Due bambini e una maestra sono morti questa mattina nella cittadina di Saudades, nello stato di Santa Catarina, in Brasile, colpiti da un giovane che armato di machete ha fatto irruzione in un asilo comunale. Pochi attimi nei quali l'aggressore si è scagliato contro i presenti: un'altra maestra è rimasta gravemente ferita mentre l'assalitore è stato ferito e arrestato poco dopo l'arrivo della polizia.

Una seconda maestra è in fin di vita

L'allarme è scattato questa mattina quando è stato chiesto l'intervento delle forze dell'ordine presso l'asilo nido di Saudades, nello Stato brasiliano di Santa Catarina, dove un ragazzo che i media locali descrivono come adolescente si è scagliato contro i presenti. Stando a quanto raccontato dai testimoni sembra che il giovane fosse armato di un coltello tipo machete e che si sia scagliato prima contro i bambini e poi contro le maestre colpendoli con estrema violenza. Le altre maestre presenti hanno allertato le forze dell'ordine e sul posto è giunta immediatamente la polizia militare insieme con i soccorritori che purtroppo però non hanno potuto fare altro che constatare il decesso di due bambini e di una insegnante. Una seconda maestra è rimasta gravemente ferita nell'attacco ed è stata trasportata in ospedale in fin di vita.

L'aggressore, secondo quanto dichiarato da alcuni testimoni, è entrato nell'edificio armato di machete e ha pugnalato chiunque avesse visto davanti a sé. È stato arrestato sul posto e condotto in ospedale, a causa delle ferite riportate nello scontro con la polizia. "Una delle insegnanti è viva, in gravi condizioni, un'altra insegnante e due alunni morti confermati", ha scritto la polizia in una nota, spiegando che si sta indagando sulle motivazione del delitto. Sulla vicenda è intervenuto anche il governatore dello stato di Santa Caterina, Carlos Moisés che ha scritto su Twitter: "È devastante la notizia del massacro registrato nel comune di Saudades con vittime bambini e insegnanti di un asilo nido. La mia solidarietà alle famiglie, alla comunità scolastica e a tutti i residenti dell'accogliente città del nostro Ovest".