggi politici libici, storicamente vicini a Muammar Gheddafi, che abbandonano il colonnello in questa folle guerra contro il suo popolo. Infatti, in questa sola giornata si contano ben due defezioni. L'alto diplomatico Ali Trikli ha appena lasciato la carica di consigliere del colonnello Gheddafi. Oggi, il politico libico ha sostenuto un colloquio al Cairo con il segretario generale della Lega araba, Amr Moussa, non rilasciando ai media alcuna dichiarazione in merito alle sue dimissioni. Tuttavia, pare che l'uomo non abbia deciso di lasciare il suo incarico per passare dalla parte dei ribelli nella guerra in Libia. Ali Trikli ha ricoperto in passato anche la carica di ministro degli esteri e degli affari africani, e ha rappresentato la Libia ai vertici delle Nazioni Unite.

Insieme al consigliere di Gheddafi, rassegna oggi le sue dimissioni anche il vice ministro degli Esteri e degli Affari europei libico, Abdelati Laabidi. Secondo quanto hanno dichiarato alcuni testimoni, l'ex vice ministro si trova ora in Tunisia, dopo aver superato la frontiera di Ras Jdir, a bordo di una auto blu libica, accompagnata da un veicolo di scorta. Le auto avrebbero poi proseguito lungo la strada per Djerba. In questa stessa settimana, in un modo analogo a quello scelto da Laabidi,  il ministro degli Esteri, Mussa Kussa ha abbandonato Gheddafi e la Libia. Lo scorso 28 Marzo 2011, Kussa si è recato in Tunisia per una presunta visita privata, dopo la quale, l'uomo ha preso un volo per Londra. Dalla capitale inglese, il ministro degli esteri libico ha poi annunciato di aver abbandonato il regime del colonnello libico.

Libia, 75 migranti morti in un naufragio. L'Ong Sea Watch salva 175 persone
Libia, 75 migranti morti in un naufragio. L'Ong Sea Watch salva 175 persone
La guardia costiera libica (che l'Italia finanzia) ha minacciato la Sea Watch: "Vi sequestriamo"
La guardia costiera libica (che l'Italia finanzia) ha minacciato la Sea Watch: "Vi sequestriamo"
La generazione Z salverà il Pianeta: sono i giovani più consapevoli di sempre
La generazione Z salverà il Pianeta: sono i giovani più consapevoli di sempre
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni