Covid 19
5 Ottobre 2020
15:38

Boris Johnson chiede un nuovo approccio sul lockdown: “Sarà un inverno (e un Natale) complicato”

Boris Johnson non nasconde la sua preoccupazione quando parla della situazione Coronavirus nel Regno Unito e di un inverno che si prospetta “complicato”. Nessuna garanzia che entro Natale la situazione migliorerà, alla luce dell’aumento giornaliero dei contagi, con le restrizioni che potrebbero continuare anche nel 2021: “Dobbiamo combattere questo virus, proteggendo l’economia. Questo è l’equilibrio che dobbiamo trovare”.
A cura di Ida Artiaco
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Nessuna garanzia che entro Natale la situazione migliorerà. Non nasconde la sua preoccupazione, Boris Johnson, quando parla della situazione Coronavirus nel Regno Unito e di un inverno che si prospetta "complicato". Il primo ministro britannico, nel corso di una intervista con Andrew Marr della BBC , ha esortato i cittadini a vivere senza paura ma ad "usare il buon senso" per non permettere alla pandemia di distruggere del tutto l'economia del Paese. Per questo, anche se sa che gli ultimi provvedimenti che riguardano la chiusura anticipata di pub e ristoranti e la famosa regola del sei, cioè il divieto di assembramento con più di sei persone che non facciano parte del proprio nucleo familiare o della cosiddetta support bubble, hanno fatto infuriare gli inglesi, e nonostante le polemiche arrivate dal suo stesso partito, ha difeso la gestione della crisi messa in campo dal suo governo.

Johnson ha anche aggiunto che spera che "nel corso delle prossime settimane o mesi l'equazione scientifica cambierà" e ciò consentirebbe un "approccio diverso". Ma ha anche avvertito che le restrizioni potrebbero trascinarsi nel 2021. "Questa situazione continuerà ad essere irregolare fino a Natale, potrebbe anche esserlo anche oltre. Ma questo è l'unico modo per fermare il Coronavirus. Dobbiamo preparci perché questo potrebbe essere un inverno molto duro per tutti noi". Il primo ministro ha anche ribadito che "non potevo seguire un corso che potesse esporci a decine di migliaia di morti in più in brevissimo tempo", sottolineando che "dobbiamo continuare a combattere questo virus, proteggendo l'economia. Questo è l'equilibrio che dobbiamo trovare ", perché "da un lato abbiamo l'imperativo di salvare vite, che è un imperativo morale, dall'altro dobbiamo mantenere in movimento la nostra economia e la nostra società. Penso che la realtà sia che questo è un governo che sta affrontando una crisi senza precedenti e che le persone debbano necessariamente una guida da seguire". Intanto, il Regno Unito continua a registrare migliaia di nuovi contagi su base gironaliera, arrivando a superare ieri i 500mila casi dall'inizio dell'emergenza, secondo il conteggio dell'università americana Johns Hopkins. Il totale delle positività riscontrate finora nel Regno Unito è di 505.620. I decessi sono stati in tutto 42.440, il numero più alto in Europa.

29767 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni