Israele, dove la campagna di vaccinazione di massa è stata un successo, con oltre il 30% della popolazione che ha ricevuto già almeno una dose di vaccino anti Covid, si avvia alla riapertura delle attività e al ritorno alla quasi normalità. Soprattutto, coloro che sono stati già stati immunizzati o che sono guariti dopo l'infezione da Sars-CoV-2: per loro, infatti, è stato ideato un certificato, chiamato Green Pass, che è un vero e proprio lasciapassare per scuole, musei, palestre e hotel. La certificazione si può ottenere dal ministero della Sanità tramite un'app o dalla cassa mutua che ha gestito la vaccinazione. "Siamo il primo paese al mondo che si sta riprendendo grazie ai milioni di vaccini che abbiamo somministrato", ha twittato il primo ministro Benjamin Netanyahu, aggiungendo. "Vaccinato? Ottieni il Green Pass e torna alla tua vita".

Da oggi al via all'allentamento del lockdown

Da oggi, lunedì 22 febbraio, dopo mesi di lockdown, il terzo a livello nazionale dall'inizio dell'emergenza sanitaria, e una campagna di vaccinazione che prosegue a ritmi sostenutissimi, riaprono alcune scuole, negozi, centri commerciali e saranno applicate una serie di altri interventi per alleggerire le restrizioni. Non per tutti però. Il piano di allentamento della stretta dei mesi scorsi per arginare il contagio da Covid-19 include anche regolamenti separati per i luoghi che riaprono a tutto il pubblico, compresi negozi, musei e biblioteche, e quelli che operano sotto i cosiddetti regolamenti Green Pass, ovvero aprendo le loro porte solo alle persone che sono guarite dal Covid-19 o che hanno ricevuto entrambe le dosi di vaccino. Restano tuttavia in vigore le regole sul distanziamento sociale e l'uso delle mascherine.

A cosa si può accedere col Green Pass

Il Green Pass permette dunque di accedere a luoghi di culto, eventi culturali, palestre, hotel e piscine. Ripartono i concerti e gli eventi sportivi con capacità al 75%, anche se negli stadi il limite massimo è di 300 persone all’interno e 500 all’esterno. Per parteciparvi si deve presentare un documento di identità valido e il certificato in questione, o altro documento che attesti la vaccinazione o la guarigione dal virus. Chi entra in questi luoghi senza avere il Green Pass viene multato per mille shekel, circa 252 euro. Ma sanzioni sono previste anche per i gestori che non rispettano le nuove disposizioni. A breve il Green Pass potrebbe diventare essenziale anche per viaggiare all'estero: Israele di recente ha già firmato con Grecia e Cipro accordi per lo scambio di turisti immunizzati.