Da questa mattina una serie di nuove restrizioni sono entrate in vigore nel Nord Est del Regno Unito. Si tratta di misure che coinvolgono quasi due milioni di persone e riguardano le zone di Newcastle, Gateshead, Sunderland, Northumberland, South Tyneside, North Tyneside e County Durham. Si tratta di provvedimenti temporanei, che dovranno essere rivisti e aggiornati di settimana in settimana, e che dovrebbero contenere l'impennata di contagi da coronavirus nella regione. Mentre crescono in modo allarmante i nuovi contagi da Covid-19, il governo sta facendo il possibile per evitare un nuovo lockdown generalizzato, che sarebbe pressoché insostenibile dal punto di vista economico. Come spiega la BBC, mercoledì scorso le autorità mediche e scientifiche vicino al governo britannico hanno lanciato l'allarme, avvertendo che se l'esecutivo non fosse intervenuto il più tempestivamente possibile, l'epidemia avrebbe raggiunto un nuovo picco con un significativo aumento nel numero delle vittime entro la fine di ottobre. Di qui la decisione di imporre nuove misure di chiusura in alcune aree del Paese. Vediamo che cosa dicono le nuove regole.

Come si legge nel sito del governo britannico, da oggi, venerdì 18 settembre, entrano in vigore una serie di nuove norme anti-contagio e di divieti.

  • I cittadini possono socializzare esclusivamente con il proprio nucleo familiare, evitando contatti con persone al di fuori di questo.
  • Pub e ristoranti potranno effettuare solo servizio al tavolo: non si potrà quindi stare al bancone o affollarsi al di fuori dei locali.
  • Sarà attivato un coprifuoco per le attività di ristorazione e intrattenimento, che dovranno chiudere dalle 10 di sera fino alle 5 del mattino.
  • I mezzi di trasporto pubblico dovranno essere utilizzati solo per in caso di necessità (per andare a scuola o a lavoro).
  • Si consiglia di andare in vacanza esclusivamente con membri del proprio nucleo familiare.
  • Si consiglia di non assistere a manifestazioni ed eventi sportivi.

Il Segretario di Stato per la salute, Matt Hancock, ha commentato: "Dopo aver visto i casi di Covid-19 crescere a un livello allarmante nel Nord Est, le autorità locali ci hanno richiesto supporto per introdurre restrizioni più severe e siamo intervenuti come richiesto. Non sono decisioni che prendiamo facilmente, ma sappiamo che i cittadini del Nord Est lavoreranno insieme per rompere la catena delle trasmissioni". Hancock ha poi lanciato un appello ai residenti delle zone implicate, spingendoli a sottoporsi a test se sintomatici e a rimanere in casa se richiesto dalle autorità sanitarie.

Queste restrizioni si aggiungono alla nuova regola, in vigore da lunedì scorso, che vieta gli incontri tra più di sei persone alla volta. Una norma che, però, è stata introdotta in tutto il territorio nazionale.