L’accordo c’è. Dopo giorni di lunghe trattative l’Eurogruppo ha trovato l’intesa sul piano europeo per fronteggiare l’emergenza Coronavirus. In particolare i ministri delle Finanze degli Stati membri dell’Ue avrebbero raggiunto l’accordo sul Mes, sulla Bei e sul meccanismo anti-disoccupazione. È ancora in discussione il tema del Recovery Fund, mentre gli Eurobond sembrano essere esclusi dall’accordo, tanto da non essere riportati nel testo delle conclusioni. L’intesa riguarda quindi il Mes e il pacchetto Sure, che mobilita fino a 100 miliardi di euro. Una volta trovato l'accordo, ora le decisioni finali spettano ai leader nazionali, ovvero capi di Stato e di governo. Per quanto riguarda il Fondo per la ripresa, c'è un riferimento nel documento finale, ma si sostiene che debba essere adeguatamente finanziato e proprio su questo saranno i leader a dover intervenire. Altro tema caldo era quello delle conzionalità del Mes. Nelle conclusioni del testo, riportate dall'Ansa, si legge che "il solo requisito per accedere alla linea di credito del Mes sarà che gli Stati si impegnino a usarla per sostenere il finanziamento di spese sanitarie dirette o indirette, cura e costi della prevenzione collegata al Covid-19. La linea di credito sarà disponibile fino alla fine dell'emergenza".

Niente Eurobond, accordo su Mes e prestiti Bei

Sulla questione Coronabond sembra quindi non esser stato trovato un compromesso, dopo il no ribadito più volte dall'Olanda e anche oggi stesso dalla Germania e dalla cancelliera tedesca Angela Merkel. Per quanto riguarda le cifre su cui i ministri delle Finanze avrebbero trovato l'accordo, si parlerebbe di: 240 miliardi per le linee di credito riguardanti il Mes, 100 miliardi per il piano Sure per i sussidi all’occupazione, 25 miliardi per i prestiti della Bei a basso costo per le imprese, che si stima mobiliteranno 200 miliardi. Per un totale di 365 miliardi di euro. Il commissario europeo all'Economia, Paolo Gentiloni, scrive su Twitter: "L'Eurogruppo ha trovato l’accordo. Un pacchetto di dimensioni senza precedenti per sostenere il sistema sanitario, la cassa integrazione, la liquidità alle imprese e il Fondo per un piano di rinascita. L’Europa è solidarietà".

Gualtieri: Proposta ambiziosa, tolte condizionalità Mes

Il ministro dell'Economia, Roberto Gualtieri, commenta su Twitter l'accordo trovato: "Messo sul tavolo i bond europei, tolte dal tavolo le condizionalità del Mes. Consegniamo al Consiglio europeo una proposta ambiziosa. Ci batteremo per realizzarla". Il ministro delle Finanze olandese, Wopke Hoekstra, commenta, sempre su Twitter: "I giorni scorsi sono stati intensi, ma abbiamo raggiunto un buon risultato all'Eurogruppo. Abbiamo trovato un accordo sensato per i Paesi Bassi e per l'Europa, per far fronte alle conseguenza del Coronavirus". Il ministro francese delle Finanze, Bruno Le Maire, parla di un piano dal valore complessivo di mille miliardi.