Dopo le dimissioni del governatore uscente, il dem Luciano D'Alfonso, che ha lasciato la guida della Regione dopo essere stato eletto in Senato, ecco i primi risultati delle elezioni anticipate in Abruzzo, che si sono tenute durante la giornata di ieri: Marco Marsilio, candidato del centro destra per le elezioni in Abruzzo, è in testa allo scrutinio, secondo le prime proiezioni Swg, con il 48,9%. Il centrosinistra, con Legnini, sarebbe al 28,7%. Terzo il M5s, con Sara Marcozzi, al 21,2%. Stefano Flajani, di Casapound, è invece dato all'1,2%. I primi dati sono relativi a una copertura del 7 per cento.

Alle urne sono stati chiamati 1.211.204 elettori, di cui 591.635 di sesso maschile e 619.569 di sesso femminile, distribuiti sulle 1.633 sezioni istituite nei 305 comuni dell'Abruzzo. Quasi 12mila diciottenni hanno votato per la prima volta. A sfidarsi sono stati sono la candidata del M5S, Sara Marcozzi, avvocato, consigliere regionale nella passata legislatura, e al suo secondo tentativo per farsi eleggere governatore; il senatore romano, ma di origini abruzzesi Marco Marsilio di FdI, sostenuto dal centrodestra unito; l'ex vicepresidente del Csm e sottosegretario Pd Giovanni Legnini con il sostegno di tutto il centrosinistra; e infine l'avvocato Stefano Flajani, candidato di CasaPound. I cittadini sono stati chiamati a votare anche per il rinnovo dei 30 membri del Consiglio regionale: c'erano ben 428 candidati consiglieri regionali, distribuiti in 15 liste e a sostegno dei 4 candidati alla presidenza della Regione.

Alle ultime Politiche il M5S in Abruzzo alla Camera aveva conquistato il 39,8% dei voti, il centrodestra il 35,8%, il centrosinistra 17,4%. Le urne sono state aperte per tutta la giornata di ieri, dalle 7 alle 23. Questa domenica di voto è stata segnata dalle polemiche per la rottura del silenzio elettorale da parte del vicepremier Matteo Salvini, che con diversi post sui social network aveva invitato i cittadini a recarsi alle urne. Criticata anche la scelta della Rai di consentire l'intervista al pentastellato Alessandro Di Battista, durante il suo programma su Rai Tre ‘In Mezz'ora in Più'.