Con l’inizio del 2021, per ogni nucleo familiare che possiede un apparecchio radiotelevisivo (anche non funzionante) è inevitabile il pagamento del nuovo canone Rai, che ammonta a 90 euro annuali. Se si è titolari di un contratto elettrico, si può effettuare il pagamento del canone in dieci rate mensili mediante addebito nella fattura dell’utenza. Altrimenti la cifra può essere versata tramite modello F24 in un’unica soluzione entro il 31 gennaio o a rate diluite durante l’anno.  Ci sono però alcune categorie che hanno diritto all’esenzione dal pagamento, come i diplomatici, i militari non residenti in Italia e gli over 75 con un reddito annuo proprio e del coniuge complessivamente non superiore agli 8mila euro. Anche in questo caso però c’è una scadenza da rispettare: la domanda di esenzione va inviata entro il prossimo 31 gennaio.

Esenzione canone Rai 2021 per gli over 75 e le altre categorie

Hanno diritto all’esenzione dal canone Rai gli over 75 con un reddito annuo proprio e del coniuge non superiore complessivamente a 8mila euro e senza conviventi titolari di un reddito proprio (ad esclusione dei collaboratori domestici). Coloro che compiranno i 75 anni entro il prossimo 31 gennaio potranno usufruire dell’agevolazione per l’intero anno, mentre coloro che li compiranno in un arco di tempo che va dal prossimo primo febbraio al 31 luglio potranno non pagare dal secondo semestre in poi.
Usufruiscono dell’esenzione anche i diplomatici, i funzionari di organizzazioni internazionali, gli impiegati consolari, i militari di cittadinanza non italiana e il personale civile delle forze Nato di stanza in Italia.

Canone Rai 2021, la scadenza per l'esenzione e il rimborso

Chi rientra nelle categorie aventi diritto all'esenzione dal canone Rai e non ha già fatto richiesta in passato, dovrà presentare la dichiarazione sostitutiva entro il prossimo 31 gennaio.
Se si presenta la dichiarazione sostitutiva in ritardo e il pagamento non dovuto è avvenuto tramite bolletta elettrica, si può presentare l’istanza di rimborso mediante il sito dell’Agenzia delle entrate o della Rai oppure in forma cartacea, tramite la spedizione di una raccomandata senza busta con allegato un documento d’identità. L’indirizzo a cui spedirla è: Agenzia delle entrate – Direzione Provinciale I di Torino – Ufficio Canone TV – Casella postale 22 – 10121 Torino.
Se invece si è titolari di un’utenza elettrica ma non si possiede più un apparecchio televisivo, si può essere esonerati dal pagamento del canone Rai presentando una dichiarazione di non detenzione. Sarà necessario compilare il Quadro A della dichiarazione sostitutiva pubblicata sui siti www.agenziaentrate.gov.it e www.canone.rai.it. Tale dichiarazione avrà validità solo annuale.

Come inviare la richiesta di esenzione dal pagamento

Per ottenere l'esenzione dal pagamento del canone Rai si dovrà compilare la dichiarazione sostitutiva pubblicata sui siti www.agenziaentrate.gov.it e www.canone.rai.it.  Altrimenti si dovrà effettuare in forma cartacea, mediante la spedizione di una raccomandata senza busta con allegato un documento d’identità. L’indirizzo a cui spedirla è: Agenzia delle entrate – Direzione Provinciale I di Torino – Ufficio Canone TV – Casella postale 22 – 10121 Torino.
Chi continuerà a mantenere i requisiti richiesti per l’esenzione anche nei prossimi anni, non avrà bisogno di rinnovare la dichiarazione. Se invece dovesse verificarsi una perdita di questi requisiti, sarà necessario presentare la dichiarazione di variazione dei presupposti (sezione II del modello di dichiarazione sostitutiva).