18 Giugno 2021
08:49

Fisco, stop cartelle anche in estate: niente notifiche e riscossioni a luglio e agosto

Governo e Parlamento sembrano aver raggiunto un’intesa sulla proroga della sospensione delle cartelle: la scadenza del 30 giugno per lo stop all’invio di notifiche sembra poter essere spostata in avanti di due mesi, con una proroga per i mesi di luglio e agosto. La riscossione, quindi, ripartirà solamente a settembre.
A cura di Stefano Rizzuti

Estate senza cartelle esattoriali”, diceva ieri, esultando, il leader della Lega, Matteo Salvini. L’accordo, in effetti, è stato trovato e verrà prorogata per altri due mesi la sospensione delle cartelle. Governo e Parlamento sembrano aver raggiunto l’intesa che permette di far slittare il termine del 30 giugno: la nuova scadenza sarà quella di fine agosto. Il che vuol dire che verrà rinviata a inizio settembre la ripresa dell’invio di notifiche e della riscossione. Formalmente la decisione verrà concretizzata nel decreto Sostegni bis, attualmente all’esame della Camera. La Lega aveva presentato alcuni emendamenti per rimandare i termini a gennaio 2022, ma alla fine si è trovato un compromesso per una data molto più vicina, quella di fine agosto.

Possibile rateizzazione più lunga per rottamazione e saldo e stralcio

Discussione aperta anche su rottamazione e saldo e stralcio. È sempre la Lega a chiedere una rateizzazione più lunga dei due provvedimenti previsti dalla pace fiscale: sia le rate della rottamazione ter che del saldo e stralcio sono state sospese da inizio pandemia. Come ricorda il Sole 24 Ore c’è anche un altro tema di cui si discute, il saldo-acconto di Irpef, Ires e Irap per i soggetti Isa, la cui scadenza è fissata al 30 giugno: la richiesta che si sta valutando è quella di spostare il termine al 30 settembre per i soggetti Isa, anche se un’altra ipotesi considerata prevede di far slittare la scadenza di 20 giorni attraverso un dpcm, senza necessità di introdurre un emendamento sul tema. In questo caso il pagamento delle imposte potrebbe avvenire senza maggiorazioni entro il 20 luglio.

Le possibili modifiche al decreto Sostegni bis

Le modifiche al decreto Sostegni bis sono ancora in discussione e si stanno portando avanti alcune valutazioni che non si chiuderanno prima della prossima settimana, quando arriverà il pacchetto definitivo degli emendamenti. Quelli segnalati da tutti i gruppi, al momento, sono circa 500, di cui 130 arrivati dalle opposizioni. Il Parlamento ha a disposizione 800 milioni di euro per le proposte di modifica, secondo quanto già previsto dal decreto. A questi potrebbero aggiungersi, almeno in parte, fino a 4 miliardi ricavati dalle minori richieste, rispetto al previsto, per gli indennizzi a fondo perduto. Tra le modifiche possibili c’è anche l’idea di cancellare la prima rata dell’Imu per i proprietari di immobili con gli sfratti bloccati da inizio emergenza, così come sembra probabile il rifinanziamento degli ecoincentivi.

Uk, stop mascherine e distanziamento. Johnson: "50mila casi entro il 19 luglio, ma si deve riaprire"
Uk, stop mascherine e distanziamento. Johnson: "50mila casi entro il 19 luglio, ma si deve riaprire"
L'oroscopo della settimana dal 26 luglio al 1 agosto 2021: Vergine, Toro e Capricorno super hot
L'oroscopo della settimana dal 26 luglio al 1 agosto 2021: Vergine, Toro e Capricorno super hot
Capalbio Libri torna in presenza dal 27 luglio al 3 agosto: la presentazione video in esclusiva
Capalbio Libri torna in presenza dal 27 luglio al 3 agosto: la presentazione video in esclusiva
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni