117 CONDIVISIONI
22 Ottobre 2021
08:17

Gabby Petito, i resti umani ritrovati in Florida appartengono al fidanzato Brian Laundrie

Svolta nel caso dell’omicidio di Gabby Petito, la travel blogger di 22 anni uccisa la scorsa estate negli Usa. L’Fbi ha confermato che i resti umani ritrovati mercoledì in un parco in Florida appartengono al fidanzato Brian Laundrie, di cui si erano perse le tracce il 13 settembre. Accanto al suo corpo gli inquirenti avevano trovato anche alcuni suoi oggetti personali. Era sospettato di essere l’autore dell’omicidio della fidanzata.
A cura di Chiara Ammendola
117 CONDIVISIONI

I resti umani ritrovati mercoledì in un parco naturale nella regione di Tampa in Florida appartengono a Brian Laundrie, il 23enne accusato di aver ucciso la scorsa estate la fidanzata Gabby Petito. Le analisi dei medici legali hanno confermato quelli che erano i sospetti degli inquirenti che hanno rinvenuto accanto ai resti anche alcuni oggetti appartenenti al giovane: uno zainetto, un block notes e diversi vestiti. I resti di Laundrie di cui si erano perse le tracce poco dopo la scomparsa della travel blogger sono stati rinvenuti in una zona della Carlton Reserve di North Port, area paludosa abitata da diverse specie di serpenti e alligatori e per questo lo stato del corpo ha reso non poco difficoltoso il suo riconoscimento. Riconoscimento al quale hanno contribuito anche i famigliari del ragazzo che hanno partecipato attivamente alle ricerche indicando agli inquirenti la zona dove cercarlo.

Gabby Petito fermata dalla polizia dopo un litigio col fidanzato
Gabby Petito fermata dalla polizia dopo un litigio col fidanzato

Ora giunge la conferma: quei resti sono di Brian così come confermato anche dall'Fbi.  Si conclude così la vicenda di cronaca che ha scosso per mesi gli Stati Uniti, iniziata con la scomparsa di Gabby Petito lo scorso agosto, le sue ricerche, il ritrovamento del suo cadavere e la fuga di Brian. Ora bisognerà capire se il 23enne si sia suicidato o sia morto per cause diverse. In questo senso, stando a quanto riportato da fonti di polizia, potrebbe  fornire degli indizi utili il block notes ritrovato poco distante dal suo cadavere.

Laundrie era stato visto l'ultima volta poco dopo la scomparsa della fidanzata: era tornato dalla famiglia in Florida per trascorrere dei giorni insieme dopo il viaggio in camper con Gabby di cui però si erano già perse le tracce. La famiglia della 22enne ne aveva denunciato la scomparsa l'11 settembre. A quel punto, il 14 settembre Brian aveva lasciato la sua casa in Florida con uno zaino in spalla. L'unica incriminazione che al momento gravava su di lui è quella di aver usato due carte di credito di Gabby dopo la morte della ragazza.

Molto seguita su Instagram, dove era riuscita a raccogliere quasi 800mila follower, Gabby era partita con il suo fidanzato, Brian Laundrie, 23 anni, per un viaggio in camper di quattro mesi attraverso gli Stati Uniti per raccontare la ‘van life', la vita nel van. Ma il primo settembre Brian è tornato da solo nella casa a North Port, in Florida, dove i due giovani abitano insieme ai genitori di lui. Poi, l'11 settembre, la famiglia della ragazza, che vive a New York, ne aveva denunciato la scomparsa. Il 23enne era stato anche interrogato dagli inquirenti non fornendo però alcuna informazione. Poi, il tragico epilogo con il ritrovamento del cadavere di Gabrielle che l'autopsia aveva rivelato essere morta per strangolamento.

117 CONDIVISIONI
Gabby Petito, il fidanzato Brian Laundrie si è ucciso con un colpo alla testa
Gabby Petito, il fidanzato Brian Laundrie si è ucciso con un colpo alla testa
Ucciso e sepolto 20 anni fa: ritrovati a Novara i resti di Mohamed Sow
Ucciso e sepolto 20 anni fa: ritrovati a Novara i resti di Mohamed Sow
Strappata dalle braccia della mamma e gettata in piscina durante una rapina, Maria muore a 9 mesi
Strappata dalle braccia della mamma e gettata in piscina durante una rapina, Maria muore a 9 mesi
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni